Skip to content

Famiglie interculturali: sfide e risorse

Il bilinguismo nei bambini

La differenza linguistica é una delle prime sfide che la coppia mista si trova a dover affrontare. Sembra che la cosa venga percepita come problematica dopo un certo periodo dall'inizio della relazione. Alcune coppie parlano da subito la lingua italiana nel caso in cui il partner straniero si trovi in Italia da tempo e la parli bene. In altri casi, come spesso avviene nelle coppie italo-polacche, si usa una terza lingua conosciuta più o meno bene da entrambi; di solito l'inglese. Condividere sentimenti ed emozioni, litigare e discutere in una lingua che non é la propria spesso amplifica i conflitti a causa della frustrazione percepita da entrambi per l'impossibilità di farsi capire come si vorrebbe.

“Quando abbiamo cominciato, parlavamo sempre in inglese, alla fine ogni coppia che parla in una lingua che non è la lingua madre per nessuno dei due, alla fine si elabora più che una lingua un linguaggio comune. Diventa una specie di esperanto perché ci mettevamo in mezzo qualche parola che io sapevo di polacco, qualche parola che lei cominciava a sapere di italiano, con questa base di inglese molto semplice.”

La soluzione viene naturalmente con il tempo; se la coppia vive in Italia il partner straniero finisce per imparare l'italiano. Questa soluzione rischia però di sbilanciare il potere all'interno della coppia poiché la competenza linguistica del partner italiano lo metterà sempre in una situazione di vantaggio negli scambi quotidiani e nelle discussioni. Con l'arrivo dei figli la madre lingua minoritaria rientra in gioco con diversi possibili risvolti.
I figli delle coppie miste imparano sempre la lingua del contesto sociale in cui sono inseriti ma la famiglia, e questa è una delle sue più grandi ricchezze, può decidere di affiancarne un'altra. Questa scelta è fortemente influenzata da timori ingiustificati su eventuali problematiche in cui i bambini bilingui incorrerebbero e ancor più dalle reazioni del contesto sociale e della famiglia allargata. Partendo dalle opinioni degli esperti andremo a indagare le scelte più comuni e i fattori che le determinano.
Il bilinguismo infantile è oggetto di studio da alcuni anni e costituisce terreno di scontro tra opinioni molto diverse. Alcune idee sono ampiamente diffuse tra genitori e insegnanti: “Bisogna imparare una lingua e solo più tardi se ne può imparare una seconda”. Questa idea viene messa in pratica in molte famiglie miste creando situazioni difficili e paradossali come quella descritta da una mamma tailandese:

Io e mio marito parliamo in inglese e così l'italiano l'ho imparato poco poco. Quando é nato il bambino, lui e sua madre hanno detto che mio figlio doveva imparare l'italiano. Adesso è ancora piccolo, ma se io dico le parole della mia lingua, dicono che faccio confusione al bambino...”.

Per chi ha studiato lo sviluppo del linguaggio nei bambini bilingui questo rischio non esiste, anzi, la mescolanza delle lingue è considerata una fase normale e non é ritenuta indice di confusione in questi bambini. Il cervello umano non è programmato per essere monolingue e il bilinguismo non determina alcun disturbo del linguaggio. Il consiglio è che ciascuno parli con il bambino la lingua in cui si trova più a suo agio; “ogni lingua ha lo stesso valore affettivo quando é la madre che la parla al bambino”. Questi bambini sviluppano precocemente delle capacità metalinguistiche, sono in grado di analizzare la struttura delle lingue e questo li facilita nell'apprendimento della lettura e
di una terza lingua. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Famiglie interculturali: sfide e risorse

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Peretto
  Tipo: Tesi di Master
Master in Modelli per la valutazione e la prevenzione del disagio minorile e per il sostegno delle genitorialità
Anno: 2012
Docente/Relatore: Rosanna Cima
Istituito da: Università degli Studi di Verona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

interculturale
religione
famiglia
migrazione
coppia mista
matrimonio misto
bilingue
meticcio
mescolanza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi