Skip to content

«Il segno di Giona» (Mt 12,39-40). Da Pinocchio a Paolo di Tarso: una simbolica della resurrezione in declinazione didattica.

Il ''segno di Giona'' indicato da Gesù (Mt 12,39-40)

Precisamente facendo perno su questo aspetto umile e vittorioso vogliamo illustrare la terza tappa del nostro viaggio per mare, quella del NT. Il vero e nuovo Israele, secondo lo spirito e non secondo la carne, viene fondato da Gesù Cristo. La storia di Giona continua nella sua Chiesa. I farisei-sadducei hanno crocifisso il Figlio di Dio e proprio Gesù rimprovera i giudei del suo tempo: i pagani di Ninive fecero penitenza, e voi no; perciò "morirete nel vostro peccato": il rifiuto del Messia. Questo rifiuto perdura tuttora, e di esso prende atto anche S.Paolo allorché, nella lettera ai Romani 11,25, vi discerne un disegno provvidenziale, quindi non passibile di condanna.
Gesù appunto non condanna nessuno e lascia il giudizio al Padre alla fine dei tempi, ma nel giudizio è la misericordia che prevale sulla giustizia: il Padre si prende cura dei vicini e dei lontani – come ci fa capire in Giona - "non vuole la morte del peccatore ma che si converta e viva". La sua grande fatica è condurre anche il religioso e fondamentalista Giona - il profeta renitente - ad aprirsi ad un incontro nuovo con Dio che immediatamente implica un modo diverso di guardare gli altri, i lontani. Allo stesso modo Gesù durante la missione terrena non fa che aprire gli occhi al popolo dando una legge nuova, dello spirito e non della lettera, instaurando un Regno che non è di questo mondo, in cui le gerarchie terrene di valori sono sovvertite. Un Regno nel quale i primi son ultimi, nel dare si riceve, nella debolezza si è forti, perdendo tutto per Dio si ritrova la pienezza di tutto e molto di più, e fra tutti gli insegnamenti, quello sulla morte conferisce lo scopo ultimo della morale cristiana.
La fuga dell'uomo di fronte alle fauci della morte è motivo letterario diffuso e variamente interpretato nelle culture, ma il senso cristiano della morte va "contro" la mentalità umana, secondo appunto la legge di Dio e non dell'uomo, e non induce alla fuga bensì all'accettazione non rassegnata: è proprio la morte che introduce nella vita vera, la felicità eterna. Abbiamo visto nei cc. precedenti materializzarsi la morte nell'essere inghiottiti dal mostro che simboleggia la fine o gli inferi, e attraverso questa esperienza si è realizzata la possibilità di diventare "adulti" (per Pinocchio nella psiche, nella morale e nel fisico, per Giona nella fede): ciò traduce un'esperienza facente parte delle prove della vita che conducono a ritrovare se stessi, riconoscersi nelle parti più deboli per giungere a un'esistenza piena di senso. L'esperienza della morte, che interessa tutti gli uomini abbracciandoci per così dire in dimensione "orizzontale", acquista però sulle labbra di Gesù (quando preannuncia la propria passione citando la vicenda di Giona) un significato "verticale", che innalza al divino e mediante il battesimo ci innesta spiritualmente nella morte di Gesù in quanto figli di Dio, per vivere eternamente. La Tradizione e l'iconografia cristiana hanno sempre visto in Mt 12,38 la chiara allusione del Cristo alla resurrezione, quale "segno" divino supremo, il completamento della Rivelazione già preannunciato profeticamente, col quale si è instaurata l'Alleanza nuova e definitiva, dopo la quale "non è da aspettarsi alcun'altra Rivelazione pubblica prima della manifestazione gloriosa del Signore nostro Gesù Cristo". Nella kénosi della croce viene accomunato l'abbassamento di Giona e la sofferenza della Chiesa che salva il mondo nella preghiera e nell'annientamento, come singoli e come comunità. Nella croce si scende nelle viscere del Golgota con Gesù per schiacciare la testa del serpente diabolico, si mette a morte l'uomo carnale per risorgere spirituale; "la croce separa, nella carne più viva", coi suoi bracci orizzontale e verticale; "poi unisce", nel loro punto di incrocio, "gli opposti, i due poli della rottura, con dei superamenti sempre più gloriosi, verso l'Uno".
Giona è "tipo" di Gesù in quanto rimase chiuso tre giorni e tre notti in un luogo che dal punto di vista umano avrebbe ormai potuto costituire inevitabilmente la tomba finale. Al v.4 del suo inno di rendimento di grazie dentro al grande pesce il profeta dice di essere stato gettato da Dio "nel cuore del mare" Nel "cuore della terra" (Mt 12,40) anche Gesù dichiara che resterà, e vi fu di fatto rinchiuso dopo la morte in croce. Benché sia rimasto nel sepolcro dalla sera del venerdì alle prime ore della domenica, egli, rifacendosi al fatto di Giona, intendeva affermare che dopo la sua morte sarebbe risorto. L'espressione infatti "tre giorni e tre notti" per determinare la durata del tempo è frequente nella letteratura biblica ed extra biblica, specialmente dei miti. Quando l'espressione è usata in riferimento ad un periodo di tempo posteriore alla morte, sembra che voglia dire che il cadavere è ancora in uno stato di non avanzata decomposizione. Per questo Giona, secondo le conoscenze e la logica degli antichi, avrebbe avuto la possibilità materiale di ritornare all'esistenza, anche se per intervento divino; Lazzaro invece non sarebbe mai più potuto tornarvi in quanto morto da quattro giorni ormai. Nell'affermazione di Gesù in Mt 12, 39-40: "Una generazione perversa e adultera pretende un segno! Ma nessun segno le sarà dato, se non il segno di Giona profeta. Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell'uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra." non c'è la dichiarazione che egli non sarebbe morto, al contrario, c'è l'idea che nonostante la morte inflittagli dai nemici egli sarebbe risorto. Gli ascoltatori di Gesù e lui stesso prendono il testo profetico nel suo significato ovvio, quello inteso dall'autore sacro secondo cui Giona fu davvero inghiottito dal pesce e restituito alla spiaggia. Se poi il senso ovvio del racconto sia quello inteso dall'autore o non piuttosto l'autore fosse consapevole di raccontare una leggenda, questo non faceva ancora parte dell'esegesi giudaica, come invece avverrà più tardi. Quanto grande fu l'interesse dei primi cristiani per Giona lo dimostra l'uso che Gesù stesso ne fece, il quale non soltanto se ne è servito per prefigurare la sua resurrezione, ma anche per additare ai suoi ascoltatori, nei niniviti che credettero a Giona, il modello di una sincera ed efficace penitenza e di una pronta conversione, quindi dell'ottenimento della salvezza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

«Il segno di Giona» (Mt 12,39-40). Da Pinocchio a Paolo di Tarso: una simbolica della resurrezione in declinazione didattica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lidia Roboni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Facoltà Teologica del'Emilia-Romagna
  Facoltà: Istituto di Scienze Religiose
  Corso: Scienze Religiose
  Relatore: Brunetto Salvarani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pinocchio
pensiero narrativo
insegnamento della religione cattolica
bibbia a scuola
storia della salvezza cristiana
insegnante di religione
storia degli effetti biblici
programmazione e didattica della religione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi