Skip to content

Comunità Europea e Stati Uniti di fronte alle guerre jugoslave

L'assedio di Sarajevo e la risposta di Washington

L'Esercito federale preparava il proprio attacco al cuore della Bosnia, persuaso di poter risolvere la questione con una guerra-lampo.
La città di Sarajevo, protetta dalla barriera naturale di catene montuose, era da sempre il punto più strategico dell'area balcanica, e aveva conosciuto la sua esplosione demografica nel secondo dopoguerra, giungendo nel '91 ad avere 526.000 abitanti. Era abitata dal 49 per cento di bosgnacchi, il 30 per cento di serbi e il solo 7 per cento di croati, mentre i restanti si dichiaravano "jugoslavi" e nient'altro.

Nella notte tra il 4 e il 5 aprile, Milutin Kukanjac con truppe speciali tentò di entrare nel palazzo presidenziale nel centro di Sarajevo, ma venne fermato da un gruppo di arditi musulmani. Il giorno successivo, il 6 aprile 1992, una folla di manifestanti attraversò la città richiedendo a gran voce la pace nella Bosnia multi-etnica: una studentessa di medicina, Suada Dilberovic, venne però colpita e uccisa da un franco tiratore. Dopo di lei, altri quattro manifestanti vennero uccisi a colpi di fucile da miliziani serbi appostati sui tetti degli edifici.
I "Berretti verdi" reagirono, dando inizio a una sparatoria che suonò come campanello d'allarme generale, mentre l'Esercito federale non accennava a muovere un dito. In tale frangente iniziò a delinearsi la situazione che di lì ai prossimi quattro anni avrebbe deturpato la capitale: la sua morfologia infatti, sebbene in passato si fosse rivelata favorevole per un'efficientissima difesa, in questo caso avrebbe permesso all'Esercito federale di stringerla in una morsa d'acciaio, bombardandola da tutte le alture che la circondavano, con la motivazione ufficiale della difesa dei gruppi serbi, "esuli in massa dalle loro case e addirittura massacrati". La capitale divenne nel giro di pochi giorni un'accozzaglia di barricate, "viali dei cecchini", trincee vere e proprie da cui il terrore si irradiava presso gli abitanti della città, serbi bosgnacchi o croati che fossero. Soprattutto gli edifici-simbolo (come moschee e chiese) vennero colpiti, e una volta caduta in mano a teppisti e banditi, la città sprofondò in un battibaleno nell'incubo della fame.
Gli attacchi delle forze d'assedio si svolsero perlopiù con due diversi metodi: il bombardamento e, per certi versi ancor più emblematico di una situazione fuori controllo, il cecchinaggio. Come si può notare dall'Allegato VI del Rapporto finale della Commissione di esperti istituita in base alla mozione 780 (1992) del Consiglio di Sicurezza, "diversamente dai bombardamenti effettuati con artiglieria, mortai e carri armati dove la mira può essere o non essere precisa e dove il bombardamento in sè stesso può essere o non essere un bersagliamento premeditato, il cecchinaggio, invece, è sia intenzionale che preciso. Quando il cecchinaggio è intenzionalmente diretto contro obiettivi civili, è un crimine di guerra. Gli attacchi dei cecchini delle forze all'interno della città e nelle zone circostanti rivelano un chiaro intento di colpire obiettivi civili e non-combattenti. [...] Ci sono stati molti attacchi dei cecchini anche contro il personale e le strutture delle Nazioni Unite e dell'Unprofor vicino all'aeroporto, ai posti d'osservazione ed alle caserme."
L'unica risposta immediata venne da Washington, che per voce di Zimmermann fece conoscere il proprio dissenso a Milosevic: dal canto suo, il leader serbo si dichiarò totalmente estraneo ai fatti avvenuti in Bosnia-Erzegovina, riguardo agli attacchi aerei nei dintorni di Sarajevo. Francia e Gran Bretagna, invece, informarono il governo di Belgrado che non sarebbero intervenute militarmente.
Il 12 aprile Cutileiro concordò con i leader delle tre diverse parti in conflitto il primo ”cessate il fuoco”.
Nel frattempo Klaus Kinkel sostituì a capo della politica estera tedesca Genscher, instaurando una politica ben più realistica e meno moralistica rispetto a quella propugnata dal predecessore, adottando una tattica di disimpegno nella questione bosniaca e riallacciando i contatti economici con la Serbia.
Le cittadine occupate dalle truppe serbe (regolari e non) aumentavano di giorno in giorno: Zvornik, Bratunac, Srebrenica, Zepa, Visegrad, mentre Pale divenne la capitale provvisoria della Repubblica serba della Bosnia-Erzegovina, presidiata da militari e autorità politiche.
Verso la metà di agosto si calcolò che durante l'assedio primaverile circa 35.000 persone avevano perso la vita, mentre 420.000 erano state costrette a darsi alla fuga.
Oltre a ciò, il vicepresidente della Repubblica serba Nikola Koljevic si lasciò scappare nel settembre successivo che essendo i governi internazionali "così preoccupati di Sarajevo, nel resto della Bosnia potevamo fare quel che volevamo", alludendo all'indisturbato lavoro di pulizia etnica.
Il governo americano, a questo punto, si alterò contro la politica di Milosevic, tacciato di non aver affatto rispettato i patti precedentemente stipulati. Dopo un incontro tra Baker e il ministro degli Esteri bosniaco, il Dipartimento di Stato si risolse per un piano d'azione volto a creare un'opinione pubblica favorevole alla causa bosniaca. Le difficoltà, apparse già in precedenza, sorsero nel tentativo di trovare l'accordo tra i diversi Stati europei, che prima di delegittimare il governo di Milosevic avrebbero giustamente dovuto pensarci due volte. Nonostante ciò, il 16 aprile venne inviato da parte americana un ultimatum a Belgrado, in cui si intimava il ritiro dell'Esercito federale e delle truppe paramilitari dalla Bosnia-Erzegovina entro il 29 dello stesso mese, pena l'espulsione dalla Csce. Milosevic, tuttavia, rispose che erano i serbi bosniaci ad aver bisogno d'aiuto, massacrati dai fondamentalisti islamici e dai fascisti croati, trasformando così l'ultimatum inviatogli in un clamoroso buco nell'acqua.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Comunità Europea e Stati Uniti di fronte alle guerre jugoslave

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Elia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Bruno Mantelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi