Skip to content

I marchi che godono di rinomanza

Il sistema Internet e i nomi a dominio

Lo sviluppo di Internet non ha mancato di porre problemi al diritto dei segni distintivi.
È infatti evidente che questo sistema, in quanto forma di comunicazione, e quindi anche di comunicazione di impresa, non può considerarsi estraneo all'ambito di operatività delle regole in materia di segni distintivi, pur tenendo conto del fatto che la peculiarità di tale tecnologia incide necessariamente sull'applicabilità delle stesse nel caso concreto.
Una prima ipotesi è quella dell'uso di segni distintivi in Internet: in questo caso una situazione di conflitto si può presentare quando nelle pagine web di un imprenditore compaiono senza autorizzazione marchi o altri segni distintivi eguali o simili a quelli di cui sono titolari altri soggetti.
Questa ipotesi sembra agevolmente assimilabile a quella dell'uso dei medesimi segni in un'offerta commerciale ovvero in una comunicazione pubblicitaria, ed in tal senso si è subito espressa la nostra giurisprudenza.
Il limite della protezione è segnato in questo caso dal pericolo di confusione tra i segni in conflitto e dal raffronto tra il contenuto del sito dell'imitatore e l'ambito di protezione dei segni da imitare, oppure, nell'ipotesi di marchi che godono di rinomanza, dall'esistenza di un indebito vantaggio o pregiudizio derivante dall'uso del segno senza giusto motivo, secondo la regola dell'articolo 5.2 della Direttiva 104/89 (e dell'articolo 20 comma 1 lettera c) del c.p.i.).
Poiché anche i siti non commerciali sono spesso portatori di pubblicità, ciò probabilmente può consentire di considerarsi anche in questi casi di fronte ad una forma di uso commerciale del marchio altrui, soggetta quindi ai divieti di cui alla normativa riguardante i marchi d'impresa. Tali norme si applicano dunque anche in ipotesi in cui l'imitazione dei segni distintivi sia effettuata nelle pagine web di soggetti non imprenditori.
Sin qui si è parlato dell'uso di segni distintivi altrui in Internet: più complessa tuttavia si presenta una seconda ipotesi, e cioè quella dell'uso dei segni distintivi di Internet, e in particolar modo quella dell'uso dei domain names.
Si ritiene in questa sede opportuno riassumere brevemente il funzionamento dei nomi a dominio nel sistema di Internet.
A questo scopo si prenderà spunto dall'efficace spiegazione fornita in proposito in un'ordinanza del Tribunale di Modena.
Com'è noto, Internet è una rete telematica mondiale, articolata in vari nodi nazionali e locali, cui i singoli utenti accedono attraverso la rete telefonica collegata al computer.
Per rendersi accessibili agli altrui collegamenti, occorre individualizzare il "sito" del proprio computer attraverso un codice di identificazione (il cosiddetto indirizzo IP Internet Protocol) costituito da una data combinazione numerica divisa da punti.
Per facilitare i collegamenti, ciascuno di tali indirizzi viene affiancato da uno ed uno solo cosiddetto indirizzo DSN (Domain Name System),
rappresentato da una combinazione di lettere in grado di formare parole di senso compiuto, che costituisce l'elemento necessario e sufficiente al
singolo utente per realizzare la connessione con quel particolare sito. L'apposito software provvede infatti a convertire automaticamente
l'indirizzo DNS nell'indirizzo IP, l'unico riconoscibile dalle macchine.
Gli indirizzi DNS si compongono di due parti. Il Top Level Domain, che è composto da due o tre lettere poste all'estrema destra, dopo un punto,
identifica l'area tematica e geografica del sito. I TLD esistono in numero limitato per le aree tematiche (il più famoso è .com, che designa le attività commerciali), mentre molte aree geografiche hanno il proprio TLD identificativo (per l'Italia è .it).
Il TDL è la parte di indirizzo che non è scelta dall'utente, ma gli viene assegnata al momento della registrazione.
Il cosiddetto Second Level Domain si trova, invece, sulla sinistra ed è una combinazione alfabetica liberamente scelta dall'utente (entro il limite tecnico rappresentato dal numero di caratteri, che sono al massimo 21), e che costituisce pertanto il vero momento identificativo del sito.
Tale meccanismo è diventato uno standard generale, garantito da un sistema di registrazione dei nomi che, nato in America, si è poi articolato nel mondo attraverso la creazione di varie autorità di registrazione locali, che adottano procedure simili per l'assegnazione.
In Italia, il regolamento di registrazione era stabilito dalla Naming Authority italiana, mentre la Registration Authority era l'organismo responsabile dell'assegnazione dei nomi a dominio e della tenuta dei relativi registri.
La Naming authority, che stabiliva le procedure ed il regolamento in base al quale viene effettuata la registrazione dei nomi a dominio, è stata successivamente soppressa nel 2003. L'istituto di Informatica e Telematica del Comitato Nazionale di Ricerca, ossia l'ente pubblico che svolge le funzioni operative di Registration Authority per l'Italia, nel riscrivere le condizioni generali del nuovo contratto per la registrazione dei domini .it, ha dunque eliminato l'impegno, a carico dell'utente, di riconoscere e rispettare le norme decise dalla N.A., sostituendolo con un impegno a rispettare le norme stabilite da un "comitato tecnico" nominato al suo interno dalla stessa RA.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I marchi che godono di rinomanza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Pastori
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Silvia Giudici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 261

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marchio
marchio comunitario
cybersquatting
rinomanza
notorietà
codice della proprietà industriale
ad words

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi