Skip to content

Confronto tecnico economico tra impianti eolici off-shore e on-shore

L'atlante eolico italiano on-shore e off-shore

Per fornire uno strumento che permetta di individuare le zone migliori per lo sviluppo di impianti eolici il CESI RICERCA in cooperazione con il Dipartimento di Fisica dell'Università di Genova ha sviluppato una atlante eolico dell'Italia. Il metodo con cui è stato costruito questo atlante si divide in due fasi. Nella prima fase tramite un modello numerico si è ottenuta una mappa del vento a partire dal bilancio geostrofico (bilancio che permette di calcolare il vento geostrofico, ovvero un vento teorico risultante dal perfetto equilibrio tra la forza di Coriolis e la forza dovuta al gradiente di pressione). In particolare il sistema numerico realizzato dal Dipartimento di Fisica dell'Università di Genova fornisce un modello tridimensionale del vento, e tiene in considerazione anche l'orografia del terreno, la rugosità e la stabilità dell'atmosfera. Il territorio italiano è stato suddiviso in 24 zone differenti (di 200X200 km), parzialmente sovrapposte tra loro per garantire la continuità tra zone adiacenti. Il modello numerico è stato quindi applicato ad ognuna delle 24 zone utilizzando una griglia di 1 km2 di base.

I dati così ottenuti sono stati corretti tramite i valori misurati da 240 stazioni meteo (messe a disposizione da varie organizzazione come ENEA, Enel, le Regioni etc.), per ottenere valori più vicini alle condizioni reali.
Il lavoro è stato completato nel 2002 e includeva due serie di mappe:una sulla velocità media annuale del vento a varie altezze e un'altra sulla produzione di energia (MWh/MW) di una ipotetico aerogeneratore con il mozzo a 50 m di altezza dal terreno. Queste mappe però non comprendevano le aree off-shore. Nel 2006 si decise quindi di aggiornarle, includendole aree entro 40 km dalla costa. Il procedimento seguito è stato lo steso che per aree on-shore, al fine di garantire coerenza tra i due atlanti. Il territorio marino italiano è stato suddiviso in 21 zone parzialmente sovrapposte e comprendenti sia le aree marine che non, per tenere in considerazione l'effetto locale indotto dalla topografia della costa. I risultati del modello numerico sono stati quindi confrontati con le misurazioni di 176 stazioni meteorologiche, per validare la parte riguardante le aree off-shore e correggere ulteriormente quella riguardante le aree on-shore.

In questa fase a causa della completa mancanza di misurazioni in alcune zone marine si sono riscontrate maggiori difficoltà rispetto a quelle incontrate nel precedente atlante eolico. Sulla terraferma velocità e direzione del vento vengono misurate tramite un anemometro e una banderuola fissati su un palo di sostegno ad un'altezza prefissata, In mare invece i pochi anemometri presenti sono fissati o su boe che possono essere ancorate solo in acque basse, o sulle piattaforme petrolifere. Altre misure indirette della velocità del vento off-shore possono essere ricavate dai satelliti equipaggiati con scatterometri (come il satellite della NASA Quick-SCAT) , che analizzando il riflesso delle onde elettromagnetiche sulla superficie del mare possono stimare la velocità del vento. Questo metodo ha una precisione variabile al variare della distanza dalla costa, e non è molto affidabile per le zone con acque basse, che di solito sono quelle più sfruttabili per gli impianti eolici off-shore. Inoltre possono essere anche usate misurazioni effettuate su piccole isole in mare aperto o lungo le coste, se queste rappresentano abbastanza fedelmente le condizioni in mare.
Un altro problema legato alla misurazione della velocità del vento in mare è che la rugosità dipende dell'altezza media delle onde che è una funzione dell'intensità del vento, della sua direzione e della batimetria. Questa dipendenza però non è stata presa in considerazione perché produce effetti trascurabili rispetto al dettaglio con cui è stato svolto il lavoro. Il nuovo atlante fornisce anche dei dati addizionali rispetto al vecchio, come ad esempio i parametri della distribuzione della velocità media del vento (distribuzione di Weibull), dati sull'orografia, profondità del mare, rugosità. Confrontando i valori stimati della producibilità specifica media (MWh/MW installato) risulta evidente il perché di tanto interesse verso gli impianti off-shore, nonostante le difficoltà tecniche che presenta.

• 2000 MWh/MW on-shore

• 2500-3000 MWh/MW in acque basse

• 3000-3500 MWh/MW in acque profonde In ogni caso questo atlante fornisce un indicazione preliminare sulle aree più ventose, e non può sostituire tutte le successive misurazioni che vengono effettuate in un sito candidato ad ospitare un impianto eolico.

In ogni caso questo atlante fornisce un indicazione preliminare sulle aree più ventose, e non può sostituire tutte le successive misurazioni che vengono effettuate in un sito candidato ad ospitare un impianto eolico.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Confronto tecnico economico tra impianti eolici off-shore e on-shore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Vendetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Energetica
  Relatore: Luca Rubini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eolico
eolico off-shore
confronto tecnico eolico
aerogeneratori
stato dell'arte eolico
turbina eolica
costo energia eolica
confornto economico eolico
eolico on-shore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi