Skip to content

Dialoghi mitici tra T.S. Eliot e Cesare Pavese

Miti classici, miti universali

La mitologia greca, grazie al suo carattere universale e unificante del mondo contemporaneo, e in particolare del mondo contemporaneo occidentale di cui è la base culturale e per la loro accessibilità contenutistica e linguistica nel mondo europeo, entra anche nell’opera di Pavese, dai quali viene più o meno nel profondo toccata.
Come in Eliot, “il mito classico ha agito e continua ad agire come un architesto fondamentale, vale a dire come un insieme eterogeneo e piuttosto sciolto di racconti e motivi sottoposti alle più svariate pratiche di manipolazione e d’interpretazione” e viene quindi “percepito come un universo remoto, diverso, se non addirittura inaccessibile per il testo contemporaneo”.
Mito, per Pavese, è, come abbiamo già visto, anche il rito, in particolare quello di fertilità campagnolo; ma contemporaneamente è anche un “racconto sacro appartenente ad una determinata area culturale”.
Il mito classico si configura allora come il segno di una data cultura, che ha veicolato un contenuto in un momento preciso della storia umana; come già nella Waste Land, la miticità e il valore di quei racconti non hanno lo stesso peso nell’uomo moderno, come invece avevano nell’antichità: al pari dei riti, nel contemporaneo se n’è già perduta la valenza originaria, diventando qualcosa di impossibile da recuperare; “l’altra cosa” scrive infatti Pavese nell’ultimo dei Dialoghi “l’abbiamo perduta./ – Dilla dunque, la cosa./ - Già lo sai. Quei loro incontri”; anche per Pavese, dunque, “the nymphs are departed”, non come quelle di Eliot, trasformatesi in prostitute, ma come concetto mitologico: il mondo contemporaneo ha perso il tempo mitologico, come ha perso quello dei riti.
L’unica cosa che può dare un valore mitico nella contemporaneità alla mitologia è la creazione di “miti individuali” come lo stesso scrittore li definisce: “questi miti individuali” sono “i germi di ogni poesia”.
“Secondo Pavese”, afferma Givone, “la poesia deve ricongiungersi con il mito”, poiché, come in Eliot, la poesia è “l’unica erede del pensiero selvaggio” e quindi l’unica erede del mito classico, infatti Cesare, citando tra l’altro la Harrison, scrive
’The element of action re-done, imitated, the element of μίμɛσɩϛ is, I think, essential… Not the attempt to deceive, but a desire to re-live, to re-present>> (Harrison. Themis. p.43). Non corrisponde al tuo vedere mitico[…]? E in questa mimesi c’è il segreto della poesia
ma così facendo, questo “rischiararli, possederli fino in fondo […]vuol dire distruggere, si sa. Questa distruzione ‒ beninteso, è una trasformazione ‒ toglie al mito violato la sua unicità, la sua misteriosa potenza di simbolo creduto. Il mito che si fa poesia perde il suo alone religioso”; alla stessa maniera di The Waste Land, il mito immerso nel contemporaneo viene degradato, gli viene tolta la sua aurea sacra e perde la sua essenza orginaria.
La sua classicità è quindi il risultato di una filtrazione contemporanea e personale della mitologia, non il frutto di una ricerca oggettiva; Pavese scrive nel suo diario il 3 giugno del 1943 che “il tuo”, parlando di se stesso, “è un classicismo rustico che facilmente diventa etnografia preistorica”. Preistoria dell’uomo come Vico, ma anche Dialoghi con Leucò in cui il mito greco si presenta agli albori, mentre soppianta il mondo pre-olimpico; ma è anche preistoria dell’individuo, la fanciullezza, poiché la rusticità è qualcosa che arriva dall’infanzia: “piacciono i ruderi di Roma perché […] papaveri e siepi secche sui colli ne fanno cosa dell’infanzia”.
Come l’infanzia, il mito classico, in quanto legato ad una realtà specifica è qualcosa di unico e irripetibile, e per questo “è stato innalzato a più riprese a norma e a punto di riferimento per la realizzazione di un discorso che si accosti all’irrazionale e al sacro senza sminuirlo del tutto”. Pavese dice infatti che il fascino dei miti greci nasce dal fatto che posizioni inizialmente magiche, totemiche, matriarcali, iniziatiche vennero […] reinterpretate, tormentate, contaminate, innestate, secondo ragione, e così ci sono giunte ricche di tutta questa chiarezza e tensione spirituale ma tuttora variegate di antichi simbolici sensi selvaggi
Ma discostandosi dalle idee dell’antropologia di inizio secolo, quella a cui molto era debitore Eliot, nonostante lo scrittore italiano prenda alcuni spunti da essa specialmente dalla Harrison, “Pavese non applicò fino in fondo o non applicò affatto, nei riguardi dei miti classici, quel metodo evoluzionistico che è tipico della scienza etnologica e in particolare di Frazer”. Ma ciò non toglie che anche per Pavese il mito greco e la civiltà greca nascano da un sostrato primitivo e selvaggio, di cui non scompare il rito di fertilità, lo stesso Pavese citando Nilsson nel suo diario afferma “la terra è da una parte il luogo di riposo dei morti che sono sepolti nel suo seno, dall’altra la datrice della fertilità. Le divinità ctonie appaiono nel doppio aspetto di signore della morte e della fertilità”. Contrapporre queste divinità al mondo olimpico mette in crisi il sistema e apre le porte al mondo contemporaneo, in cui l’essenza del rito non è più afferrabile. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dialoghi mitici tra T.S. Eliot e Cesare Pavese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rossana Pasian
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Giuliana Ferreccio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

eliot
tiresia
pavese
mito classico
frazer
la luna e i falò
waste land
mondo primitivo
leucò
riti fertilità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi