Skip to content

Analisi statistica sul mercato immobiliare

Analisi dei mutui in riferimento al mercato del credito alle famiglie

Oggi, nonostante la situazione economica difficile che attraversa il nostro paese, comprare una casa rimane un sogno da coronare per ogni persona. Come abbiamo visto nel primo capitolo, l’investimento immobiliare è considerato sicuro per molte persone, per altre, l’acquisto di una casa è da ritenersi una valida alternativa all’affitto, dove, però dopo diversi anni di locazione non si ha diritto alla proprietà dell’immobile. Per coronare il sogno di acquistare una casa, molta gente deve affrontare dei sacrifici economici non indifferenti, che molto spesso equivalgono alla parola mutuo. Secondo l’articolo 1813 del codice civile il mutuo «è un contratto mediante il quale una parte detta mutuante concede all’altra, detta mutuataria, una somma di denaro o una quantità di beni fungibili, che l’altra si obbliga a restituire».
Il mutuo maggiormente richiesto è ovviamente quello immobiliare, che ha come fine l’acquisto o la costruzione di una casa, un locale commerciale o qualunque altro tipo di immobile. La tipologia di mutuo più diffusa è senz’altro quello bancario, dove un istituto di credito consegna al richiedente, una somma di denaro utile per acquistare l’immobile dietro l’impegno da parte del richiedente stesso di restituire la somma di denaro ricevuta insieme agli interessi dilazionati nel tempo (rate del mutuo) secondo un piano di ammortamento prestabilito ed entro una certa data.
Ovviamente quanto appena detto rappresenta una sintesi di quello che è il mutuo ma in fase di accensione si fa riferimento a molte altre situazioni come ad esempio il tipo di mutuo che si vuole richiedere in base ai tassi di interesse praticati. A tal proposito dobbiamo dire che i mutui possono essere a tasso fisso quando il cliente corrisponde alla banca sempre lo stesso interesse per tutta la durata del mutuo; a tasso variabile, invece, quando il cliente pagherà in base all’andamento mensile dei tassi d’interesse.
Per accendere un mutuo è necessario essere cittadini italiani, maggiorenni ma soprattutto avere un reddito adeguato all’entità del finanziamento richiesto. Per molti istituti di credito l’importo complessivo delle rate versate in un anno dal cliente, non deve superare il 35% del reddito annuale prodotto. In assenza di queste condizioni molto spesso i clienti devono ricorrere a garanzie aggiuntive come una fideiussione da parte di una terza persona che si impegna a pagare le rate del mutuo in caso di inadempimento del mutuatario. Altre garanzie possono essere un ipoteca sull’immobile che verrà acquistato, oppure una cambiale ipotecaria se prevista dalla banca.
In Italia difficilmente le banche finanziano il 100% del valore dell’immobile o se lo fanno vogliono delle garanzie maggiori o praticano tassi d’interesse più onerosi. Frequentemente, invece, col mutuo si arriva a coprire massimo il 70-80% del valore dell’immobile.
Infine, possiamo dire che accendere un mutuo richiede un po’ di tempo a causa delle fasi precontrattuali che sono abbastanza complesse.
La prima fase è quella dell’istruttoria dove il mutuatario produce alla banca tutta la documentazione necessaria per chiedere il mutuo e dove si specificano i motivi per i quali si richiede il mutuo. La seconda fase è quella della perizia. In questa fase si valuta, da parte di un perito esterno all’istituto di credito, il valore del bene immobile dato in garanzia per accendere un mutuo o si svolgono altri tipi di accertamenti. La terza fase è quella della chiusura dell’istruttoria. In questa fase si decide se concedere o meno il mutuo al mutuatario, con una delibera di concessione o non concessione. L’ultima fase è quella dell’atto di mutuo con il quale il contratto di mutuo inizia a produrre ufficialmente tutti gli effetti. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi statistica sul mercato immobiliare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gianpiero Quinto
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Domenico Viola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 139

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing
statistica
case
vendite
intermediazione
immobiliare
mutui
affitti
statistica intermediazione
mutui-gate

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi