Skip to content

Centro Arte Moderna e Contemporanea, IL CAMeC di Spezia: Ricerca sulle modalità di gestione museale e valorizzazione del patrimonio artistico.

Il settore amministrativo del CAMeC

Il museo del CAMeC fa parte dell’Istituzione Culturale che è parte dell’Ente Strumentale del Comune di La Spezia, essendo soggetto alla loro normativa, non è un Centro autonomo ed è ordinato dal Regolamento Testo Unico degli Enti Locali.
Nel corso del XX secolo l’istituzione museo ha messo in atto un progressivo processo di desacralizzazione ancora oggi in corso. Con una mutazione di ruoli e di significati, il museo è sempre più rivolto a sedurre e conquistare il proprio pubblico offrendosi come un interessante spazio culturale e luogo del consumo.
L’arte svolge una funzione di prestigio per le aziende culturali, secondo precise strategie di immagine gestite con logiche manageriali. Il patrimonio artistico è propagandato come forma di miglioramento della qualità ambientale dell’attività lavorativa, e come contributo alla vita culturale pubblica. In tal senso sono importanti anche le donazioni ai musei, che concedono un ritorno di immagine.
Il lavoro del direttore dell’Istituzione per i Servizi Culturali di La Spezia consiste nel pianificare apposite strategie, partendo dall’individuazione degli obiettivi da valutare sulla base dei fattori che possono influenzarli, come le realtà politiche, sociali ed economiche all’interno delle quali si intende operare, il budget disponibile, le esigenze avanzate dal mercato e, di contro, le proposte della concorrenza con la quale è necessario confrontarsi per offrire e ottenere risultati superiori.
Inoltre si occupa della programmazione e della progettazione delle attività di tutti i centri che fanno parte dell’Istituzione, delegando per ognuno la parte amministrativa.
Questa riguarda le attività di supporto, la gestione del personale, la contabilità, i servizi generali, la raccolta fondi e le pubbliche relazioni.
Negli ultimi decenni c’è stata una forte crescita quantitativa dei musei di arte contemporanea, con il coinvolgimento sempre più diretto dei direttori proprio nell’ambito delle strategie di mercato, nel senso che la loro azione, al di là delle funzioni tradizionali di ordine culturale, tende ad essere sempre più essenziale nel rafforzamento delle quotazioni delle opere e nella costruzione delle carriere degli artisti.
I direttori dei musei, insieme ai conservatori di questi, hanno, per le loro scelte, le loro esposizioni e le loro acquisizioni, oltre che per la natura stessa delle loro valutazioni, la possibilità di intervenire su tutte le dimensioni del valore artistico. Si intende, dunque, che le loro azioni non possono non avere effetto sul mercato, così come essi non possono non essere influenzati da esso.
Si sottolinei l’importanza dell’autonomia di gestione delle istituzioni, che per funzionare bene devono essere libere da condizionamenti esterni.
Il direttore, per ciò che riguarda la sua politica espositiva, deve trovare un equilibrio ottimale fra le esigenze di un’azione culturale più innovativa e necessariamente elitaria, indirizzata all’attenzione degli addetti ai lavori e a quella di un pubblico relativamente ristretto di amatori d’arte, e le esigenze di un’azione più divulgativa, di più facile accesso per un pubblico allargato.
Qua la strategia consiste nel proporre iniziative diversificate, grandi mostre, individuali o collettive, ed esposizioni più agili per artisti emergenti, se poi le mostre sono in contemporanea, possono fare da traino le une con le altre.
Per il genere di manifestazioni ad alta spettacolarità, come per esempio Tinguely e Munari o Superfici Sensibili, è più facile trovare sponsor a cui interessa un ritorno di immagine della massima efficacia possibile; per attirare il grande pubblico si cerca di arricchire l’offerta culturale, in chiave più “democratica”, con visite guidate di carattere divulgativo, con cataloghi riccamente illustrati, depliant informativi e manifesti.
Il ruolo dei direttori dei musei è così importante perché incide allo stesso tempo sul piano culturale e su quello del mercato, in misura proporzionale al budget a disposizione per gli acquisti finalizzati allo sviluppo delle collezioni permanenti.
Per quanto riguarda il CAMeC, il responsabile ha l’incarico di organizzare il personale, controllare l’appalto per le vigilanze, seguendo regole previste per il Codice dei Contratti approvato dal Parlamento, l’appalto dei servizi museali, invece approvato dal Comune, e controllare periodicamente che la regolamentazione degli standard del museo sia in linea con quelli universali (riguardanti l’organico, la sicurezza e l’allestimento). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Centro Arte Moderna e Contemporanea, IL CAMeC di Spezia: Ricerca sulle modalità di gestione museale e valorizzazione del patrimonio artistico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anna Maria Messina
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'arte e valorizzazione del patrimonio artistico
  Relatore: Maria Teresa Orengo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 196

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi