Skip to content

Figli biologici ed adottivi: destabilizzazioni e momenti di crisi, prevenzione e riparazione

La genitorialità: positiva, negativa, differita, adottiva

La vita di coppia, oggi, nel nostro paese, è soggetta a rilevanti trasformazioni, ad un aumento delle unioni libere e ad un aumento delle separazioni. Tali fenomeni investono, con percentuali consistenti, tutti i paesi dell’area occidentale e in particolare il Nord Europa. Si caratterizza per una generalizzata fragilità del legame coniugale, che affonda le sue radici in un radicale mutamento della concezione del legame coniugale stesso, avvenuto nel corso del tempo.

Nel lontano passato, il matrimonio, infatti, era frutto di un’alleanza di famiglie che intervenivano nella scelta del coniuge; successivamente è diventato, in particolare per la classe borghese, uno strumento di affermazione sociale e di miglioramento del proprio status, fino ad essere, oggi, fondamentalmente una questione di autorealizzazione espressiva personale. Non era raro nel passato, soprattutto per le donne, ricercare il matrimonio come condizione di sicurezza e di raggiungimento di uno status positivo, (sposata e non zitella).

Oggi tale motivazione è meno forte ed invece è preminente la ricerca, nel rapporto di coppia, della propria felicità personale. In altre parole, il matrimonio, da “fatto sociale totale” diventa una “impresa personale”. In sostanza, da una parte si assiste oggi ad un alto investimento nel rapporto di coppia e alla richiesta di intese e condivisioni potenzialmente coinvolgenti ogni aspetto della vita, dall’altra si è affievolito l’aspetto sociale e istituzionale del vincolo: la coppia si fa “norma a se stessa” e diventa autoreferente.

La fragilità è così il frutto sia di troppo elevate aspettative e/o delusioni, sia dello sbilanciamento della relazione sul versante affettivo/espressivo, a scapito di quello etico/normativo e di impegno del patto. L’indebolimento dell’aspetto di vincolo è pagato dalla coppia a prezzo di una precarietà sempre incombente. Le possibilità di scelta mette, infatti, nella vita dei due partner una quota di incertezza che pare incrementare la paura di legarsi. Il vincolo si rappresenta da subito come non necessariamente duraturo. Oggi, già nel momento di formazione della coppia, si anticipa la domanda sul possibile prolungamento nel tempo del legame.

Le alte aspettative reciproche dei due coniugi, il contemporaneo calo del controllo sociale, la ricerca del benessere personale, fanno sì che, assai più facilmente che in passato, la coppia si interroghi e riveda il contratto a suo tempo stabilito. In questi frangenti, si prospettano di fronte ai coniugi varie strade: 1 – un rinnovato legame tra le persone, che sappia coniugare l’aspirazione all’intimità con l’impegno progettuale; 2 – uno stare insieme rassegnato che protegge dalla solitudine; 3 – un distacco/separazione che, seppure solo apparentemente, taglia con il passato. Tale strada sembra, dai dati demografici, essere in costante aumento.

L’instabilità coniugale dà luogo, così, ad una frammentazione del nucleo e si divide in un’unità singola, in genere l’uomo, e un nucleo mono-genitoriale, in genere la donna più i figli, che tende a rimanere tale. “Peculiarità del caso italiano è infatti la limitatezza del numero di seconde nozze. Scarsa è la presenza nel nostro paese di nuclei ricostituiti: la famiglia mono genitoriale è più uno status che una fase di un processo, contrariamente a ciò che avviene in molti altri paesi, dove ad un matrimonio fallito segue, nel breve periodo, un nuovo matrimonio. Entrambe le soluzioni, famiglie ricostituite e famiglia mono-genitoriale, non sono, soprattutto per i figli, esenti da difficoltà”.

Se nel reticolo a volte complicato delle famiglie ricostruite, il problema sembra essere quello di una sovrapposizione di figure paterne, ( il padre naturale non convivente e il patrigno convivente), una sorta di figura paterna plurima con la quale il figlio si deve destreggiare, nei nuclei mono-genitoriali il pericolo è quello, opposto, della debolezza della figura paterna e di uno sbilanciamento delle relazioni verso il ramo materno. Le donne, rimaste sole, infatti tendono ad appoggiarsi alle loro famiglie d’origine. In entrambi i casi, peraltro, è la madre l’elemento stabile costante. Paradossalmente, per motivi diversi, nell’Occidente progredito, come nel cosiddetto terzo mondo, e in particolare nei paesi dell’America Latina, si va imponendo una famiglia matrifocale; la madre e la linea materna campeggiano, mentre “pallida”, si fa la presenza del padre e della sua genealogia, in passato, invece, decisamente prevalente.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Figli biologici ed adottivi: destabilizzazioni e momenti di crisi, prevenzione e riparazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Fraticelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Pontificia Università Salesiana
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Daniela De Prosperis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

intergenerazionale
sistema , sistemica
figli biologici
figli adottivi
destabilizzazione familiare
famiglia, genitori
destabilizzazione coppia
coppia , conflitto
figli, crisi di coppia
genitoriale, partner

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi