Skip to content

Lo stretching: prevenzione degli infortuni muscolari e prestazione sportiva

Stretching e performance sportiva

Quando si parla di prestazione sportiva, si crede spesso che un’atleta che dispone di un’ottima flessibilità possa essere avvantaggiato nell’esecuzione del gesto tecnico di una qualsiasi disciplina sportiva. Per molto tempo infatti, lo stretching è stato utilizzato come mezzo per aumentare la performance.

Alcuni studi svolti in seguito su atleti si sono però opposti a tale teoria, dimostrando che le varie tecniche di allungamento, se svolte prima della prestazione, possano influenzare negativamente le capacità condizionali, in particolare le capacità di velocità e forza massimale.

I fattori che influiscono negativamente sulla performance, possono essere riassunti complessivamente in tre punti. In primo luogo, svolgendo una sessione di stretching particolarmente intensa prima di un allenamento o gara, può condurre anzitempo al fenomeno di affaticamento muscolare e aumentare il rischio di produrre micro-traumi al tessuto connettivale che riveste il muscolo, come abbiamo visto nel paragrafo precedente.

In secondo luogo, un eccessivo ed intenso allungamento a carico di alcuni gruppi muscolari a discapito di altri può portare ad uno squilibrio con conseguente diminuzione di coordinazione tra muscoli sinergici e tra agonisti ed antagonisti. Un terzo ed ultimo fattore sembra invece essere dovuto al fatto che, in seguito ad un allungamento intenso e prolungato di un muscolo, il tendine o i tendini interessati attraversino una fase di riorganizzazione delle proprie fibre di collagene che vengono riorientate obliquamente; nella fase di stiramento infatti, le suddette fibre tendono ad allinearsi l’una con l’altra.

Questo fenomeno è chiamato comunemente “creeping” e diminuisce la capacità tendinea di immagazzinare e quindi rilasciare energia quando viene sollecitato. Sulla base di questi tre fattori, bisogna però sottolineare che la diminuzione della capacità prestativa avviene solamente nel caso di una seduta di stretching particolarmente intensa precedente la performance. Un utilizzo razionale delle tecniche di allungamento come parte integrante della fase di riscaldamento, come abbiamo visto in precedenza, tende a non influenzare negativamente la prestazione sportiva.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lo stretching: prevenzione degli infortuni muscolari e prestazione sportiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Gili Fivela
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Motorie
  Corso: Scienze motorie e sportive
  Relatore: Nunzio Nicosia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dinamico
pnf
stretching
muscolo scheletrico
sarcomero
statico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi