Skip to content

La sindrome di Pete Pan ed il Disturbo Narcisistico di Personalità - Proprietà Psicometriche della Peter Pan Scale (PPS)

La Peter Pan Scale (PPS)

La sindrome di Peter Pan non è una patologia in senso vero e proprio in quanto non rientra in alcun sistema di classificazione e non esistono questionari già predisposti per la sua misurazione. Nel presente lavoro è stato utilizzato il questionario di Kiley (1983), un test caratterizzato da 20 item su scala Likert a 3 punti (0= mai; 1= qualche volta; 3= sempre). Essendo il questionario somministrato, non al soggetto in cui si ipotizza la presenza del disturbo, ma alla sua partner, le domande sono formulate in terza persona. Viene richiesto semplicemente di leggere le modalità di comportamento riportate e per ciascuna di esse esprimere il grado di accordo facendo riferimento all'atteggiamento tipico della persona che si sta analizzando. Si prevede la somma dei punteggi assegnati ad ogni comportamento e ciò permette di ottenere una valutazione del grado di intensità con cui il disturbo si presenta (a maggior punteggio corrisponde maggiore intensità). Avendo intenzione di somministrare il questionario direttamente ai soggetti interessati, e non alle loro partner come nella versione elaborata da Kiley, è stato necessario attuare delle modifiche al test originale. La preferenza per il self-report è sostenuta dal fatto che i test auto-somministrati sono ritenuti maggiormente flessibili e adattabili a setting routinari tipici (Slade, Thornincroft e Glover, 1999), sono più semplici da utilizzare e consentono un notevole risparmio di tempo; permettono di eliminare fattori di distorsione legati alla presenza dell'osservatore, nonché di accedere direttamente ai vissuti e ai sentimenti della persona (Derogatis, 1983) ed è proprio per questa serie di motivi che sono i più utilizzati nell'ambito di questi tipi di ricerche. Gli item sono stati modificati dalla terza persona singolare alla prima e si è ritenuto opportuno abbandonare la modalità di risposta tricotomica adottando, invece, una scala likert a cinque punti (1= mai; 2= raramente; 3= a volte; 4= spesso; 5= sempre).
In questo modo si dà, al soggetto intervistato, un minimo di possibilità nell'articolare il suo punto di vista perché può così esprimere la propria opinione scegliendo tra cinque alternative anziché tre.
Per concludere, si è proceduto ad una modificazione linguistica al fine di attualizzare il test.
Allo scopo di migliorarne l'attendibilità si è vista necessaria l'eliminazione di due item ( item 2 e item 8) che erano inclusi nella versione originale.

La presente ricerca è stata effettuata in seguito all'evidenza che la Sindrome di Peter Pan è un'inclinazione sempre più diffusa nelle società Occidentali. Ci siamo chiesti se questa espansione del fenomeno può essere in qualche modo legata a determinate caratteristiche di personalità che sono tipiche dei soggetti colpiti e qual è la relazione tra questo disturbo ed il Disturbo Narcisistico di Personalità.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La sindrome di Pete Pan ed il Disturbo Narcisistico di Personalità - Proprietà Psicometriche della Peter Pan Scale (PPS)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Visconti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Marco Giannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi dei dati
metodo
sindrome di peter pan
disturbo narcisistico di personalità
bfa (big five adjectives)
rses (the rosenberg self-esteem scale)
locus of control scale
psychological treatment inventory (pti)

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi