Skip to content

Il caso di “Lost in Austen” nella traduzione audiovisiva

Tutti pazzi per Jane: il caso di ''Lost in Austen''

Lost in Austen è una fiction che unisce il fascino di un’opera squisitamente classica, al piacere di una fiction moderna. Il divertente della storia è dato proprio dalla presenza di Amanda: una ragazza così diversa dalla società del XVIII sec, così stravagante nei suoi atteggiamenti che la Signora Bennet definisce “radical”, nel modo di parlare, di vestire, di portare i capelli, che non sa ballare e suonare il piano (ogni dama rispettabile lo sa fare), che non sa cucire, così sorprendentemente emancipata (fuma e beve alcolici), tanto da attirare l’attenzione di tutti – Bingley la trova “refreshing” - e sconvolgere totalmente il romanzo, cosa che nessuno prima d’ora aveva osato fare con Pride and Prejudice: Bingley scappa con Lydia, il Signor Collins sposa Jane, Caroline, al contrario delle convinzioni di Amanda, scopre che è omosessuale e innamorata di lei, si scopre che Wickham non è poi così malvagio e per ultimo Darcy s’innamora di Amanda. Amanda ama talmente tanto quel romanzo, se ne fa custode (lo tiene nascosto sotto il cuscino), e farà del suo meglio per riportare le cose nel giusto ordine, anche se ammette: “Ok I have no idea how to fix this book.” In diversi punti della fiction, Amanda implora Elizabeth di tornare perché lei non è Elizabeth – “I’m not you” e perché “nothing is happening the way it should.” Ma proprio come Elizabeth nel romanzo, la prima impressione di Amanda è di un Darcy “spectacularly unfriendly” che finirà per farla innamorare. D’altronde… Come resistere alle avances di un’affascinante Darcy? Spenderei due parole a favore del nostro eroe maschile. Amanda al primo incontro con Darcy rivela un’espressione (l’attrice Jemina Rooper ha una mimica facciale eccezionale) di paura. La paura che il „vero’ Darcy non sia bello come Colin Firth. Fortunatamente le aspettative di Amanda vengono accontentate e non rimane delusa nemmeno nella famosa scena del lago quando si gode uno “strange post-modern moment.”

Il Darcy di Lost in Austen non impallidisce affatto di fronte a Colin Firth. È il Darcy del romanzo, orgoglioso, serio e poi passionale. Ma è anche un Darcy che, a detta di molte fans, ha qualcosa in più rispetto ai suoi predecessori: e il riferimento è alla ormai celeberrima scena della “wet shirt". Ebbene, Lost in Austen ci presenta la sua rivisitazione della scena in questione. A quanto pare le fans hanno apprezzato ancora di più questa wet shirt ancora più wet. E questo è solo uno dei momenti che, sicuramente romantici, hanno un che di esilarante. (http://primeimpressioni.altervista.org/lia.html.)

Effettivamente la camicia indossata da Colin Firth nella famosa scena, non era poi così trasparente.
Amanda quando si presenta ai Bennet dice: “we did a sort of swap”, e più avanti ammette che “the star has failed to turn up and I have to go on and do the show.”
Quando Amanda strappa le pagine del libro e lo getta nel lago - perché si rende conto che la storia è cambiata - sta già rivelando al pubblico che ciò che è stato scritto da Austen non avverrà. Il finale tiene lo spettatore con questo dubbio incollato allo schermo e non mancano certo i colpi di scena e le situazioni comiche (Amanda tornata nella Londra contemporanea ha come primo pensiero quello di lavarsi i denti). La nostra protagonista diventa l’eroina di tutte le ragazze che, vedendola così integrata nell’ambiente e innamorata di Darcy, tendono a dimenticare la figura di Elizabeth e tifare per la sua felicità, anche se non saranno mancate molte fans di Jane Austen che non avranno apprezzato lo sconvolgimento della trama e questo matrimonio tra tradizione e comicità.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il caso di “Lost in Austen” nella traduzione audiovisiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giorgia Bacchini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Barbara Antonucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fiction
trasposizione
doppiaggio
sottotitoli
dubbing
traduzione audiovisiva
pride and prejudice
hane austen
lost in austen
traduzione diretta
traduzione obliqua

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi