Skip to content

L'influenza del pensiero orientale sulla psicologia analitica

Simbolismo del mandala

I temi della completezza psichica e dell’integrazione permeano il dialogo di Jung con la psicologia orientale, riconducendo al simbolo del mandala come rappresentazione del conflitto e della conciliazione degli opposti e ripercorrendo gli stadi del processo d’individuazione.
L’origine del mandala è antichissima, il termine deriva dal sanscrito e significa letteralmente “cerchio magico”; le traduzioni tibetane lo rendono talvolta con “centro”. I mandala sono costituiti da figure geometriche che tendono alla perfezione e rappresentano in forma astratta il Sé. Il cerchio è accompagnato, internamente o esternamente, da un elemento di quaternità, il che lo configura come quadratura del cerchio. Nella letteratura indù si trovano anche i termini padma, che significa loto, e cakra con cui si indicano i centri a forma di fiore delle diverse sedi della coscienza. L’espressione corrispondente del latino medievale è circulus quadratus o rosa.
I mandala sono figure geometriche che possono essere disegnate, dipinte, scolpite o anche essere eseguite in figure di danza, come avviene nei monasteri dervisci. La loro forma circolare, esprime rotondità, pienezza, integrazione, perfezione; simbolicamente rappresentano due aspetti opposti della vita umana spesso inconciliabili, uno spirituale e l’altro materiale. Essi sono tracciati secondo principi ordinativi che mirano alla centratura, alla completezza, alla totalità; esistono una varietà infinita di mandala e parecchie tradizioni spirituali fanno ricorso a quest’immagine.
Il simbolismo del mandala si trova nelle testimonianze storiche di molti popoli e di molte epoche di civiltà diverse, tra cui quella egizia, cristiana, americana, oceanica, oltre che in quella del buddhismo tibetano. Il loro significato di simboli dell’unità e della totalità è ampiamente confermato sia storicamente che dal punto di vista psicologico-empirico.
Quello che appare come un concetto astratto rappresenta in realtà un’esperienza empiricamente oggettivabile, in quanto anticipato nella psiche da simboli spontanei che dimostrano l’esistenza del concetto di totalità.
La maggior parte dei mandala hanno forma di fiore, di croce o di ruota con evidente tendenza alla disposizione simmetrica del numero quattro, il numero fondamentale, e dei suoi multipli. Mandala di questo tipo si trovano anche presso i Pueblos, disegnati sulla sabbia per usi culturali.
Nel tantrismo e nel lamaismo viene impiegato per favorire la concentrazione, come mezzo per unificare la coscienza individuale, per questo è definito nella pratica rituale anche con il termine di yantra. Esso è un diagramma che si disegna o si incide su metallo, legno, pelle, pietra, carta, muro o per terra, ha lo scopo di migliorare la salute mentale e fisica dell’essere umano, può infatti indurre ad uno stato di serenità e ottimismo e riaccendere in ogni individuo la speranza, che in questa epoca consumistica e frenetica va scomparendo. Il mandala si presenta come simbolo della vita nell’universo e del percorso che conduce al superamento della materialità, solo in questo modo l’uomo può raggiungere un giusto e armonico equilibrio. Esso, disegnato su stoffa, serve da sostegno alla meditazione, lo yogin lo utilizza come una difesa contro le distrazioni degli stimoli esterni.
Il mandala, utilizzato nei riti di purificazione del corpo, è una vera e propria espressione d’arte per i popoli orientali, che da molto tempo tramandano l’uso di tecniche per migliorare la condizione umana, promuovendo l’interiorizzazione e la realizzazione di Sé nella ricerca del mantenimento di un perfetto equilibrio psicofisico.
Il Mandala ha la stessa natura delle icone e immagini sacre, in quanto vengono create con le medesime regole prescritte dagli antichi codici rituali. La letteratura lamaistica contiene indicazioni dettagliate sul modo in cui si dipingono i mandala, forma e colore sono stabiliti dalla tradizione, per cui le varianti si muovono entro margini relativamente ristretti.
La liturgia della loro costruzione è molto complessa e comporta un certo numero di riti presieduti da un maestro e uno o più discepoli che abbiano chiesto di essere iniziati ai misteri rivelati in forma simbolica dal mandala. L’accesso al mandala è il compimento di un lungo cammino di maturazione spirituale che il maestro ha riconosciuto in loro.
L’iniziazione ha luogo in un posto solitario vicino alla riva di un fiume o del mare o nella cappella di un tempio. Il mandala viene disegnato per terra su una superficie consacrata con riti appropriati, scegliendo con cura il terreno sul quale disegnarlo, piano e senza sassi; per tracciarne le linee e disegnarne le figure si utilizza polvere di riso di diversi colori. La scelta dei colori è determinata dal singolo settore su cui le figure vengono tracciate.
Il mandala viene disegnato servendosi di due corde, una bianca che traccia i limiti esterni, l’altra fatta di fili attorcigliati di cinque colori diversi per tracciare le linee interne.
I maestri buddhisti hanno determinato anche le misure della cordicella che bisogna usare per segnare il tracciato delle singole parti, la qualità e la materia di cui deve essere composta. Il mandala può essere disegnato anche su tela con lo scopo di concentrarsi sui suoi paradigmi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'influenza del pensiero orientale sulla psicologia analitica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina De Dominicis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Enrico Perilli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
psicologia dinamica
psicoterapia
jung
oriente
archetipo
yoga
psicologia junghiana
processo di individuazione
sincronicità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi