Skip to content

Il mutuo riconoscimento nell'ordinamento comunitario

Contenuti ed effetti del mutuo riconoscimento

A partire dal 1980, quindi, a seguito dell'emanazione della sentenza «Cassis de Dijon», la Corte intraprende un percorso chiaro e definito.
Comune direzione è così intrapresa delle celebri sentenze Aceto I, Aceto II e Vermouth.
Nella prima, la Corte precisa - e da quel momento in poi lo farà ripetutamente - che «(i)n mancanza di una normativa comune in materia di produzione e di commercio del prodotto di cui trattasi, spetta agli Stati membri disciplinare, ciascuno nel suo territorio, tutto ciò che riguarda la produzione, la distribuzione e il consumo di tale prodotto, ...».
Con la pronuncia Aceto II la Corte compie un ulteriore passo avanti nel processo di assimilazione e di «comparazione» dei prodotti nazionali: pur ribadendo la libertà degli Stati in «mancanza di una normativa comune o di direttive di armonizzazione relative alla produzione o al commercio di un prodotto», essa analizza il rapporto tra gli artt. 30 e 100 del Trattato CEE.
Attraverso la sentenza Vermouth - ove la Corte è stata chiamata a decidere su una questione di importazione in Germania di vermouth italiano - viene ribadita l'illiceità di misure discriminatorie tra prodotti nazionali e prodotti importati .
Seguono quindi numerose pronunce, ispirate dalla medesima ratio, in materia di denominazione e di etichettatura dei prodotti.
Ogni bene introdotto sul mercato deve possedere alcune caratteristiche, ma non è lecito imporre oneri che rendano gravosa la circolazione del bene e ne penalizzino la diffusione, sul territorio di uno Stato membro, rispetto ai prodotti nazionali.
Tale questione si è posta, ad esempio, in modo problematico nella sentenza «Paste alimentari».
Per comprendere la portata e le caratteristiche del principio del mutuo riconoscimento nel campo della circolazione delle merci non è sufficiente limitarsi alla descrizione della pronuncia del 1979; occorre, invece, soffermarsi nella disamina della giurisprudenza concernente l'art. 28 del Trattato CE successiva alla sentenza Cassis de Dijon.
A livello di giurisprudenza è necessario, in effetti, contestualizzare quelle sentenze che hanno ritenuto le citate misure prive di qualsiasi legame con le importazioni e comunque non idonee ad ostacolare il commercio tra Stati membri.
Rientrano in orientamento interpretativo: la sentenza Oebel, ove era in esame una normativa che vietava la lavorazione e la distribuzione del pane in determinate ore; la sentenza Blegsen, concernente il divieto della vendita per il consumo sul posto di taluni alcolici in determinati esercizi commerciali; la sentenza Quietlynn, relativa al divieto di vendita di articoli pornografici in esercizi non autorizzati. In tutti questi casi la Corte ritenne evanescente il legame con le importazioni.
Ad un secondo gruppo sono ricondotte quelle sentenze in cui la Corte ha ritenuto che l'applicazione dell'art. 28 del Trattato CE alle normative nazionali concernenti talune modalità di vendita dovesse superare un test di proporzionalità, per verificare se gli ostacoli che ne derivavano per gli scambi eccedessero il contesto degli effetti propri di una normativa commerciale.
In tal senso la Corte si è pronunciata nelle sentenze sulle vendite domenicali, rimandando al giudice nazionale l'accertamento della «questione di fatto» di stabilire se gli effetti nel caso di specie rimanessero all'interno dei limiti intrinseci a normative commerciali.
Seguendo la classificazione dell'avvocato generale Tesauro, in un terzo gruppo si collocherebbero quelle sentenze in cui la Corte ha ritenuto l'incompatibilità in astratto di misure nazionali concernenti le modalità di vendita, salvo verificarne la liceità in base all'art. 30 del Trattato CE.
Rientrano in tale categoria misure concernenti la commercializzazione che, per il fatto di imporre il divieto di praticare un determinato metodo di vendita (sentenza Oosthoek) o una determinata forma di pubblicità (sentenza Yves Rocher), sono tali da rendere più difficile l'accesso al mercato per gli operatori interessati, costretti a rinunciare ad un metodo da essi legalmente praticato nello Stato membro di origine. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il mutuo riconoscimento nell'ordinamento comunitario

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Moauro
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Luisa Torchia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

controllo
fiducia
ordinamento
equivalenza
libertà di circolazione
mutuo riconoscimento
sentenza “cassis de dijon”

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi