Skip to content

Il mondo del gioco per il bambino

Nascita del gioco e formazione del simbolo

Il gioco nasce dal rilassamento dello sforzo adattivo e dal mantenimento o esercizio delle attività per il solo piacere di dominarle e di ricavarne un sentimento di virtuosità o di potenza. Secondo K. Groos il gioco è “preesercizio” degli istinti essenziali e, quindi, seguendo la sua teoria, sarebbe possibile far risalire il gioco allo stadio delle azioni adattive puramente riflesse. Tuttavia risulta difficile considerare abilità ed esercizi riflessi come qualcosa che vada oltre il semplice prolungamento del piacere (né è un esempio la suzione).

Secondo Jean Piaget si può parlare di gioco del bambino nel “terzo stadio” quello delle “reazioni circolari secondarie” che si colloca intorno ai quattro – otto mesi. In questo stadio le relazioni circolari del bambino sono dirette sia verso il proprio corpo (come nel “secondo stadio” o “delle relazioni circolari primarie”), sia verso gli oggetti manipolati con un’intenzionalità sempre crescente che permette al bambino di comprendere i fenomeni nuovi, sì da aggiungere al piacere funzionale il piacere di essere causa.

Intorno agli otto – dodici mesi nel “quarto stadio” o stadio della “coordinazione degli schemi secondari” si verifica l’applicazione di schemi noti a situazioni nuove e la combinazione di schemi a situazioni ludiche:è la mobilitazione degli schemi che permette la formazione di vere e proprie combinazioni ludiche e, così, il soggetto passa da uno schema all’altro, non ancora per provarli successivamente, ma solo per impossessarsi di essi senza alcuno sforzo di adattamento e di definirli mediante l’uso.

Se gli schemi che vengono applicati all’inizio possono apparire privi di uno scopo esterno, ben presto per J. Piaget passano dall’essere semplice occasione dell’attività propria senza scopo né sforzo di adattamento ad essere “riattualizzati”, escono cioè dal loro contesto adattivo e vengono utilizzati per essere imitati o recitati plasticamente. Questa “riattualizzazione” prepara la formazione dei giochi simbolici dove il rituale ludico si trasforma in simbolo e il bambino comincia ad avere coscienza della finzione: sa di “far finta”.

Intorno ai dodici – diciotto mesi, nel “quinto stadio” o stadio delle “relazioni circolari terziarie” il nostro si diverte a combinare gesti senza rapporto tra loro e senza cercare realmente di sperimentare: ripete i gesti ritualmente per farne un gioco di combinazioni motrici e, a differenza delle combinazioni dello stadio precedente che erano ricavate dagli schemi adattivi, questa volta esse sono costituite da gesti ripetuti ed associati ad altri schemi per cui sono immediatamente ludiche e non hanno alcun carattere adattivo alle circostanze esterne.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il mondo del gioco per il bambino

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Raffaella Di Nardo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Carla Poderico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi