Skip to content

Diagnostica energetica in real time di uno smart building

La piattaforma Smart-Town

La piattaforma integrata ICT Smart-Town (fig.3.2), realizzata dall'Università degli Studi Roma Tre ed ENEA, presenta peculiarità tipiche dei sistemi SCADA (Supervisory Control And Data Acquisition) nei quali l'acquisizione dati è funzionale allo svolgimento delle attività di supervisione, di osservazione dell'evoluzione del processo interessato e di controllo con attuazione di azioni volte alla gestione degli stati nei quali il processo controllato si trova e delle transizioni tra gli stati nei quali il processo può venire a trovarsi.
Nel caso in questione, la piattaforma costituisce il fulcro delle interazioni fra le diverse infrastrutture dello Smart Village (l'illuminazione pubblica, gli edifici e la mobilità): in essa convergono e sono raccolti i dati provenienti da diversi moduli ognuno dei quali esegue un particolare task, secondo un processo di data fusion. Grazie ad una web interface intuitiva, qualsiasi utente può accedervi e leggere lo status del sistema, ricavare storici, interpretare grafici statistici, etc.
Ogni modulo opera con i dati, tra loro eterogenei, acquisiti dai vari sensori, che di volta in volta sono analizzati singolarmente e indipendentemente dagli altri servizi presenti. La piattaforma consente l'analisi di dati sia in maniera verticale, discriminandoli in base alla sorgente di provenienza, sia in maniera orizzontale selezionandone solo alcuni tipi provenienti da sensori diversi in modo da migliorarne l'efficienza energetica in termini di benefici economici e di welfare per la comunità. Tutte le informazioni sono facilmente accessibili e si possono integrare, in modo organico, in strutture create ad hoc per diversi fini diagnostici e di controllo.
Per la sua struttura modulare, è possibile aggiungere altri moduli alla piattaforma o effettuare sostituzioni di un componente senza particolari stravolgimenti. Il controllo degli allarmi è gestito da un modulo dedicato, che ciclicamente verifica se i valori dei sensori monitorati sono entro i livelli di soglia specificati.

L'architettura della piattaforma è strutturata in diversi strati (layers), organizzati secondo una gerarchia di crescente astrazione:

. Presentation Layer

. Application Layer

. Data Layer

. Sensor/Actuator Layer

. Fieldbus Layer

Il Presentation Layer è costituito da pagine web statiche e dinamiche (html e jsp): più precisamente tale strato rappresenta l'interfaccia per l'utente finale che ha la possibilità di accedere ed interrogare il database tramite il proprio web browser al fine di ricavare informazioni riguardanti i dati acquisiti dai sensori. Attualmente è possibile consultare, in forma tabellare, tutti i dispositivi monitorati dalla piattaforma ed i relativi valori “statici” (es. ubicazione fisica, valori di soglia, descrizione), studiare e scaricare, in formato testo o xml, serie storiche di misurazioni effettuate e memorizzate, visualizzare eventualmente l'andamento dei risultati ottenuti mediante grafici a torta, istogrammi, etc.
L'Application Layer comprende funzionalità dedicate alla business intelligence del sistema Smart-Town, in altre parole quell'insieme di processi dedicati alla raccolta e all'analisi delle informazioni. In tale strato risiedono, quindi, le attività di data fusion orientata al situation assessment (o awareness) per la diagnostica degli edifici, le logiche di controllo, la gestione delle criticità del sistema e degli allarmi in caso vengano riscontrate anomalie con conseguente creazione e aggiornamento di un file di log contente tutti gli eventi rilevanti avvenuti durante il processo.
Il Data Layer è lo strato relativo al datawarehouse, ovvero lo storage dei dati. E' stato realizzato un database dalla struttura modulare, gestito dal DBMS (Database Management System) MySQL, ove confluiscono dati di diversa natura provenienti da diverse sorgenti.
Il Sensor/Actuator Layer contiene i moduli, tra loro indipendenti, d'interfacciamento (Smart Lighting, Smart Building, Smart Mobility) con la particolare categoria di sensori destinata a ciascuno di essi, che svolgono funzionalità di ricezione, controllo e attuazione.
Infine il Fieldbus Layer costituisce l'insieme della sensoristica presente fisicamente sul campo, dai sensori di presenza all'interno dell'edificio fino ad arrivare alla centralina meteo per la registrazione delle condizioni meteorologiche, da cui sono acquisiti i dati che successivamente saranno oggetto di elaborazioni.
A livello implementativo si hanno due pacchetti di lavoro principali:

1. DataCommunication

2. ServerSmartTown

Il pacchetto DataCommunication è una Java Application contenente delle classi dedicate alle funzionalità descritte nell'application layer e dei threads che svolgono le attività descritte nel sensor layer ed in parte nell'application layer. Sono riportati di seguito senza entrare troppo in dettaglio gli aspetti più importanti:

. La classe datacommunication: è la classe principale, che istanzia la terna LMB (Lighting, Mobility, Building) e avvia i threads di lettura ad essa correlati. La classe istanzia anche un “Gestore degli Allarmi” (AlarmsManager) e un'Interfaccia SCADA (ScadaInterface);

. La classe Utility: in essa sono definiti metodi afferenti varie funzionalità applicative, tra le quali il settaggio delle soglie di allarme e dei triggers, e variabili statiche costanti, richiamabili da altre classi in modo da rendere il codice sorgente più leggibile e comprensibile;

. La classe ScadaInterface: contiene il codice relativo all'interfaccia utente del sistema Smart-Town;

. I threads LightingDBreader, BuildingDBreader, MobilityDBreader, MeteoReader che eseguono specifiche operazioni sui rispettivi database mentre il thread AlarmsManager gestisce la visualizzazione degli allarmi.

Il pacchetto ServerSmartTown è una Java Web Application contenente classi dedicate alle funzionalità descritte nell'application layer e servlet riservate all'espletamento delle funzionalità descritte nel presentation layer. Le due classi principali sono:

. La classe DataBaseManager: raccoglie i metodi necessari alla corretta connessione al particolare database e quelli relativi all'esecuzione di operazioni sui dati in esso contenuti (selezione, lettura, inserimento, aggiornamento, cancellazione);

. La classe Logs manager: gestisce i LOGS di sistema, ossia tiene traccia di tutti gli eventi che si verificano mentre il sistema Smart-Town, nel suo complesso, è in funzione, riportandoli su un file di testo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Diagnostica energetica in real time di uno smart building

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Marino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria elettronica
  Relatore: Maurizio Grossoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

risparmio energetico
diagnostica
smart city
smart building
efficienza energeticaa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi