Skip to content

Prossimamente su questi schermi: tra memoria e marketing

I teaser ''tradizionali''

Ideale anello di congiunzione tra i teaser creati con sequenze ad hoc e quelli composti da scene incluse nel montaggio finale è il brevissimo filmato promozionale del falso documentario (o mockumentary) The Blair Witch Project (The Blair Witch Project – Il mistero della strega di Blair, 1999).
L’oggetto della nostra discussione fa parte di una più estesa campagna promozionale con una strategia ben precisa: far credere al pubblico che i fatti narrati nel film (la scomparsa di tre giovani studenti andati ad indagare su strani fenomeni che succedevano nei boschi vicino alla cittadina di Blair) fossero accaduti realmente. Per questo il teaser trailer (che dura solo 47 secondi) è sconvolgentemente asciutto ed essenziale; dopo il logo della casa di produzione (la Artisan Entertainment) compare una frase: «In October of 1994, three student filmakers disappeared in the woods near Burkittsville, Maryland while shooting a documentary» (Nell’ottobre del 1994 tre giovani filmakers scomparirono nei boschi vicino Burkittsville nel Maryland mentre giravano un documentario) e pochi secondi dopo nella parte sottostante appare la scritta «A year later their footage was found.» (Un anno dopo furono ritrovati i loro filmati.). Le scritte sono accompagnate da suoni di difficile definizione, ma sicuramente inquietanti. Lo schermo diventa nero e la voce di una ragazza palesemente terrorizzata e trafelata inizia a parlare, scusandosi con tutti i familiari dei ragazzi per averli trascinati nel suo progetto.
Nell’esatto momento in qui la voce fuori campo pronuncia la parola «progetto» («project») compare il titolo del film con un simbolo che rimanda subito alla magia nera o comunque alle streghe (lo schermo fino ad ora era rimasto completamente nero). Segue una brevissima sequenza tratta dal film composta dal primo piano della ragazza in lacrime (girata chiaramente da telecamere amatoriali) che esclama «I’m so scared» (Sono terrorizzata). Lo schermo si fa ancora una volta nero (!) per lasciare spazio prima alla scritta relativa alla data d’uscita del film («This summer» Quest’estate) che come si nota è estremamente approssimativa, seguita dal sito del film (www.blairwitch.com) che ai tempi giocava un ruolo fondamentale nella campagna di viral marketing del film, offrendo informazioni sulla (falsa) spedizione dei tre giovani e sul mito riguardante la strega. Il sito è ancora consultabile, ma presenta molte meno informazioni rispetto al 1999. Il teaser in questione ha proprio nella sua essenzialità il suo punto di forza, dando il giusto input per spingere lo spettatore a informarsi sulla vicenda e ad andare presumibilmente a vedere il film (cosa che accadde: la pellicola, realizzata con un budget davvero esiguo, divenne il più clamoroso successo al botteghino di quell’anno). Precedente storico di questo tipo di campagna promozionale è il criticatissimo e censuratissimo Cannibal Holocaust (Id., 1980) del celebre Ruggero Deodato, che proibì agli attori (tra cui un giovanissimo Luca Barbareschi) di presentarsi alle prime del film proprio per dare la sensazione che i fatti narrati nella pellicola fossero successi realmente. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Prossimamente su questi schermi: tra memoria e marketing

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Masini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale
  Relatore: Maurizio Porro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

internet
cinema
kubrick
fellini
promozione
trailer
teaser
serie tv
hitchock
storia dei trailer cinematografici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi