Skip to content

Il traffico transfrontaliero dei rifiuti pericolosi nei diritto internazionale

La riduzione del movimento transfrontaliero di rifiuti pericolosi e i limiti specifici alla loro importazione ed esportazione

Il movimento transfrontaliero dei rifiuti pericolosi è la fase su cui gli strumenti internazionali oggetto di questa trattazione concentrano maggiormente la loro attenzione. La motivazione è essenzialmente storica: come già evidenziato in precedenza il clima politico e la situazione ambientale degli anni ottanta del secolo scorso richiedevano che venisse creata una disciplina internazionale per limitare le esportazioni incontrollate di rifiuti pericolosi verso i Paesi in via di sviluppo.
Nonostante sia stato rifiutato, negli strumenti internazionali sul movimento transfrontaliero di rifiuti pericolosi, un blocco totale delle esportazioni, sono stati, in ogni caso, stabiliti dei limiti e dei meccanismi procedurali per controllare le esportazioni permesse.
Nella Convenzione di Basilea i limiti alla movimentazione internazionale dei rifiuti si articolano in ipotesi specifiche in cui è possibile esportare i rifiuti. Vengono, inoltre, elencate le condizioni necessarie per procedere al movimento.
L’articolo 4, paragrafo 9 della Convenzione di Basilea prevede tre ipotesi in cui il movimento transfrontaliero di rifiuti pericolosi è permesso.
La prima afferma:
«The State of export does not have the technical capacity and the necessary facilities, capacity or suitable disposal sites in order to dispose of the wastes in question in an environmentally sound and efficient manner»
Questa disposizione, coerentemente con il principio di autosufficienza, afferma che il movimento internazionale sia possibile solo se lo Stato che esporta i rifiuti non possieda le capacità tecniche o le strutture necessarie per una gestione eco-compatibile dei rifiuti.
Per quanto riguarda gli strumenti regionali adottati nell’ambito dell’articolo 11 della Convenzione di Basilea, confermano questo limite la Convenzione di Bamako, il Protocollo sul Mediterraneo e il Protocollo ROPME.
La seconda ipotesi contenuta nell’articolo 4, paragrafo 9, comma b della Convenzione di Basilea dispone
«The wastes in question are required as a raw material for recycling or recovery industries in the State of import»
Si afferma che i rifiuti riciclabili, nel caso in cui siano richiesti come materie prime all’estero, possano essere esportati, anche se lo Stato esportatore possieda le capacità e gli strumenti necessari per smaltirli correttamente. Questa disposizione potrebbe essere fraintesa e sembrare incoraggiare dei traffici illeciti mascherati da operazioni di riciclaggio; tuttavia, non bisogna dimenticare che restano applicabili alla movimentazione dei rifiuti anche tutte le altre norme della Convenzione di Basilea.
La terza ipotesi è prevista dal comma c dell’articolo menzionato dispone
«The transboundary movement in question is in accordance with other criteria to be decided by the Parties, provided those criteria do not differ from the objectives of this Convention»
Il movimento transfrontaliero è permesso solo se tra la Parti vi è un rapporto che permetta uno svolgimento dell’operazione controllato e trasparente.
Vi sono, infine, altri limiti alle esportazioni di rifiuti pericolosi che troviamo nei vari trattati in materia. In primo luogo vi è un divieto assoluto di esportare i rifiuti pericolosi in Antartide e negli spazi a esso adiacenti, compresi nell’area a sud di 60° latitudine sud. È vietata, inoltre, l’esportazione di rifiuti pericolosi che abbiano come destinatari gli Stati che abbiano deciso e, preventivamente informato le altre Parti contraenti, di proibire l’ingresso e lo scarico nel proprio territorio di rifiuti tossici o nocivi provenienti da altri Stati e aventi come destinatari gli Stati che non sono Parte della Convenzione. Non si tratta di un divieto assoluto, infatti, non si proibisce alle Parti la possibilità di stipulare accordi bilaterali o multilaterali con Stati non Parte; l’unica condizione è che tali accordi non siano in conflitto con le norme prescritte dalla Convenzione stessa.
Infine è vietata un’esportazione di rifiuti pericolosi che non sia pubblicizzata, vale a dire che è obbligo per gli Stati notificare per iscritto sia allo Stato importatore, sia agli Stati di transito i dati concernenti la tipologia di rifiuti trasportati, le motivazioni per cui avviene la movimentazione ed è necessario che ogni Parti presti il proprio consenso.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il traffico transfrontaliero dei rifiuti pericolosi nei diritto internazionale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Erika Clarà
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni Internazionali
  Relatore: Alessandra Lang
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi