Skip to content

''Per miseria o per vergogna''. L'infanzia abbandonata in epoca moderna

L’Annunziata di Napoli e i suoi figli

Il nome attribuito al trovatello, se non indicato nella cartula, era scelto a caso e il cognome, fino alla metà del 1811, fu per tutti Esposito, cioè esposto, abbandonato. Tale cognome divenne un marchio che lasciava intendere le origini del bambino e causava varie discriminazioni.

Per evitare umiliazioni fu eliminata la consuetudine di attribuire il cognome Esposito, con il decreto di Gioacchino Murat numero 985 del 3 giugno 1811: «Considerando che l’antica usanza in alcune Province del regno di distinguere i proietti col cognome di espositi, lascia una macchia che impedisce talvolta i vantaggi che potrebbero avere nello Stato Civile.

Considerando, che non è consentaneo alla ragione che tali individui soffrano danno per motivi a loro non imputabili, sul rapporto del nostro Ministro dell’Interno, abbiamo decretato e decretiamo quanto segue: Art.1- Tutti i fanciulli esposti porteranno da ora innanzi un cognome che verrà loro imposto da coloro che a norma del nostro decreto del 10 maggio 1810 sono incaricati della tutela dei medesimi. Art.2- I cognomi imposti saranno scritti nei registri dello Stato Civile nello adempirsi all’atto di nascita prescritto dal codice Napoleone».

Tutto questo comportò che dall’agosto del 1811 i cognomi vennero attribuiti a caso e adeguati per ciascun esposto a seconda delle caratteristiche fisiche, somatiche, il periodo dell’anno, con il risultato di cognomi strani e talvolta ridicoli. I cognomi derivanti dalle caratteristiche fisiche e somatiche sono: Alto, Basso, Giocondo, Amabile; i nomi dei luoghi di nascita: Mercato, Marano, Marianella, Forcella; nomi di oggetti: Mazza; Bacchetta; nomi di fiori: Garofalo, Giglio.

La registrazione aveva un altro rituale molto suggestivo: al collo del bambino veniva messo un laccetto, chiuso da due placche di piombo unite con il torchio, il piombo era detto merco; su di esso, sempre con il torchio, si imprimevano da un lato l’immagine dell’Annunziata dall’altro il numero di matricola. Il merco non poteva ,ai essere tolto finchè non si lasciava definitivamente la Casa. Nell’Ottocento al piombo fu sostituita una medaglia prima in ottone, poi in metallo. Occorre sottolineare come, contrariamente agli altri brefotrofi disseminati in Italia e in Europa che usavano imprimere il marchio a fuoco sulla pelle del tallone o della spalla del bambino, quello dell’Annunziata di Napoli è stato l’unico ad usare la medaglia, nel rispetto della persona. L’ingresso alla Reale Casa dell’Annunziata di Napoli attraverso la ruota dava ai piccoli la possibilità di entrare a far parte della famiglia dei cosiddetti figli della Madonna, figli d’ ‘a Nunziata, titoli che assicuravano la protezione della Madonna e attribuivano loro privilegi spirituali e materiali.

I figli della Madonna, infatti, avevano il privilegio, se così si può definire, di essere ospitati nella Santa Casa, adeguatamente nutriti, educati, istruiti e mandati a lavoro, se affidati venivano supportati anche economicamente; le donne avevano il diritto alla dote, se si sposavano, oppure a rimanere nella Casa per tutta la loro vita. L’antipapa Giovanni XXIII con una bolla pontificia del 1413 diede agli esposti la possibilità di accedere agli ordini sacri. Questo fu un privilegio molto importante, se si pensi in quale reputazione erano tenuti i gettatelli. La bolla papale fu confermata da Papa Martino V nel 1424, da Nicola V nel 1447. Queste tre bolle istituirono anche la festa dei brefotrofi propri nel giorno dell’Annunziata, il 25 marzo. Dal 1575 agli esposti fu concesso l’ingresso nel seminario istituito presso la Santa Casa.

I privilegi, però, istituiti per compensare in quei piccoli innocenti i diritti e le gioie riservati a tanti altri, si rivelarono un’esca per la popolazione, la quale ricorse a vari sotterfugi pur di arrotondare le proprie finanze, apportando man mano una quantità sempre più numerosa di esposti, o meglio di pseudo esposti, alla Casa che più volte si trovò ad affrontare oneri superiori alle proprie risorse economiche ed umane. Infatti, pretendevano l’ingresso tramite la ruota coloro che portavano i loro figli per povertà o per motivi ereditarie o di seconde nozze di uno dei genitori; anche quelli che intendevano adottare un piccolo lo facevano prima passare per la ruota; molte volte erano le stesse madri che si qualificavano balie per riprendere il figlio appena lasciato ed avere, così, la sussistenza economica da parte dell’istituto, tanto che nel regolamento del 1739 si stabilì di affidare i bambini a balie provenienti dalla provincia e viceversa. Erano molti gli uomini che si approfittavano delle ragazze esposte per sposarle e prendersi la loro dote.

Questo brano è tratto dalla tesi:

''Per miseria o per vergogna''. L'infanzia abbandonata in epoca moderna

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rosa Grassini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Stefano d'Atri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abbandono minori
assistenza all'infanzia
infanzia abbandonata
infanzia e storia
l'annunziata di napoli
i befotrofi italiani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi