Skip to content

Nicia tra biografia e storia. Il ritratto dell'uomo e del politico

Nicia politico e militare

Il primo riferimento a Nicia in Tucidide risale all'anno 427. Egli menziona per la prima volta Nicia due anni dopo la morte di Pericle, mentre narra la spedizione contro Minoa nell'estate di quello stesso anno, il 427. In quell'occasione Nicia ricoprì la strategia. A tal proposito già Plutarco all'inizio del capitolo II della sua biografia aveva affermato che "Nicia […] ebbe una certa rinomanza già quando Pericle era vivo, tanto che gli fu collega come stratego e spesso ebbe il comando da solo". E' l'unico autore che ci presenta Nicia stratega mentre Pericle era in vita. È comunemente accettato da tutti che la notizia è corretta, ma, come è già stato accennato, Tucidide non menziona Nicia prima del 427. Dallo storico risulta che venne eletto stratega per la prima volta in quell'anno. La strategia ricoperta nel 427, immediatamente successiva alla morte di Pericle, segna il suo ingresso ufficiale nella scena politica ateniese e ne fa un personaggio di primo piano. Da quel momento Nicia appare impegnato come stratega in numerose campagne esposte nel III libro delle Storie, e, precisamente, egli ricopre la strategia quasi ogni anno – escluso il 419/8 – fino al 413.
Purtroppo non ci è dato di sapere quali furono le tappe che permisero a Nicia di compiere la sua ascesa politica. Viene da chiedersi in che modo sia arrivato a ricoprire la più alta e prestigiosa carica magistratuale, dal momento che tutte le fonti a nostra disposizione non sembrano metterlo in rilievo per le sue "spiccate" capacità politiche e militari, bensì evidenziano il suo carattere pavido e la sua reticenza, quando si trattava di assumere il comando di importanti operazioni militari. Inoltre non bisogna dimenticare che la strategia era stata da sempre una carica elettiva e richiedeva competenze specifiche in campo militare. Non sempre siamo in grado di determinare con precisione dalle fonti antiche quali manovre politiche uno stratega stesse portando avanti. Così, mentre potremmo ignorare la prima parte della dichiarazione plutarchea, il resto della sua affermazione risulta di fondamentale importanza, poiché sembra descrivere la posizione di Nicia durante i successivi sei anni e tale ricostruzione è confermata anche da Tucidide e dalla commedia. Il biografo scrive che "Dopo la morte di Pericle fu subito promosso a posti di potere da ricchi e notabili, che se ne facevano un baluardo contro la disgustosa audacia di Cleone e, ciononostante, ebbe la simpatia e il pieno appoggio del popolo".
Si è già detto dell'enorme ricchezza di Nicia e della sua generosità fino al punto da elargire mance a quanti gliene chiedevano. Non è inverosimile, ma è soltanto una ipotesi dello scrivente, che il nostro personaggio fosse implicato in oscuri "brogli" elettorali. D'altra parte sappiamo anche che Nicia si era fatto da sé, non era un aristocratico, e forse, l'affetto e la stima del popolo e l'appoggio di "ricchi e notabili" erano semplicemente dovuti alla condivisione della sua politica moderata. Egli ereditava gli obiettivi della politica periclea: ripristino dello status quo ante bellum, conservazione dell'impero marittimo, riconoscimento da parte di Sparta della sua "legalità". Anche sul piano militare, Nicia sembra adottasse le tattiche militari utilizzate sotto la guida di Pericle durante i primi due anni della guerra, sbarcando nel territorio nemico, devastando le aree contigue e ritirandosi rapidamente con poche perdite per le forze ateniesi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Nicia tra biografia e storia. Il ritratto dell'uomo e del politico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore Sarra
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia e letteratura dell'antichità
  Relatore: Mauro Corsaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sicilia
guerra
democrazia
oligarchia
alcibiade
plutarco
spedizione
tucidide
eclissi
cleone

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi