Skip to content

Il giocatore di rugby nel ruolo degli avanti: studio sperimentale sull’interazione tra piede, scarpa e terreno nel movimento di traslazione antero-posteriore

La scarpa da rugby

E’ necessario un corretto equipaggiamento podalico per riuscire a contrastare efficientemente la spinta della mischia avversaria. La quantità di forza espressa dai pacchetti di mischia è elevatissima per cui qualsiasi dispendio di energia dovuto a fattori esterni come le calzature deve essere minimizzato al fine non solo di vincere la mischia ma anche di evitare infortuni. Si è visto in letteratura che l’incidenza degli infortuni può essere correlata alla lunghezza e spessore dei tacchetti oltre che a fattori ambientali e a superfici di gioco diverse (erba naturale o sintetica) e alla resistenza torsionale. Per questo motivo la strategia ideale per evitare infortuni è scegliere con accuratezza i tacchetti in base al ruolo del giocatore, alla sua posizione in campo e quindi alla superficie di gioco di sua competenza.
Nel campo di gioco l’efficacia del movimento aumenta quando le forze muscolari veloci e improvvise si associano a quelle di trazione. E’ anche vero che l’associazione tra una rigida fissazione del piede al terreno e l’uso dei tacchetti può portare ad infortuni a carico di caviglia e ginocchio e per questo motivo, alla fine degli anni ’60, molti sostenitori di questo sport indagarono su ciò e proposero design alternativi per nuovi tacchetti. Alcuni fra questi furono Torg et al. i quali svilupparono un design sperimentale che riproduceva il momento torcente necessario a liberare l’interfaccia scarpa-superficie d’appoggio, concludendo che un sicuro coefficiente di rilascio era minore o uguale a 0,31 e che i tacchetti dovevano essere inclusi in una suola modellata con un minimo di 14 tacchetti di mezzo pollice di diametro e non più lunghi di 3/8 pollici. In seguito ad ulteriori ricerche su infortuni senza contatto fisico sono stati fatti ulteriori modifiche tra cui un tacco di plastica di forma discoide, tacchetti ovali poco rilevati, e tacchetti agganciati ad una piattaforma rotante.
Al giorno d’oggi le scarpe moderne permettono la scelta di requisiti più specifici: vi sono scarpe da erba sintetica, quelle per calciare, quelle con tacchetti intercambiabili o con tacchetti modellati. Per un terreno bagnato o di erba naturale è più adeguato utilizzare i tacchetti cilindrici per un maggior “gripping”: questi possono essere in metallo, plastica o di gomma. L’utilizzo di questa tipologia di scarpe su superfici rigide causa però la diminuzione della vita della scarpa; perciò sono state create delle scarpe appropriate per il terreno sintetico equipaggiate con tacchetti di plastica.
I tacchetti a cono sono necessari là dove è indispensabile una forte trazione al terreno per cui vengono utilizzati dai giocatori che prendono parte alla mischia, soprattutto dai piloni, dal tallonatore e dalle seconde linee. I tacchetti devono avere una lunghezza massima di 21 mm. Rispetto alle altre tipologie di scarpe queste sono quindi indubbiamente più pesanti e i tacchetti sono distribuiti sulla suola in maniera diversa. In base alla posizione abbiamo gli high-tops, mid-cuts e low cuts. I tacchetti possono avere varie forme tra cui quella circolare che garantisce la riduzione della pressione dei tacchetti oppure tacchetti a lame che garantiscono l’adesione al terreno fornendo un buon livello di comfort. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il giocatore di rugby nel ruolo degli avanti: studio sperimentale sull’interazione tra piede, scarpa e terreno nel movimento di traslazione antero-posteriore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Scambelluri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Podologia
  Relatore: Umberto Alfieri Montrasio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

calcio
trazione
scarpa
rugby
attrito
podologia
piede
avanti
mischia
tacchetti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi