Skip to content

I formaggi tipici e tradizionali della Regione Puglia

I fattori della tipicità dei formaggi

I formaggi con valenza territoriale rappresentano il “top” nel mondo dei derivati del latte per le loro caratteristiche sensoriali uniche e particolari: infatti essi vengono prodotti generalmente da latte crudo, che possiede a sua volta caratteri specifici, che viene trasformato attraverso l’arte del produttore che conferisce ulteriore specificità.
In generale, i tratti sensoriali caratteristici di un vero formaggio tipico non possono essere ottenuti sotto diverse condizioni ambientali di produzione per due ragioni principali:

- alcune caratteristiche del latte sono legate all’ambiente ed a specifici sistemi di allevamento degli animali;

- il formaggio deriva dall’interazione tra quel determinato latte e quella particolare e tradizionale tecnologia applicata nel processo di trasformazione, in quel “determinato momento”.

- l’ambiente incide sulla maturazione, in modo non facilmente riproducibile (Negro, 2003).

Dunque, materia prima, tecniche ed ambienti di caseificazione rappresentano un connubio imprescindibile. La peculiarità di un prodotto caseario non può nascere semplicemente attraverso l’uso asettico delle tecnologie più sofisticate applicate ad un latte standardizzato: in questo modo si ottengono formaggi di qualità microbiologica ineccepibile, molto standardizzati, ma che non hanno alcuna personalità in senso territoriale. Senza trascurare l’importanza di questi aspetti, che pur hanno il loro valore soprattutto dal punto di vista igienico, bisogna preservare i diversi “fattori della tipicità” : la specificità del latte, la tecnica casearia (dando il giusto riconoscimento alla manualità artigianale, e cioè “l’arte casearia”) e gli ambienti di produzione e stagionatura, evitando generalizzazioni salutistiche e parossismi igienico-sanitari. La tecnica casearia è legata alla sensibilità e alla personalità del casaro, la cui conoscenza andrebbe, in certi casi, tutelata come si fa per i grandi patrimoni artistici. Esso deve garantire l’equilibrio tra gusto e salubrità.
I fattori della tipicità di un formaggio sono diversi, a cominciare dalla produzione della materia prima, per finire alla fase di commercializzazione.
Per quanto riguarda la materia prima, importanza hanno lo stato fisico e psicologico dell’animale, il tipo di allevamento, la specie e la razza. A livello fisico è importante lo stato sanitario e di benessere in generale dell’animale: è noto che il latte proveniente da bovine affette da malattie come ad esempio la mastite, presenta un minor quantitativo di caseina e lattosio, una minor resa alla caseificazione ed una qualità generale estremamente modesta. Per quanto riguarda la specie, vi sono differenze importanti nell’attitudine a dar luogo a determinati tipi di formaggio: ad esempio, la specie caprina rispetto a quella vaccina ha una composizione grasso-proteina e un profilo caseinico molto peculiare, che mal si presta alla produzione di formaggi stagionati (Faccia et al., 2005). La razza, a sua volta, può avere influenza simile: basti pensare alla differenze tra una vacca Jersey ed una Frisona. Un altro fattore che influenza la qualità è la tecnica di allevamento: esistono molti tipi di allevamento, ma quello considerato più interessante per formaggi legati al territorio è quello misto, dove l’animale ha la possibilità di muoversi ed integrare l’alimentazione con essenze locali. L’alimentazione è infatti un altro fattore di tipicità: ad esempio l’uso del pascolo influenza la qualità del grasso e la composizione chimica in generale.
Il trattamento della materia prima è molto importante nell’influenzare la qualità futura di un formaggio: l’igiene della mungitura, la filtrazione del latte, alcune operazioni specifiche di cui ormai si sta perdendo memoria (ad esempio in passato si poneva molta attenzione a miscelare i latti alla stessa temperatura) e i trattamenti di risanamento (termizzazione, pastorizzazione, pressurizzazione, microfiltrazione).
Molto importante è il contenuto in proteina e grasso, nonché la composizione minerale (rapporto ottimale tra calcio e fosforo): questi componenti determinano in larga misura l’attitudine alla coagulazione del latte. Altro fattore di tipicità è il contenuto in microflora naturale: essa è responsabile della fermentazione dei formaggi, che consiste nella trasformazione del lattosio in acido lattico e altri prodotti di degradazione, i quali sono responsabili di sapori e odori particolari.
Tra i fattori della tipicità troviamo le tecniche di caseificazione; in particolare il tipo di caglio influenza tutti i biochimismi che avvengono nel latte; molto importante è l’utilizzo dell’innesto (sieroinnesto, lattoinnesto e scottainnesto), il quale è responsabile delle peculiari fermentazioni che avvengono nel latte. Poi ci sono alcune operazioni specifiche, come ad esempio la fase di maturazione o l’affumicatura che sono in grado di creare alcuni profili aromatici irripetibili. Anche il luogo di stagionatura “dove odori e sapori si affinano e si perfezionano, è importante, ossia la “cantina” dove la vita dei microrganismi che presiedono alla maturazione dei prodotti è ottimamente tutelata” (Martirano, 1992).

Questo brano è tratto dalla tesi:

I formaggi tipici e tradizionali della Regione Puglia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rosaria Polignano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Michele Faccia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 100

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

formaggi
tipicità
tradizionali
innovazioni tecnologiche
tecnologie produttive

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi