Skip to content

Analisi ed elaborazione dei dati termo-pluviometrici della provincia di Benevento

Il Clima in Italia

L’Italia è compresa tra il 47° e il 36° parallelo nord e si trova quasi al centro della zona temperata dell’emisfero boreale. La presenza di mari dona al nostro paese un clima sostanzialmente temperato,ma la particolare orografia del territorio (le Alpi che cingono la parte nord continentale del paese,gli Appennini che dividono l’Italia in due versanti e la presenza del monte bianco e del vulcano Etna, più alti d’Europa),ha reso insoddisfacente la classificazione climatica di tipo temperato ( classe C ) di Koppen.

Il meteorologo italiano M. Pinna riconosce, oltre al clima temperato, il clima temperato freddo ( classe D) e il clima freddo ( classe E). La catena alpina è un’ottima barriera contro le correnti fredde che provengono dalle regioni artiche dell’Europa settentrionale, ma funge da barriera anche nei confronti delle masse d’aria temperate ed umide che provengono dall’Atlantico settentrionale; inoltre le Alpi delimitano un bacino chiuso, soggetto ad un ristagno d’aria negli strati bassi con marcato riscaldamento estivo e forte raffreddamento invernale.

Per questo l’area padano - veneta risulta avere le temperature medie più basse d’Italia ed un profilo climatico autonomo. Anche la presenza del mare Adriatico non muta la situazione: essendo lungo, poco profondo e stretto tra due penisole, apporta solo un limitato afflusso mitigatore. Ciò spiega anche le notevoli escursioni termiche presenti (tra i 21°C e 24°C). Il mar Tirreno, più ampio e profondo, apporta sicuramente un maggiore afflusso mitigatore, infatti lungo la fascia costiera ligure, tirrenica e adriatica meridionale l’escursione termica risulta modesta (tra i 15°C e i 18°C).

La presenza dei rilievi risulta essere una componente essenziale per la distribuzione annua delle precipitazioni: infatti queste risultano essere maggiori (oltre 3000 mm) nelle zone montuose rispetto alle zone di pianura lontano dai monti e maggiori sul versante occidentale della catena appenninica. Nel dettaglio,in Italia si distinguono cinque regimi pluviometrici: Sulle montagne,in particolare sulle Alpi,si ha un massimo estivo. Nelle zone mediterranee,come le coste della Sardegna e della Sicilia,in alcune regioni tirreniche del mezzogiorno,Mar Ionio e Puglia meridionale,si ha un massimo invernale con presenza di siccità estiva. La fascia costiera della Maremma presenta un lungo periodo di siccità, interrotto solo da brevi episodi temporaleschi. In Val Padana si ha una piovosità costante tutto l’anno. In tutte le altre zone si hanno due massimi (autunnale e primaverile) e due minimi (estivo e invernale), senza una vera e propria siccità.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi ed elaborazione dei dati termo-pluviometrici della provincia di Benevento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Ferrara
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi del Sannio
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze ambientali
  Relatore: Alessio Valente
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

clima
benevento
pluviometria
termometria
dati termo-puviometrici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi