Skip to content

Progettare Information Dashboard: usabilità e accessibilità nel progetto TMA-1

Modello mentale del sito

Ogni volta che una persona utilizza un qualsiasi tipo di sistema interattivo, un sito web come la nostra macchinetta automatica del caffè, basa il proprio comportamento su una rappresentazione mentale del sistema. Tale rappresentazione, determinata dalla comprensione del sistema ottenuta fino a quel momento, permette l’elaborazione di determinati obiettivi, ad esempio ottenere una tazzina del caffè molto zuccherata, quindi pianificare le azioni per raggiungere tale obiettivo, e valutare, durante l’esecuzione, l’eventuale progresso. Quindi, l’utente utilizza il modello mentale per immaginare cosa stia succedendo all’interno del sistema e per prevedere gli effetti di certe sue azioni. In questo modo, quando si preme su “caffè dolce”, ci si aspetta una determinata risposta dal sistema. Solo nei casi in cui si sta usando un sistema in maniera automatica, “senza pensarci”, tale requisito viene meno. Ad esempio guidiamo la macchina senza pensarci, ma se la giornata è impegnativa a causa del traffico, allora iniziamo a pensare a quale marcia mettere. Nel prendere queste decisioni si utilizza il modello mentale della nostra automobile per prevederne il comportamento in uno specifico contesto. Quando si usa un sito in maniera automatica entra in gioco la componente reattiva, mentre è la componente razionale che si basa sul modello mentale del sito. Per gli scopi di questa tesi, verrà adottato un modello semplicistico dell’utente, che integra due tipologie importanti del suo comportamento: il comportamento reattivo, immediato, automatico, e quello razionale, mediato dalle conoscenze. Quindi nel caso di un sito web il modello mentale sarà una rappresentazione dei suoi contenuti informativi e funzionalità. Il modello mentale evolve inconsciamente per effetto di processi di apprendimento che hanno luogo durante lo svolgimento di varie attività come, ad esempio, l’addestramento specifico per imparare ad usare il sito, la lettura di un manuale o l’utilizzo, l’utilizzo per tentativi ed errori, l’osservazione dell’uso del sito da parte di colleghi, la discussione con altre persone sull’uso del sito e per analogia con il modello sviluppato su sistemi simili. Nel caso di un sito web, il modello mentale si forma molto spesso a forza di tentativi ed errori, specialmente per le nuove generazioni di utenti, per analogia con quanto appreso sul funzionamento e organizzazione di siti simili o in seguito ad osservazione diretta di altri utenti all’opera o discussione con loro. I casi in cui si viene addestrati sono rari, più frequentemente si impara da soli.
Il modello mentale di un certo sito che un utente si costruisce può essere incompleto e non corretto: incompleto se parte del sito non viene percepita ne compresa; non corretto se consente di prevedere comportamenti che non corrispondono a quelli realizzati dal sito.
Nel caso di un sito web, una situazione frequente è quella di un visitatore con un modello altamente incompleto. Secondo Norman (1986), è l’immagine del sistema che contribuisce in buona parte alla costruzione del modello mentale dell’utente. L’immagine del sistema consiste di due cose: l’espressione del sito che è presentata dalla sua interfaccia e che viene percepita dall’utente, e quanto può venir appreso dall’utente consultando materiale di supporto (manuali, libri dedicati). In un certo senso la prima parte dell’immagine del sistema può essere considerata come una serie di screenshot impressi nella mente dell’utente. Il modello mentale del sistema invece è una rappresentazione mentale del sistema che include anche alcuni aspetti del comportamento e della struttura conversazionale del sistema. Utilizzando le parole di Norman (1986):
“[…] il compito principale del progettista è di costruire un’immagine appropriata del sistema, considerando che ogni cosa con cui l’utente interagisce contribuisce a dare forma a tale immagine: la visualizzazione delle informazioni, il materiale di aiuto, i messaggi di errore. Se uno spera che l’utente comprenda il sistema, sia capace di usarlo efficacemente, e tragga soddisfazione dall’usarlo, allora sta nel progettista il rendere l’immagine del sistema esplicita, comprensibile e coerente”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Progettare Information Dashboard: usabilità e accessibilità nel progetto TMA-1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Bianchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giorgio Poletti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

usabilità
web usability
user experience
dashboard
visual design
accessibilità
cruscotto
progettare
ux
information dashborad

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi