Skip to content

The Art Side Of The Moon - Storm Thorgerson & Pink Floyd

Pink Floyd: Imperatori della luce

Storm Thorgerson e Pink Floyd, amici d'infanzia e adolescenza a Cambridge, si ritrovarono a Londra sul finire degli anni Sessanta e dettero avvio al più importante sodalizio d'immagini e musica del Novecento:

La nostra musica colpisce la mente in maniera tale che diventa molto facile immaginare qualche scena. Se ascolti John Cage o Stockhausen è molto più difficile perché la musica è tutto un cigolare e un gorgogliare. Somigliano, i loro suoni, a certi dipinti, come i triangoli e i quadrati di Mondrian. Ma non danno mai un'impressione collettiva come la Battaglia di Waterloo.

È questa un'affermazione di Waters che affonda le radici in un momento in cui i Pink Floyd non si chiamavano ancora con questo nome. La memoria corre subito a Mike Leonard, che insegnava all'Hornsey College of Art oltreché al Politecnico, era il proprietario dell'appartamento dove in tempi diversi hanno vissuto e provato i futuri "Floyd", e soprattutto era affascinato dall'interazione di ritmo, movimento e luce: anche con l'aiuto dello stesso Waters, infatti, egli costruiva insieme ai suoi studenti dei macchinari per le luci (composti di vetro o dischi di metallo forato, e con elementi di plexiglas fatti girare da motori elettrici) che furono la base del futuro interesse del gruppo nei riguardi della "luce". Quando Peter Jenner (già manager dei Pink Floyd) e altri istituirono la London Free School nell'intento di dare un'educazione alternativa alle masse popolari, decisero di finanziarsi organizzando serate da ballo nella sala della All Saints Church a Powis Gardens, Notting Hill. Fu in una di queste serate che Joel e Toni Brown, una coppia di americani provenienti dal Millbrook Center di Timothy Leary, cominciarono a proiettare alcune diapositive "che si fondono, fioriscono, esplodono, crescono e si scompongono"; quando i due dovettero tornare negli Stati Uniti, il contributo di quelle luci allo spettacolo era ormai divenuto ineluttabile, e i Pink Floyd divennero il punto di riferimento dell'underground londinese proprio grazie a quegli spettacoli in cui musica e luce rendevano quelle esperienze uniche e irripetibili. Il denaro ricavato dalle serate alla All Saints permise alla London Free School di aprire un proprio giornale – IT ("International Times") – per il lancio del quale fu organizzata una festa inaugurale alla Roundhouse in Chalk Farm, Camden: qui i Pink Floyd furono inondati da immagini provenienti da diapositive piene di un misto di olio, acqua, inchiostro ed elementi chimici e scaldate con piccole lampade a butano, sicché la loro performance mandò "in frantumi i timpani e i bulbi oculari". Più eco ancora e maggior leggenda guadagnarono quale home band dell'appena aperto (da John "Hoppy" Hopkins, il faro del movimento alternativo, in società con Joe Boyd – futuro produttore della band) UFO Club, il locale cult della Swinging London:

La cosa migliore era il venerdì sera, quando potevi vestirti come la star di un vecchio film, prendere LSD, scendere all'UFO, vedere tutte persone di quel genere, prendere un bastoncino di zucchero filato e girovagare fino all'arrivo dei Floyd. Erano il primo autentico sound di consapevolezza acida. Mi sdraiavo sul pavimento e loro erano sul palcoscenico come sovrannaturali figure grottesche che suonavano la loro musica drogata, e lo stesso colore che esplodeva su di loro esplodeva anche su di noi. Era come essere posseduti, mente, corpo e anima.

Così l'autrice del romanzo-scandalo Groupie; così invece la rivista Town: "Le diapositive proiettate inondano i musicisti e il pubblico con motivi ipnotici e deliranti di luci colorate con liquidi. Disegni a nido d'ape, galassie e cellule pulsanti girano vorticosamente con un abbandono che accelera quando la musica si sviluppa". Nei mesi seguenti i Pink Floyd, visto il successo artigianale dei propri spettacoli, ricorsero a tecnici professionisti: il primo fu Joe Gannon (ex studente di Leonard all'Hornsey College) che la stampa dell'epoca definiva il "quinto Floyd", poi Peter Wynne-Wilson e quindi John Marsh.

Questo brano è tratto dalla tesi:

The Art Side Of The Moon - Storm Thorgerson & Pink Floyd

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Sgrilletti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'Arte
  Relatore: Jolanda Nigro Covre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 281

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

musica
grafica
pink floyd
copertine
cover
thorgerson
dark side
sleeve design
prog
lp

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi