Skip to content

Le Bucoliche di Virgilio: una risposta alla sfida del cambiamento

Le vices dell'uomo e della natura

Dopo essermi soffermato, nei precedenti capitoli, sul complesso rapporto delle Bucoliche col tema del cambiamento, tanto politico quanto letterario, che si andava realizzando a Roma negli anni successivi all'assassinio di Giulio Cesare, e avere evidenziato la consapevolezza in Virgilio della novità della propria proposta poetica in riferimento agli autori greci e latini a lui precedenti o contemporanei, ritengo opportuno proseguire la mia indagine ancora più sul versante inter-testuale, ponendo a confronto le ecloghe con alcuni carmi di Orazio.
Il poeta di Venosa condivise con Virgilio non soltanto l'epoca storica travagliata, ma anche gusti letterari e modelli d'ispirazione poetica prettamente neoterici ed alessandrini ed ancora rapporti politico-culturali di amicizia ed inimicizia, dovuti alla frequentazione della stessa cerchia d'intellettuali che a Mecenate faceva capo e che al primato di Ottaviano, futuro Augusto, guardava con favore.

"L'entrata nella cerchia di Mecenate e di Ottaviano, avvenuta forse verso l'inizio del 38, è un avvenimento senza dubbio d'importanza decisiva non solo per la biografia, ma anche per la formazione ideale e, quindi, per l'opera di Virgilio."

E' necessario comunque precisare che la composizione delle Bucoliche, databile tra il 42 ed il 39, probabilmente precede almeno in parte l'ingresso di Virgilio nel circolo di Mecenate.

"La totale assenza del nome di Mecenate nelle Bucoliche, in cui invece trovano posto quelli di contemporanei sia del mondo politico sia dell'ambiente letterario, quali Pollione, Varo, Gallo, Vario, Cinna, porterebbe infatti a concludere che l'opera fu composta prima dell'ingresso di Virgilio nel circolo di Mecenate e quindi nell'ambiente di Ottaviano."
La situazione di grave incertezza politica e di guerra civile dovette perdurare piuttosto simile, sebbene con fasi e vicende alterne, dalla morte di Giulio Cesare nel 44 a.C. fino al 31 a.C., anno in cui Ottaviano sconfisse Marco Antonio e Cleopatra, regina d'Egitto, nella battaglia di Azio.
Sia Orazio che Virgilio si mostrano consapevoli che cambiare sia "difficile, quasi impossibile, se si pretende di gestire il cambiamento nei termini di un colpo di spugna sul passato"

Ah, Corydon, Corydon, quae te dementia cepit?
Semiputata tibi frondosa vitis in ulmo est.
Quin tu aliquid saltem potius, quorum indiget usus,
viminibus mollique paras detexere iunco?
Ahi, Coridone, Coridone qual mai follia ti ha preso?
Hai le viti potate a metà sull'olmo frondoso.
Perchè non cerchi piuttosto d'intrecciare qualcosa
di cui vi sia bisogno, coi vimini o coi pieghevoli giunchi?.
(Buc. 2, 69-72)


Così il Coridone virgiliano, al termine di un serrato soliloquio che coincide con gli ultimi versi della seconda ecloga, resosi conto che il suo cambiamento interiore, dovuto alla passione per Alessi, rasenta la follia poiché lo spinge a rinnegare la propria identità, finalmente riacquista la ragione e, tornato in sé, rivolge il pensiero alla propria realtà pastorale ed alla necessità di un ritorno alle occupazioni di una abituale vita campagnola. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le Bucoliche di Virgilio: una risposta alla sfida del cambiamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore Di Bianca
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: lettere classiche
  Relatore: Giusto Picone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cambiamento
virgilio
teocrito
orazio
bucoliche
ecloghe
poema pastorale
idilli
epodi
neoterici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi