Skip to content

Il Criminal Profiling del Serial Killer

L’esperienza italiana

Il criminal profiling, non è solo un fenomeno che si limita al campo statunitense, in Italia nasce l’Unità per l’Analisi del crimine Violento (UACV).
Creata a Roma nel 1995 dall'allora prefetto Giovanni De Gennaro (oggi capo della polizia di Stato), è una delle Divisioni del Servizio di Polizia Scientifica. Diventata operativa solo nel 1997, l’attuale direttore è Carlo Bui.
L’UACV si avvale della collaborazione e del lavoro di diversi esperti quali funzionari di polizia, ispettori, fisici, chimici, biologi, psicologi, periti balistici, grafici, disegnatori, informatici.
Essendo una struttura multidisciplinare utilizza tutte le tecniche della criminalistica, della medicina legale, della psichiatria forense e della psicologia comportamentale.
E’ divisa in quattro strutture.
1. Esame della Scena del Crimine (E.S.C.): questo settore si occupa di tutti gli atti relativi al sopralluogo tecnico e all’eventuale ricostruzione virtuale della scena del crimine e della dinamica dell'evento;
2. Analisi della Scena del Crimine (A.S.C.): questa sezione analizza il luogo dell'omicidio sia direttamente, che attraverso l'elaborazione e l’analisi di immagini e fotografie riprese durante la fase del sopralluogo;
3. Analisi delle Informazioni (A.I.) che predispone una relazione tecnico-investigativa che comprende il quadro riassuntivo di tutte le informazioni analizzate, le tavole sinottiche delle correlazioni individuate all'interno del caso o che consentono di collegare tra loro casi diversi, le ipotesi investigative proprie e di conferma di quelle precedenti;
4. Analisi del Comportamento (A.C.): ha la funzione principale di realizzare il profilo dell'autore del crimine, partendo dall'esame della relazione tecnica dell'A.I. Le variabili principali che gli esperti dell'A.C. cercano di individuare sono le caratteristiche generali fisiche, la razza, l'età, lo stato civile, il possibile impiego, il grado di inserimento nella società, le possibili devianze sessuali, il quoziente intellettivo, il livello di istruzione, lo status sociale, l'eventuale appartenenza a sette religiose, il più probabile modo di vestire.
I dati oggettivi che si ricavano dall’esame della scena del crimine durante il sopralluogo possono essere integrati con altri provenienti da fonti diverse e tutte le immagini utili per le varie attività di analisi dell’UACV vengono archiviate all’interno di un sistema chiamato SASC.
Il SASC (Sistema per l’Analisi della Scena del Crimine) consiste in un database specificatamente creato per raccogliere i dati riguardanti i casi e per gestire facilmente tutte le informazioni raccolte dall’UACV, individuando correlazioni all’interno di un caso specifico oppure tra casi distinti.
A distinguere il SASC dagli altri sistemi utilizzati dall’FBI e dalla polizia canadese (VICAP e VICLAS) è l’archiviazione delle immagini.
Dunque il SASC operando una ricerca incrociata e un’analisi automatica di tutte le informazioni relative ai diversi casi criminali memorizzate anche in altri sistemi presenti presso il Servizio di Polizia Scientifica, permette all’investigatore di individuare i parametri necessari anche per tracciare un primo profilo comportamentale del reo.
Da ogni Gabinetto vengono quindi inseriti dati ed immagini dei casi criminali riguardanti la propria Regione e possono essere richiamati in visione casi precedentemente immessi da tutti gli altri Gabinetti Regionali.
Grande importanza durante il processo investigativo è da attribuire al momento del sopralluogo. È attraverso l’analisi della scena del crimine che si può arrivare a stendere un profilo psicologico e comportamentale del reo.
L’esame della scena è una fase oggettiva, a cui solo un numero minimo di soggetti dovrebbero avervi accesso al fine di evitare contaminazioni.
La ricostruzione della dinamica dei fatti e di chi potrebbe essere il possibile aggressore, viene fatta dai funzionari di polizia seguendo un profilo logico. Un profilo che si arriva a stendere partendo dall’analisi dei dati oggettivi raccolti sulla scena del crimine ed attraverso un ragionamento logico, che utilizza sia le conoscenze della psicologia in merito al comportamento umano sia le informazioni provenienti dall’ambiente.
Alla base dell’analisi della scena del crimine si pone il principio dell’interscambio di Locard, responsabile del laboratorio della polizia scientifica di Lione, nel periodo a cavallo tra il XIX e XX secolo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Criminal Profiling del Serial Killer

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marina Muffallanno
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Europea di Roma
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Giovanni Cuomo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

serial killer
fbi
criminal profiling
psicologia investigativa
donato bilancia
ted bundy

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi