Skip to content

Viaggio nell'uomo attraverso l'Espèce humaine: ''l'écriture par images'' di Robert Antelme

L'inumano di Robert Antelme, ovvero il ''non-umano''

"C’est du pain humain". Questa affermazione di Robert Antelme fa parte di uno degli innumerevoli episodi del suo racconto. Ma, qual è il limite? Cosa è umano e cosa no?
La frase si riferisce ad un gesto altruista, rarissimo nel campo, di una donna tedesca che, nella fabbrica dove detenuti e civili lavoravano insieme, regala a Robert un pezzo di pane bianco (è opportuno precisare che il pane destinato ai detenuti aveva l’aspetto di un cubetto spugnoso grigio che formava una specie di gomma da masticare una volta in bocca). Il gesto della donna scatena in Robert una serie di riflessioni e una decisione molto importante da prendere: lo mangio, o no? Questo dilemma scaturisce proprio dal significato che quel pezzo di pane umano acquisisce.
Anzitutto, perché umano? In un primo momento, il motivo principale può essere individuato nell’esteriorità dell’alimento: “Mie et croûte; c’est de l’or”.
Ma, il valore che Robert attribuisce a questo pane va molto oltre quello che per lui significa il pane “de l’usine de Buchenwald, du pain travail= schlague= sommeil”. Tale è il significato della parola pane per un detenuto: lavoropunizione (precisamente colpi di verga)- sonno; solo dopo tutto questo, arriva il pane. Ma non si tratta del pane bianco, mollica e crosta, è il pane dei prigionieri, grigiastro e spugnoso, che si trasforma in poltiglia quando lo si mastica. A maggior ragione, dunque, il pane che la donna regala a Robert è umano. Viene regalato, donato. Esso non implica alcuna punizione: per quel bel pezzo di pane, non si sono subiti interminabili colpi di verga sulla schiena, non si è sofferto il sonno, non si è lavorato duramente. Quel pane lo si è ricevuto e basta. Ecco l’inevitabile aggettivo di Robert: questo sì che è del pane, pane umano: “ça craque”.
Ma, cosa fare ora di questo pezzo di pane? Il semplice atto di mangiarlo diventa a questo punto un imperativo; è un dovere morale: “Il faut le manger”.
E’ un dovere morale per la sopravvivenza, un dovere nei confronti delle S.S. che non devono assolutamente scoprirlo. Questo dovere diventa infine ancora più forte nei confronti dei compagni: loro non hanno ricevuto niente. Sembra quasi che, attraverso questo pezzo di pane, Antelme abbia stabilito un contatto con ciò che è umano.
Il pezzo di pane viene perciò identificato con l’umanità stessa e mangiarlo diventa quindi un’imposizione benché egli voglia al contrario poterlo conservare.
Una volta compiuto questo atto, anche umano sparirà.
Significa allora che, per contrasto, l’altro pane, l’altro lavoro, l’altro sonno appartengano alla sfera dell’inumano? Questo può davvero voler dire che tutto l’ambiente vissuto dall’altra parte del barbelé sia da definire inumano? L’unica risposta possibile, per quanto paradossale possa sembrare, è no.
In questo racconto della sua esperienza a Gandresheim, Antelme cerca proprio di trasmettere al lettore tale messaggio: tutto ciò che è accaduto appartiene solo ed esclusivamente all’uomo. Leggendo il libro, ci si trova di fronte ad un chiaro tentativo di autodistruzione dell’uomo da parte di tutti gli uomini, sia da parte di quelli che hanno operato inconsapevolmente o consapevolmente a tale scopo, sia da parte di coloro che invece hanno fatto finta di non accorgersi, di non vedere, di non capire o che, magari, non hanno veramente capito. Tale affermazione si riferisce soprattutto all’esempio fornito da Claude Lanzmann attraverso le numerose testimonianze che hanno dato alla luce ad uno dei più realistici film sull’olocausto nazista: Shoah. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Viaggio nell'uomo attraverso l'Espèce humaine: ''l'écriture par images'' di Robert Antelme

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elena Zampini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Stefano Genetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

resistenza
deportazione
antelme

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi