Skip to content

Intervento riabilitativo e funzioni cognitive nelle psicosi

La riforma psichiatrica e la nascita della comunità terapeutica

La rivoluzione ideologica portata avanti dal movimento antipsichiatrico in Italia ha condotto infine alla promulgazione delle legge n 180 del 1978 che ha istituito un modello assolutamente innovativo a livello mondiale, sancendo di fatto la fine dell’istituzione manicomiale.

Prima dell’esperienza guidata da Franco Basaglia e dai suoi collaboratori a Gorizia e poi a Trieste vi erano state esperienze di “apertura” delle strutture custodialistiche al mondo esterno, ma nessuna di queste aveva inquadrato il tema della “follia” come un problema carico di significati sociali, politici ed economici. Franco Basaglia, psichiatra illuminato e, a tratti, “visionario” ha fortemente creduto nella validità e valenza curativa della relazione umana tra medico e paziente; Basaglia inoltre sebbene osteggiato dalla psichiatra accademica, ha lottato contro lo stigma della malattia mentale che ha quasi sempre prodotto l’emarginazione del soggetto sofferente.

Semplificando possiamo dire che il lavoro di cambiamento avviato in quegli anni può essere riassunto intorno a tre grandi temi: - la chiusura dell’ospedale psichiatrico come critica alla prassi della cultura e della clinica psichiatrica; - la costituzione di una rete di servizi concretamente alternativi, attraverso i quali si articola una prassi di ricerca e di innovazione nell’approccio al malato psichiatrico; - la restituzione al paziente della sua soggettività di persona e la considerazione del malato come di una processo di partecipazione e cambiamento della sua realtà.

Per gli stessi operatori psichiatrici questa grande esperienza originata dalla rivoluzione di Basaglia è stata un’ occasione unica e irripetibile per riflettere sulla dimensione affettiva, transferale e sulla questione del potere e della responsabilità che il ruolo degli operatori psichiatrici comporta in relazione al soggetto che chiede aiuto. Senza entrare nella descrizione del dettato legislativo della legge Basaglia, semplificando molto, possiamo dire che l’obiettivo principale da realizzarsi era non solo quello della chiusura dei manicomi, quanto soprattutto la creazione di una rete di servizi territoriali di cura e gestione del malato che si ponesse in assoluta continuità temporale e terapeutica alle strutture ospedaliere deputate a gestire gli aspetti acuti della patologia (Ferruta e coll., 1998).

La nascita delle prime comunità terapeutiche, sia all’interno del dipartimento di salute mentale sia come residenze esterne e gestite da operatori formati a tal fine, rappresentava un passaggio importante di apertura verso la società civile che, fino a quel momento, aveva guardato ai “matti” come a soggetti da emarginare e custodire. Altro elemento fondamentale in questo approccio totalmente innovativo è la riappropriazione da parte del paziente di una capacità operativa e produttiva seppure sotto forma di lavori adeguati alle sue capacità e abilità. Le prime comunità terapeutiche che dagli anni ‘ 80 nacquero in numero sempre maggiore si ponevano come strutture intermedie tra il ricovero ospedaliero, necessario solo per stabilizzare la sintomatologia acuta, e il reinserimento del paziente nel suo ambiente di appartenenza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Intervento riabilitativo e funzioni cognitive nelle psicosi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sandra Commodari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Catanzaro Magna Grecia
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica
  Relatore: Pietro Grande
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi