Skip to content

La coltivazione del mais nei sistemi biologici e convenzionali: risultati da una sperimentazione poliennale

Modalità di gestione dei parassiti in biologico

Anche per la gestione dei parassiti l'agricoltura biologica fa affidamento sulla biodiversità dell'ambiente in cui opera per il mantenimento di un equilibrio tra e componenti dell'ecosistema agricolo. Eccezionali sono trattamenti sulla coltura contro la piralide, oggi fattibili con bioinsetticidi a basso impatto ambientale a base di Bacillus thuringensis (Gassmann et al., 2012).
Le prove effettuate al riguardo indicano una buona efficacia degli interventi con prodotti a base di Bacillus thuringiensis, purché vengano effettuati tempestivamente, prima della penetrazione delle larve nella pianta: ciò è reso difficoltoso dal fatto che
l'unico sistema di monitoraggio attualmente efficace è l'osservazione diretta e il conteggio delle ovature in campo, con tutte le difficoltà e l'onerosità che questa operazione comporta (Gasmaann et al., 2012).
Al momento attuale i principi attivi naturali per la difesa dalle avversità non vengono utilizzati ampiamente dai maiscoltori biologici, i quali ricorrono piuttosto alla prevenzione mediante l'impiego di varietà antiche resistenti, ma vengono anche utilizzate buone pratiche agronomiche volte alla prevenzione delle infestazioni. La rimozione o l'interramento di residui della coltura precedente sono pratiche utilizzate quando il mais viene messo in rotazione con altre colture (Vasileiadis et al., 2011).
Il contenimento delle infestazioni di piralide, il principale fitofago del mais, riveste una particolare importanza nella gestione complessiva della contaminazione da micotossine. Infatti, una difesa efficace permette almeno il contenimento dello sviluppo di funghi quali Aspergillus e Fusarium, responsabili della produzione di micotossine (fumonisina e aflatossine). Per i cereali sono ormai patrimonio acquisito le modalità con le quali condurre opportunamente, al momento della raccolta, le operazioni di essiccamento e di immagazzinamento per evitare lo sviluppo di muffe e dei loro metaboliti. Altrettanto rilevanti sono gli accorgimenti tecnici necessari per la precoce individuazione delle partite ad alto contenuto di micotossine che permettano di escludere dalle linee produttive i lotti più contaminati.
In tutti questi settori la ricerca, in particolare italiana, è stata estesa e produttiva, non solo nel rendere diffusamente disponibili gli strumenti tecnici, ma soprattutto nell'identificazione dei fattori di rischio, prima ed indispensabile nozione per l'approntamento delle strategie preventive. L'inosservanza di metodi preventivi si traduce nell'immissione nella catena alimentare di contaminanti che compromettono la sicurezza sanitaria degli alimenti e ne riducono sostanzialmente, ed irreparabilmente, il valore commerciale (Firrao et al. 2011)
Anche nella difesa dagli attacchi da elateridi, la scelta di un campionamento appropriato riveste un ruolo di primaria importanza per poter individuare preventivamente gli appezzamenti a rischio. Attualmente il livello di infestazione viene stimato impiegando trappole a feromoni per un monitoraggio preventivo degli adulti e, successivamente, trappole ad innesco alimentare per le larve: solo nel caso vengano rilevate più di 1,5-3 larve per trappola si può avere un danno economicamente rilevante. Indagini poliennali effettuate anche in Emilia-Romagna e prove sperimentali specifiche hanno comunque evidenziato che il rischio effettivo di infestazioni da elateridi è molto basso anche per aziende con una parte di terreni coperta da vegetazione per la maggior parte dell'anno, quali quelle zootecniche e biologiche. Nel caso si rilevino infestazioni, data l'impossibilità in agricoltura biologica di utilizzare trattamenti con geoinsetticidi, può risultare utile effettuare una lavorazione dell'interfila della coltura, in modo da disturbare le larve presenti e provocarne l'approfondimento nel terreno (Piazza et al., 2007).
Altri studi effettuati in Germania (Lang et al., 1999) hanno provato l'azione della predazione da parte dei coleotteri e delle tarantole sugli insetti erbivori nelle colture di mais.
I coleotteri (Carabidae) e le tarantole (Lycosidae) sono tra i predatori principali epigei nel terreno coltivato. L'effetto della loro predazione sulla popolazione potenziale degli insetti è stato esaminato in un campo di mais. L'abbondanza e gli
effetti dei predatori sono stati manipolati tramite aggiunte e sottrazioni all'interno dei campi prova durante due momenti di studio: a metà ciclo e a fine ciclo di coltivazione. Entrambi i predatori hanno abbassato la popolazione delle Cicadellidae spp. e dei Thysanopthera spp. e a metà ciclo e stata rilevata una riduzione della popolazione degli Aphididae spp. I risultati hanno indicato un effetto di riduzione da parte dei coleotteri sui Cicadellidae dipendente dalla dimensione: l'effetto di predazione più elevato è stato sui Cicadellidae con una lunghezza del corpo superiore a 1,1 mm. Non ci sono state prove evidenti che la stagione abbia influito sulla predazione. Questo studio ha confermato che i coleotteri e le tarantole possono avere un ruolo importante nel controllo della popolazione di Cicadellidae e Thysanopthera nei campi di mais.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La coltivazione del mais nei sistemi biologici e convenzionali: risultati da una sperimentazione poliennale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Danluigi Bertazzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Paolo Benincasa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mais
coltivazione biologica e convenzionale
biosyst
coltivazione del mais
parassiti
nitrati
varietà
infestanti
irrigazione
fertilità azotata
rese

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi