Skip to content

Aspetti psicologico - clinici presenti nella relazione tra empatia e deficit sociali dei disturbi dello spettro autistico

Disturbo della comunicazione

Il disturbo della comunicazione può essere considerato un fallimento funzionale dello sviluppo verbale e non-verbale, che si manifesta con anomalie di tipo qualitativo e quantitativo, di diverso grado, non accompagnate da tentativi di compenso attraverso strategie alternative. La comunicazione è compromessa a tutti i livelli: espressivo, ricettivo e non verbale (Meledandri, 2008). I primi sintomi osservabili sono a carico della comunicazione pre-verbale e in particolare lo sguardo, la mimica e i gesti sono assenti o utilizzati in maniera impropria e limitatamente al soddisfacimento di richieste particolari (assenza o ritardo della comparsa del gesto indicativo richiestivo e dichiarativo e, in generale, dei gesti referenziali e con valenza emotiva). In questa fase si ha, quindi, un ridotto utilizzo del canale corporeo e, in seguito, una mancata acquisizione delle competenze linguistiche previste dal livello di sviluppo. Lo sviluppo del linguaggio è estremamente variabile: alcuni bambini non riescono ad acquisire alcuna espressione verbale, altri lo acquisiscono in ritardo ed in modo atipico e, infine, altri ancora presentano un progressivo sviluppo del linguaggio, che può addirittura diventare particolarmente fluente e articolato ma sempre qualitativamente inadeguato [Ibid]. Molti individui parlano dopo un lungo intervallo di assenza del linguaggio, sfruttando quello ecolalico per un lunghissimo periodo di tempo: in una prima fase producono solo ecolalie immediate; in una seconda fase, producono anche ecolalie differite, ovvero riattivano, in contesti emotivi-informativi analoghi, sempre le stesse parole o parti di frasi; in una terza fase, o continuano a produrre soltanto ecolalie differite, in parte diminuendone la valenza comunicativa, o cominciano a modificarle lentamente, attivando trasformazioni metaforiche; in una quarta fase, possono sostituire il linguaggio ecolalico con quello comunicativo in cui le singole comunicazioni verbali vengono costruite con regole generative. Ad esempio alcuni bambini non rispondono al loro nome quando vengono chiamati dai genitori, e spesso danno l’impressione di essere sordi. Un comportamento caratteristico di molti bambini con disturbi dello spettro autistico è quello di usare la mano dell’altra persona per ottenere un oggetto desiderato. Altri bambini, più ‘’indipendenti’’ , tendono a non porre richieste agli adulti, e acquisiscono strategie motorie anche complesse per ottenere autonomamente ciò che desiderano (Vicari et al., 2012).
La comprensione verbale, spesso, più compromessa della produzione, può essere contestuale, letterale e legata al concreto, vale a dire quella incapacità di riconoscere i nessi impliciti del linguaggio, di comprendere i conflitti tra intenzione ed espressione, tipici di motti di spirito, doppi sensi, metafore, bugie. Così come si verifica per l’interazione sociale, anche il linguaggio è utilizzato per richiedere e non per comunicare. Il linguaggio perde così la sua funzione sociale, le domande sono sempre in relazione ad eventi immediati o a interessi peculiari dell’individuo, e quasi mai dirette ad indagare gli stati mentali di un altro o i suoi sentimenti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Aspetti psicologico - clinici presenti nella relazione tra empatia e deficit sociali dei disturbi dello spettro autistico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andres Rivera Garcia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia Clinica e della Salute
  Relatore: Mario Fulcheri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 78

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

empatia
autismo
teoria della mente
baron-cohen
neuroni mirror
specchi infranti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi