Skip to content

il gruppo di lavoro come luogo di formazione

Fare ordine insieme

Riflettere sul coordinamento permette di mettere in risalto come l’emergenza del lavoro di gruppo efficace non sia un percorso lineare, infatti il coordinamento è incessante ed è sempre presente nel lavoro di gruppo. L’essenza del coordinamento è nel fare ordine. Etimologicamente, la parola co-ordinatore evoca l’ordinare con, a, per qualcosa, che in ipotesi, appare non coordinato o addirittura scoordinato (Mozzanica in Premoli ,2008:137).

Fare coordinamento significa prendere per mano il gruppo e farlo procedere, andare avanti, progredire nel lavoro comune, significa anche essere e permettere agli altri di essere consapevoli delle proprie risorse e dei propri limiti. Significa anche essere in grado di alimentare la motivazione e la fiducia. In generale coordinare significa (Spaltro,2005:79-85):

- fissare l’obiettivo: talvolta il gruppo di lavoro perde di vista l’obiettivo da conseguire e fare coordinamento significa renderlo nuovamente chiaro e visibile a tutti;

- garantire il metodo: significa proteggere il metodo dalla routine, dalla stanchezza e dalla perdita di senso. Un’importante prerogativa del coordinamento è custodire il metodo, infatti, solo un’azione pensata e progettata consente di conseguire un risultato positivo;

- padroneggiare risorse e vincoli: significa essere consapevoli di ciò che si ha a disposizione.

Il lavoro di gruppo si colloca all’interno di un continuum, dove ai lati estremi troviamo l’ordine e il disordine e coordinare significa intervenire, trasformare le situazioni per permettere al gruppo di lavorare. È interessante notare che il lavoro non può esserci, né in presenza di un disordine totale, ovvero quando nessun componente del gruppo è coordinato con nessun altro componente, né in presenza di un ordine totale, ossia quando ciascuno si sente autorizzato al agire e interagire solo in funzione di criteri generali prestabiliti (Premoli,2008:174-180).
Essere un gruppo di lavoro significa aver raggiunto la capacità di lavorare con gli altri e in questo caso l’ordine che il coordinamento crea, non è solo un ordine nelle attività o nelle mansioni, ma anche un ordine nelle relazioni.

Lo stesso coordinamento non è un’azione che qualcuno compie e l’altro subisce, è piuttosto un’azione che si compie insieme. Coordinamento è ordinamento-con. Se c’è coordinamento (Premoli,2008:145-162) i confini esterni sono definiti e il gruppo poggia su un obiettivo coerente, ha un metodo ed è consapevole delle risorse che possiede e dei vincoli con cui fare i conti e le qualità interne sono attive cioè il gruppo è capace di promuovere processi di comunicazione a servizio del gruppo e i singoli membri collaborano e investono nel lavoro percependo motivazione e fiducia.

Nella pratica il coordinamento ha il compito di dare senso a ciò che il gruppo fa, e ciò significa rispondere alle seguenti domande: perché stiamo facendo ciò? A cosa serve? Dove vogliamo arrivare? Fare sensemaking, cioè attribuire significato a ciò che si fa, diventa il luogo, in cui è possibile confrontarsi sulle ragioni che stanno alla base del lavoro di gruppo, significa anche far emergere dubbi, perplessità e incomprensioni. Da questo punto di vista fare coordinamento significa spiegare, far comprendere, convincere e diffondere sicurezza (Quaglino,2003:95). La difficoltà di trovare il senso non sempre, è espressa in modo esplicito, e fare coordinamento richiede anche doti di comprensione interpersonale, ed è necessario che tale capacità sia condivisa in un gruppo di lavoro (Agosti,2006:95-101).

Accade anche che, ad un certo punto, il gruppo di lavoro perda l’energia sufficiente e in questi casi fare ordine non significa ricordare e/o chiarire l’obiettivo, riproporre il metodo o verificare risorse e vincoli, equivale piuttosto ad incoraggiare le cosiddette forze positive e propositive del gruppo, ossia attivare la voglia di fare, la motivazione,la vitalità, la sicurezza e il coinvolgimento verso il conseguimento degli obiettivi. Nello specifico i comportamenti più efficaci da adottare consistono nel riflettere su quanta forza il gruppo è in grado di esprimere, mantenere alto il ritmo delle attività, misurare costantemente il grado di avvicinamento all’obiettivo rendendo evidenti i progressi che il gruppo ha fatto e risulta interessante notare che è un buon comportamento anche il celebrare i successi ottenuti, dedicando uno spazio per ricordare che una parte del compito è stata ad esempio completata e il gruppo ha conseguito risultati importanti, sia pur non finali (Di Sario,2005:155).

Questo brano è tratto dalla tesi:

il gruppo di lavoro come luogo di formazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Monica Borg Pipitone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze Umane
  Relatore: roberta cardarello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi