Skip to content

La rappresentazione mediatica dello straniero: un'analisi sul giornalismo online

La figura dell'immigrato sulla rete

Sono presenti in rete numerosi di siti che parlano della figura dell'immigrato, individuo molto discusso sotto vari aspetti e punti di vista. Gli immigrati rappresentano oggi una componente radicata, un fattore indicativo di questo radicamento è dato dalla presenza straniera di donne e nuclei familiari a seguito dell'immigrazione maschile, quel processo definito come catena migratoria. Ricongiungimenti, aumento dei nuclei familiari, presenza di bambini, significano maggiori vincoli e rapporti con il territorio, e sicuramente questo nuovo aspetto dell'immigrazione è riconducibile in prima istanza ai nuovi bisogni del mercato del lavoro e all'inserimento effettivo nella sfera dei rapporti produttivi. Agli albori della sociologia, la figura dello straniero rifletteva quella struttura ambivalente di ogni relazione sociale, cui si riferisce Georg Simmel nel suo testo sull'analisi dei rapporti che lo legano alla società ospite. Nella visione dello straniero il sociologo tedesco delinea una tipologia dicotomica, la quale appare ad un tempo inclusiva ed esclusiva di comportamenti e di atteggiamenti destinati a chiudere un definito spazio politico oppure ad aprirlo ad elementi esterni ed estranei alla propria identità culturale. Questo modello sociologico, pur assumendo caratteristiche storiche diverse, ci permette di stabilire come un determinato gruppo sociale manifesta contemporaneamente il bisogno di escludere lo straniero e di includerlo al proprio interno. Ne emergono due tendenze dirette a configurare la tipologia dello straniero in termini positivi o negativi: nella prima sono poste in rilievo le differenze etniche o razziali per affermare la propria identità, mentre nella seconda sono evidenziate le affinità o le convinzioni etiche o religiose per aprirsi all'innovazione e al cambiamento sociale. In effetti, nonostante la formulazione di giudizi negativi nei confronti degli stranieri possa verificarsi a prescindere dal contatto diretto e continuativo, è in una situazione di convivenza sul medesimo territorio che essi si traducono in atteggiamenti discriminatori e si riflettono sullo status sociale delle comunità straniere. Un esito quasi inevitabile del loro insediamento è il formarsi di minoranze etniche che "competono, partendo da una situazione di iniziale svantaggio, per l'accesso alle risorse e alle opportunità sociali e sollecitano la società a fornire risposte ai loro bisogni specifici". L'insieme dei pregiudizi può essere dettato da alcuni aspetti etnici come il colore della pelle, la diversità della lingua, l'abbigliamento.
Così nasce l'immagine dell'immigrato straniero, ovvero dell'altro sulla base di un rapporto volto a distinguere ciò che è intrinseco nella società di accoglienza e ciò che è estraneo. La specificità dell'altro, che si affaccia alle frontiere della civiltà, si specifica nella diversità materiale e culturale per le strane abitudini di vita, per i comportamenti minacciosi e spesso misteriosi. Il contatto e la convivenza fra etnie diverse favoriscono lo sviluppo di un'immagine distorta dell'altro su attributi fisici/culturali, che si tramutano in un indice di valori e sfociano nella xenofobia. La xenofobia (letteralmente "paura dello straniero"), che si dirige di volta in volta verso gli stranieri a seconda delle situazioni storiche e sociali, è alimentata da un insieme di pregiudizi e di stereotipi nei confronti dell'altro, la cui immagine negativa ha la caratteristica di resistere ad ogni contatto, a ogni evidenza ed esperienza. L'immagine dell'immigrato, quale emerge dai sondaggi d'opinione, è condizionata dalle esperienze personali, dal credo religioso e dalle convinzioni politiche. Essa può dipendere anche dalle relazioni politiche, culturali ed economiche, che si sono sedimentate sul piano storico tra il paese d'origine e quello di destinazione. Il caso più emblematico può essere rilevato dal diverso atteggiamento che gli italiani hanno nei confronti degli immigrati africani o americani, peraltro entrambi "extracomunitari". L'immagine dell'immigrato presenta, dunque, una varietà d'espressioni, accomunate da manifestazioni enfatiche sulla nazionalità degli stranieri e sul carattere temporaneo della loro presenza. La scelta dei termini, con i quali è comunemente definito l'immigrato straniero, si riflette sull'opinione pubblica e può contribuire ad alimentare forme di discriminazione sociale e ritardare il processo d'integrazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La rappresentazione mediatica dello straniero: un'analisi sul giornalismo online

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Graziella Federica Belfiore
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze per la Comunicazione Internazionale
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Stefania Fragapane
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mass-media
sicilia
giornalismo online
sbarchi clandestini
minori stranieri non accompagnati
fenomeno immigratorio
analisi de quotidiano online corriere della sera
analisi del quotidiano online la repubblica
indagine empirica dei quotidiani online
immagine associata allo straniero nei mass media

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi