Skip to content

La Rete come ideologia: la comunicazione politica di Beppe Grillo e del MoVimento Cinque Stelle

Un particolar modo di ''fare politica'': i Social Network

Per capire le logiche politiche dei social network, bisogna rifarsi alla diffusione del "networking personalizzato" o, per usare le parole di Castells, dell'«autocomunicazione di massa – ovvero – un tipo di comunicazione autonomo a livello di generazione di contenuti, gestione dell'emissione e selezione della ricezione nell'ambito dell'interazione da molti a molti», dove è possibile una trasmissione della notizia in maniera talmente rapida da garantire un intreccio di informazioni diretto tra candidato e il proprio pubblico.
Nell'ultimo triennio (2010-2012) l'importanza data alla politica online inizia a far sentire il suo peso. In un'Italia presa dallo sconforto e dalla paura del tracollo completo, la crisi colpisce anche i candidati pubblici che – cercando di far breccia nell'animo dei cittadini-elettori – trovano un medium adeguato al mood di un paese in crisi nel web, strumento low cost che permette di ridare credibilità a un sistema politico "sprecone".
Dopo siti di partito, blog personali e strumenti a doppio taglio, come può apparire YouTube, resta da analizzare un sistema particolare che non deve essere sottovalutato: il potere dei social network e i loro effetti sulla politica online. Non è un caso, infatti, se i siti ufficiali stanno perdendo terreno, rispetto la corsa verso il successo intrapresa da queste innovative piattaforme digitali.
L'alba virtuale è stata inaugurata in Italia in concomitanza con le elezioni amministrative nel 2009, quando si è compresa l'importanza dello strumento online e soprattutto di Facebook e Twitter. Nel 2010 non è un caso se «53 dei candidati alla presidenza delle 13 regioni in cui si è votato» hanno usato le piattaforme digitale nelle loro campagne elettorali.

Per quanto riguarda Facebook, il suo impiego è interessante dal momento che in primis è uno strumento di uso gratuito con al più qualche minimo costo di sponsorizzazione; non richiede grandi competenze tecniche, poiché è molto semplice da utilizzare; è un serbatoio di cittadini enorme nel quale il numero degli iscritti cresce quotidianamente in modo vertiginoso; infine, piace molto agli italiani. Dai dati relativi alle campagne elettorali 2010-2012 il social network di Zuckerberg si conferma la piattaforma più diffusa tra i candidati con una percentuale tra l'85% e il 91%.

Altro punto da tenere in considerazione è il nesso – ancora dubbio, ma empiricamente verificabile – che collega Facebook al livello di successo in un determinato risultato delle elezioni: premettendo che gli strumenti usati sul web, non quelli dei media tradizionali, si sottolinea la particolarità dei ballottaggi elettorali dello scorso anno (per esempio qui a Parma Bernazzoli contro Pizzarotti), nei quali l'attore politico con più seguito – in questo caso, più "Mi Piace" – ha ottenuto la supremazia nell'esito finale della campagna politica. È rilevante, ciononostante, comprendere che solo il 5% del totale dei clic online, rappresenta realmente – al momento del voto – l'elettorato fedele. La notorietà virtuale, che può baciare un determinato candidato, non rispecchia esattamente il voto ottenuto: tra i vari cittadini che sostengono online e seguono passo a passo uno specifico personaggio pubblico, vi si possono trovare «minorenni, cittadini stranieri privi del diritto di voto, cittadini italiani che non votano in quel comune, astensionisti e perfino utenti fittizi». Le modalità comunicative di Facebook permettono di mettere per iscritto pensieri astratti e tentativi di comunicazione da parte del candidato (attraverso gruppi specifici o liste di amici selezionati), favorendo – nella semplicità della pratica informativa – un "dialogo democratico" rivolto ai cittadini: il primo passo nella sfida di ridare fiducia al sistema politico italiano.
Cosa dire invece riguardo il "fenomeno Twitter"? Nell'ultimo anno si è confermato essere tra le aree virtuali di attività politica più importanti, seconda solo al boom di profili su Facebook, riuscendo a scavalcare i risultati raggiunti dai siti ufficiali dei partiti (questi ultimi fermi al 48% rispetto al 53% del social network).

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Rete come ideologia: la comunicazione politica di Beppe Grillo e del MoVimento Cinque Stelle

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Princic
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dell'Informazione Scritta e Ipertestuale
  Relatore: Paolo Ferrandi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

new media
comunicazione politica
campagne elettorali
social network
beppe grillo
politica italiana
meetup
movimento cinque stelle
politica online
elezioni 2013

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi