Skip to content

L'esame incrociato della persona offesa minorenne

La valutazione delle dichiarazioni della persona offesa

In un passo della sua opera "Teoria delle prove giudiziarie", Jeremy Bentham dice che la causa della persuasione prodotta dalla testimonianza consiste nella "disposizione a credere (…) siccome le asserzioni vere sono di molto superiori alle false, la disposizione a credere è lo stato abituale (…) la fedeltà della testimonianza, cioè a dire la sua esattezza e pienezza, dipende da due cose: dallo stato delle facoltà intellettuali del testimonio e la sua disposizione morale e dallo stato del suo intendimento e volontà. Le facoltà intellettuali sono ordinariamente comprese sotto quattro capi: percezione, giudizio, memoria, immaginazione; avuto riguardo al soggetto di cui trattiamo, è d'uopo aggiungerne una quinta, l'espressione per cui intendo la facoltà di esternare con il discorso ciò che passa nello spirito".
In ambito giudiziario il ruolo della testimonianza è di fondamentale importanza e molto spesso costituisce il miglior elemento di prova della colpevolezza dell'imputato. Questa considerazione è stata confermata da uno studio svolto durante i primi anni '70 negli Stati Uniti, dal quale emersero dati molto interessanti.
Furono effettuati 2116 riconoscimenti di sospetti, i quali furono riconosciuti solo nel 45% dei casi. Dopo essere state identificate, 850 persone furono processate; l'82% di queste furono condannate. Il dato interessante è che 347 persone furono processate e il 74% di queste condannate, sebbene la solo prova contro di loro fosse il riconoscimento di uno o più testimoni. Questi dati dimostrano che, quando nessun'altra prova è disponibile, la testimonianza risulta essere indispensabile.

Da sempre la dottrina del processo penale si è concentrata sul momento dichiarativo della testimonianza, tralasciando le modalità con la quale questa viene acquisita; nel nostro paese manca la consapevolezza dell'importanza delle modalità con cui vengono raccolte le deposizioni; e lo stesso legislatore si è polarizzato sugli aspetti tecnici della prova dichiarativa intesa come canale di trasmissione dei dati. Ma il passato non si presta ad essere riprodotto: chi tenta di ricostruirlo non può che tendere ad una conoscenza relativa ed opinabile.

"Una dichiarazione precisa, per quanto il suo autore vi impegni la propria responsabilità, in sé non costituisce prova del fatto riferito, e qui sta l'aporia della testimonianza, la quale serve a provare in quanto sia provata; se cercassimo di provarla con altre testimonianze, il problema si riporrebbe nei medesimi termini; quando poi fossimo riusciti a verificarla sulla base dei dati oggettivi, (ossia di argomenti che, come diceva Aristotele, non si possono subornare, a differenza dei testimoni) diventerebbe una premessa superflua ai fini del decidere: o non è verificata o lo è con argomenti sufficienti da soli a risolvere la questione di fatto, e allora il racconto del testimone appare inutile. Sul piano logico il dilemma non concede via d'uscita".
Tuttavia la testimonianza, purché ingannevole e imperfetta che sia, rimane un contributo prezioso per l'accertamento dei fatti e non si potrebbe farne a meno. Ciò che possiamo fare è farne un uso più razionale attraverso una valutazione critica della sua validità e dei fattori di disturbo che possono ridurne la portata.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'esame incrociato della persona offesa minorenne

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giada Gabrielli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo Tonini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 269

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

minore
persona offesa
esame incrociato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi