Skip to content

Mancanza delle qualità pattuite ed ''aliud pro alio''

Esclusione della garanzia per vizi riconosciuti o facilmente riconoscibili

La garanzia non è dovuta per i vizi riconosciuti dal compratore e per quelli facilmente riconoscibili purché, in quest’ultimo caso, il venditore abbia dichiarato di vendere una cosa esente da vizi (Art. 1491 c.c.).

Secondo alcuni autori quest’ultima norma non comminerebbe la sanzione dell’esclusione della garanzia a carico del compratore non diligente. In sostanza si afferma che l’acquirente avrebbe l’onere di verificare lo stato d’integrità della cosa usando almeno una minima diligenza pertanto non riconoscendo un vizio palese il compratore subirebbe una sanzione consistente com’è appunto l’esclusione della garanzia.

Si preferisce però dare un diverso significato alla norma e, quando il vizio è palesemente riconoscibile l’accordo contrattuale va inteso nel senso che l’impegno del venditore è limitato ad un bene viziato. La garanzia è allora esclusa per la semplice ragione che il venditore non è inadempiente in quanto non vi è difformità tra bene dovuto e prestato. Se però il venditore dichiara il bene esente da vizi, la garanzia è dovuta anche per il vizio palesemente riconoscibile (Art. 1491 in fine c.c.).

E’ evidente che il venditore si è impegnato a conferire un bene integro ed è pertanto inadempiente anche se la cosa è affetta da vizi palesi. L’Art. 1491 c.c. secondo parte della dottrina è applicabile anche alla mancanza di qualità. L’esclusione della garanzia per vizi facilmente riconoscibili opera solo quando il compratore abbia avuto una percezione diretta della cosa, prima del consenso o al momento dell’individuazione, non potendosi ritenere che egli abbia l’onere di assumere informazioni o svolgere indagini per accertare l’integrità della cosa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Mancanza delle qualità pattuite ed ''aliud pro alio''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Manolo Contessa
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Brunetto G. Carpino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aliud pro alio
mancanza di qualità
vizi della cosa
mancanza qualità pattuite
qualità promesse
qualità essenziali
tutela dell'acquirente
responsabilità del venditore
consegna di cosa diversa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi