Skip to content

Impatto dell’ambulatorio infermieristico sul territorio (Nuova modalità di presa in carico?)

Ambulatorio Territoriale

La presenza di ambulatori infermieristici sul territorio rappresenterebbe un punto di riferimento per tutti quegli interventi che si possono risolvere senza l’accesso ad una struttura ospedaliera.
La loro scarsa diffusione sul territorio ha come conseguenza un eccessivo ricorso al DEA con inevitabile intasamento del servizio, prolungamento dell’attesa per gli utenti e dilatazione dei costi sanitari.
Tenendo anche conto della programmata e progressiva chiusura dei punti ospedalieri minori e della mancanza di turn over del personale sanitario - dovuto alla spending review - aumenteranno difficoltà e disagi dell’utenza per raggiungere il presidio più vicino con un prevedibile scadimento della qualità del servizio reso.
Per contro, in un ambulatorio territoriale, l’infermiere potrà affrontare interventi strettamente pratici legati a precedenti valutazioni mediche come la rimozione di punti di sutura, controllo periodico e cambio di medicazioni, sostituzione/disostruzione di catetere vescicale, terapie infusionali ed iniettive, prelievi ematici e microbiologici, rilevazione dei parametri vitali (saturazione dell’ossigeno, frequenza cardiaca, pressione sanguigna, glicemia) fino all’esecuzione di esami strumentali minori (elettrocardiogramma, ecografie mirate).
L’attività dell’infermiere può e deve essere dedicata anche ad interventi educativi e di prevenzione, costituendo uno dei luoghi privilegiati per lo sviluppo di un approccio di iniziativa (proattiva), tendente a superare l’attuale modello basato sull’attesa.
In un ambulatorio l’infermiere potrà educare le persone diabetiche all’auto somministrazione dell’insulina, spiegar loro le restrizioni alimentari e l’importanza dell’esercizio fisico; informerà i pazienti in terapia con anticoagulanti della necessità di una maggior accortezza nelle varie attività di vita quotidiana, al fine di evitare ferite –anche solo superficiali- che impiegherebbero lungo tempo per la guarigione e sarà di supporto ai care giver nelle varie fasi dello sviluppo della malattia nella persona non autosufficiente.
Luogo d’elezione sarà la scuola, nei suoi vari gradi, per trasmettere indicazioni e di carattere generale e più specifiche in materia di igiene, educazione alimentare e sessuale.
Nelle scuole primarie l’intervento sarà accentrato su campagne informative rivolte a fornire indicazioni sulla corretta igiene della persona e degli ambienti comuni rispetto, ad esempio, alle infestazioni da pediculosi, coinvolgendo attivamente le famiglie, primi soggetti demandati all’educazione dei figli e tenendo presente che è scientificamente provato che anche un’eccessiva igienizzazione può provocare effetti negativi (allergie).
Altrettanto importante il capitolo relativo all’alimentazione, evidenziando l’utilità di una corretta suddivisione dei pasti e di un equilibrato apporto calorico giornaliero, per evitare l’insorgere, in età adulta, di problematiche metaboliche (obesità, diabete) o di disturbi alimentari quali anoressia o bulimia.
Una particolare attenzione, soprattutto dalle scuole primarie di secondo grado in poi, sarà rivolta all’educazione sessuale, argomento delicato ed importante per tutte le implicazioni che comporta e che andranno a condizionare la qualità della vita futura (dalle gravidanze indesiderate alle malattie sessualmente trasmissibili). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Impatto dell’ambulatorio infermieristico sul territorio (Nuova modalità di presa in carico?)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paola Zuliani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Mariangela Civalleri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

medici
infermieri
ambulatorio infermieristico
attività ambulatoriali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi