Skip to content

Miscarriages of justice: profili di comparazione e possibili rimedi agli errori giudiziari in materia penale nei sistemi processuali italiano e inglese

Definizioni, caratteristiche e natura degli errori giudiziari

Gli errori possono verificarsi in ogni sistema processuale penale, che sia esso accusatorio o inquisitorio, e il sistema britannico non ne è esente.

In particolare, gli errori giudiziari, accertati nei primi anni '90 e che hanno segnato in modo profondo l'Inghilterra, non possono essere considerati isolata espressione delle mancanze del sistema inglese; piuttosto merita di essere considerato come in ogni dinamica processuale si possano mettere in moto dei meccanismi tali da determinare quella lunga catena di distorsioni processuali che vengono opportunamente chiamate errori giudiziari – miscarriages of justice nei sistemi anglosassoni.
I sistemi di repressione criminale dovrebbero essere valutati in primo luogo, sulla base del numero delle ingiustizie prodotte, e in secondo luogo sulla loro predisposizione a riconoscere e correggere queste gravi distorsioni, le quali hanno un impatto devastante sia sul singolo che sull'intera società.
Prima di analizzare i profili processuali degli errori giudiziari, sottolineeremo le caratteristiche principali di essi, la loro natura, i fattori causali che portano al loro verificarsi; la loro relazione con i diritti umani (v. infra par. 1.2.); in seguito ci avvicineremo alle cause célèbres del Regno Unito per un migliore approccio casistico.

Per "errore", lasciando da parte le nozioni giuridiche civili e penali che vengono fornite, si intende il mancato o diverso conseguimento di uno scopo o l'allontanamento da una destinazione; ovvero, in applicazione del termine alla stessa giustizia, il mancato raggiungimento del risultato sperato di essa.
Nella lingua inglese la distinzione terminologica utilizzata in questo ambito tra miscarriage (fallimento) e mistake (errore) rende più evidente la differenza tra un complesso di processi che porta ad un risultato fallimentare – l'ingiusta detenzione o sanzione –, e un semplice errore.

Attenendoci ad un discorso prettamente generico e muovendoci nell'ambito dei sistemi penali, un errore giudiziario può essere definito come il riconoscimento della comminazione di una sanzione, detentiva o pecuniaria, nei confronti di una persona che non ha commesso il reato di cui è accusato. Ma vedremo che una nozione univoca non è stata stabilita né dalla dottrina, né dalla giurisprudenza.
Il termine può essere utilizzato anche nella direzione opposta a quella data, dando luogo a quelli che sono chiamati "errors of impunity", i quali consistono nel fenomeno della 'impunità' nei confronti di coloro che sono colpevoli, ovvero della comminazione di sanzioni che sono sproporzionatamente inferiori a quello che può essere definito un livello socialmente accettabile.
Dunque, operando una distinzione, se viene condannato un soggetto innocente individuando nei suoi confronti una falsa colpevolezza, si viene a verificare un errore giudiziario di Tipo I o miscarriage of justice, che è spesso confuso con la "sentenza ingiusta" che riguarda pene comminate in circostanze anomale per l'accusa o per la difesa e che invece determina un errore giudiziario di Tipo II o error of impunity che adesso sarà brevemente preso in considerazione.
I cosiddetti errors of impunity vengono a loro volta sudddivisi in due categorie.
La prima è costituita da errori che possono esser previsti, ma che generalmente si considerano al di fuori degli scopi del sistema processuale penale, come ad esempio accade quando si verificano raggiri nei confronti della giuria o intimidazioni dei giurati.
La seconda categoria è data da errori reali, concreti e significativi, e soprattutto evitabili, che derivano, per la maggiore, da pregiudizi interni ai tribunali, ad esempio la parzialità del giudice o il pregiudizio (bias) nei confronti dell'imputato o della vittima sulla base di fattori razziali, di genere o di altri fattori estranei al reato in sé.
Le cause di tali errori, sono, il più delle volte, le stesse da cui, come vedremo, dipendono gli errori di tipo I:

- un avvocato molto abile può approntare una difesa basata su un tecnicismo in modo da rendere una prova a carico inammissibile;
- un abile avvocato può rendere non più credibile un testimone facendolo apparire come mentalmente incapace basandosi su aspetti della vita di esso;
- qualche tipo di immunità legale, come l'immunità diplomatica o la sovranità dello Stato;
- corruzione dei giudici, della polizia, degli investigatori.

Tornando ad analizzare gli errori di Tipo I, i quali saranno oggetto principale della nostra analisi, essi vengono inoltre definiti come errori sostanziali che si verificano durante un processo e che in questo modo 'infettano' lo svolgimento processuale determinando il più delle volte l'annullamento della sentenza in appello.

La nozione di errore giudiziario, come vedremo, può variare in base al contesto in cui è usata, ma essa è estremamente importante nei contesti legali, mediatici, politici, e determina i criteri che vengono seguiti per definire l'estensione del problema: una nozione troppo ristretta può sottostimare l'entità del suo scopo; una nozione troppo estesa può diminuire la credibilità delle critiche al sistema. Non bisogna nemmeno sottovalutare l'importanza dei media nell'influenzare la fiducia nel sistema penale e le varie riforme politiche.

Nel 1991 venne istituita la Royal Commission on Criminal Justice, presieduta da Lord Runciman, la quale, investita del compito di 'esaminare l'effettività del sistema penale in Inghilterra', nel suo Report, sembra alquanto vaga ed elusiva nei confronti della definizione di ciò che si intende per miscarriage of justice e per questo motivo venne ampiamente criticata.
Clive Walker e Keir Starmer, che in questo elaborato verranno presi come riferimento bibliografico principale, propongono nella loro ampia analisi una serie di possibili definizioni di miscarriage of justice nel contesto della giustizia criminale che rifletterebbero un approccio alla materia basato sui diritti individuali:
"Un errore giudiziario si verifica quando i sospettati, imputati o detenuti sono trattati dallo Stato in violazione dei loro diritti: se, in primo luogo, sorgono irregolarità a livello processuale, o in secondo luogo se esse riguardano le norme che sono applicate al processo stesso; in terzo luogo, quando non vi sono giustificazioni di fatto per il trattamento o la punizione applicata; in quarto luogo quando i sospettati, imputati o detenuti sono trattati in maniera sproporzionata rispetto all'esigenze di protezione dei diritti altrui; in quinto luogo, quando i diritti altrui non sono effettivamente o proporzionalmente protetti o rivendicati dall'azione dello Stato o dallo Stato di diritto stesso".

Questo brano è tratto dalla tesi:

Miscarriages of justice: profili di comparazione e possibili rimedi agli errori giudiziari in materia penale nei sistemi processuali italiano e inglese

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Corsaro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vania Patanè
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

italia
gran bretagna
polizia
ingiusta detenzione
penale
giusto processo
pena di morte
indagini
trial
human rights act
miscarriages of justice
errori giudiaziari
sistemi processuali
poteri investigativi e coercitivi
court of appeal
criminal cases review commission
rimedi processuali
diritto al silenzio
crown prosecution service

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi