Skip to content

Clonazione animale e sicurezza alimentare

Clonazione: effetti sugli animali

La scarsa efficienza della tecnica TNS e la difficoltà nel comprendere tutti i meccanismi biologici è da ricercare sia nella difficoltà di standardizzare tutte le variabili, quali la scelta del protocollo, l'abilità dell'operatore, la qualità dell'ovocita e della cellula donatrice (Galli et al., 2003a; Houdebine, 2008), che nelle alterazioni epigenetiche durante la riprogrammazione del genoma (EFSA, 2008; Solomon et al., 2009). Per questi motivi si calcola che solo il 5% di cloni bovini trasferiti allo stadio di blastociste sopravviva fino al termine della gravidanza con un alto tasso di mortalità embrionale, perinatale e neonatale, cosi come numerose sono le anomalie nello sviluppo e nell’accrescimento dei cloni nati, eventi, questi che possono manifestarsi anche dopo lungo tempo.

Nel primo trimestre di gravidanza il tasso di aborto è molto più alto (60%) con la clonazione rispetto ad altre tecniche di fecondazione assistita e le cause sembrano essere dovute ad insufficienze placentari, dimostrate dal ridotto sviluppo dei cotiledoni. Gli aborti possono manifestarsi anche durante tutto il periodo di gestazione, in numero ridotto ma costante, e sembrano essere associati a fenomeni di ipertrofia placentare, anomalie cotiledonari e ispessimento del cordone ombelicale, come mostrato in figura 4 (Schmidt, 2007; Farin et al., 2006;Edwards et al., 2003; Chavette - Palmer et al., 2002; Heyman et al., 2002; Galli et al., 2003b).

Da uno studio condotto da Park et al. (2005) emerge che tali problematiche sono frequenti anche nella tecnica del trasferimento nucleare somatico applicato alla specie suina. La figura 5 riporta alcune delle anomalie fenotipiche più frequentemente evidenziate a carico degli arti (flessione tendinee, deformità e polidattilia) e della testa (rinite atrofica, deviazione del naso, cerebromeningiti). Frequenti cause, queste, di aborto o di mortalità neonatale, date le notevoli difficoltà che comportano alla stazione e alla suzione del colostro.

Park et al. inoltre, hanno monitorato il periodo di gestazione con esami ultrasonografici a partire dal 28° giorno di gravid anza e ripetuti al 33°, 37° e 44°giorno. Da queste valutazioni gli aut ori hanno stimato che il tasso di aborto più alto (29%) si registra attorno al 45° giorno a causa di displasie e deformità d’organo incompatibili con la vita (figura 6). La fase del parto, invece, sembra essere particolarmente difficoltosa soprattutto nella specie bovina, con frequenti distocie che richiedono, nel rispetto del benessere animale il ricorso al cesareo. Si è notata una certa omogeneità nelle cause che portano a morte i vitelli clonati nel periodo perinatale, tra le più ricorrenti sono state descritte insufficienza respiratoria con iperventilazione e insufficienza cardiaca con dilatazione del ventricolo sinistro, ipertensione polmonare e tachicardia.

Oltre a questo si registra un ritardo del riflesso alla suzione, una maggiore predisposizione alle infezioni per precoce atrofia timica e ritardata risposta immunitaria che si estrinseca con ruminiti, abomasiti ed altre patologie. Degno di nota appare anche il riscontro di eccessivo incremento delle masse muscolari con alterazione nella composizione delle fibre muscolari, displasia cerebellare e malformazioni scheletriche e facciali (Solomon et al., 2009; Young et al., 1998). Secondo uno studio condotto da Garry el al. (1996) su 40 vitelli Brangus, le gestazioni prolungate, le difficoltà al parto e la necessità di ricorrere a taglio cesareo trovano spiegazione anche nell’elevato peso dei vitelli alla nascita. Infatti, 34 dei vitelli in esame, nella loro prima ora di vita, presentavano segni di disvitalità e difficoltà alla stazione quadrupedale con ipossiemia, ipoglicemia, acidosi metabolica e ipotermia, tali da necessitare cure mediche.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Clonazione animale e sicurezza alimentare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sofia Strubbia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Camerino
  Facoltà: Medicina Veterinaria
  Corso: Medicina Veterinaria
  Relatore: Anna Rita Loschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etica
sicurezza alimentare
benessere animale
clonazione animale
novel food

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi