Skip to content

Le nuove frontiere dell'editoria scolastica: guida alla scoperta e alla realizzazione di contenuti digitali

L'Editoria digitale scolastica

Tra gli interventi previsti dal Piano Nazionale Scuola Digitale non poteva mancare un progetto che si interessasse del futuro "digitale" dei contenuti didattici. Questo intervento è denominato "Editoria digitale scolastica" e ha visto iniziare i suoi lavori nei primi mesi del 2012. L'obiettivo di questo progetto è sperimentare le possibilità offerte da contenuti realizzati in formato digitale nel campo dello studio individuale e di classe. L'iniziativa si inserisce nel solco scavato dagli ultimi provvedimenti legislativi riguardanti i libri di testo, che prevedono l'introduzione del formato misto, tentando però di aggiungere ulteriori contributi, soprattutto nella scoperta di strumenti che aiutino la collaborazione tra studenti e tra istituti.
Il perché di questa azione non nasce, come molti hanno presumibilmente supposto, dalla promulgazione delle nuove norme sui libri di testo. Certo, si inserisce nella scia del mutato assetto normativo, ma nasce soprattutto dalle esigenze più volte e a gran voce espresse da molte scuole, in particolare quelle che da tempo si sono dotate delle tecnologie e degli strumenti anche pedagogico/didattici atti ad accogliere il cambiamento. Le scuole chiedo.no di conoscere valide risorse digitali per utilizzarle nella didattica e condividerne le modalità d'uso con altre scuole. L'azione mira pertanto a far emergere proposte e soluzioni innovative che diano alle scuole la possibilità di sperimentare nuovi prodotti digitali per l'apprendimento.Nel dettaglio il progetto prevede una prima parte con il lancio di venti "Richieste d'Offerta" rivolte agli editori e ai produttori di software didattico-pedagogico, per l'acquisizione di altrettanti prototipi di editoria digitale scolastica. Una volta sviluppate le proposte, queste saranno selezionate e valutate da venti istituti scolastici, distribuiti sul territorio nazionale. A conclusione delle gare d'acquisizione, è previsto che le proposte selezionate siano inserite in percorsi di sperimentazione didattica e messe a disposizione di studenti e insegnanti.
Le caratteristiche tecniche delle proposte di prodotto sono specificate nelle "Linee Guida dell'Azione, redatte da un comitato tecnico-scientifico e prevedono:

• prodotti multimediali le cui singole componenti possano essere utilizzate dai docenti per lo sviluppo di materiali didattici personalizzati;

• i prodotti dovranno presentare strumenti di editing che permettano a studenti e docenti di inserire note, modifiche e integrazioni;

• i prodotti devono garantire lo sviluppo della didattica collaborativa: dovrà essere possibile, per più studenti contemporaneamente, lavorare insieme su risorse didattiche condivise, anche attraverso l'utilizzo della rete;

• i prodotti dovranno coprire aree tematiche multidisciplinari, nell'ottica di una ricomposizione dei saperi."

In sintesi le caratteristiche richieste sono "contenuti 'liquidi', che possano essere travasati da un supporto tecnologico ad un altro, scomposti e adattati a diverse esigenze, pur conservando le proprie caratteristiche di base."
È evidente dalle linee guida appena citate, come l'intenzione del progetto sia quella di trovare prodotti "che non si risolvano nella mera digitalizzazione del vecchio manuale cartaceo, ma siano strumenti adeguati agli stili cognitivi dei nostri nativi digitali e agli ambienti di apprendimento che stiamo allestendo per loro, aperti alle risorse della rete, flessibili rispetto alle esigenze dei singoli, corredati di servizi di varia tipologia, realmente inseribili nel contesto culturale scolastico italiano. Si tratta infatti non tanto di ripensare il testo scolastico, ma di creare uno strumento di apprendimento completamente nuovo, con un notevole valore aggiunto."
Alcune gare per l'aggiudicazione dei venti prototipi sono già partite (Campania, Umbria ed Emilia Romagna) e il Ministero conta di completare l'operazione in tempi brevi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le nuove frontiere dell'editoria scolastica: guida alla scoperta e alla realizzazione di contenuti digitali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Rossi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione multimedia
  Relatore: Letizia Catarini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 216

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi