Skip to content

La riforma degli ammortizzatori sociali. Sguardo comparato all'Unione Europea

Criticità del sistema, prospettive per gli ammortizzatori sociali

Come già detto prima, la dicitura del legislatore "in attesa della riforma degli ammortizzatori sociali" ci accompagna sin dall'art.2, co.28 L.662/1996 e la dice lunga tanto da aver sollevato il dubbio che si tratti di una mera clausola di stile per tentare di rimandare e ovviare alle criticità e inefficienze dell'attuale sistema.
L'attuale sistema degli ammortizzatori sociali presenta numerose inefficienze e criticità che generano distorsioni e malfunzionamenti nei circuiti del sistema di protezione sociale. Disfunzioni, invero, alimentate ed aggravate dalla persistente diffusione nel nostro paese del lavoro sommerso, che non consente ricostruzioni statistiche precise sull'effettivo stato di disoccupazione esistente e, conseguentemente, non permette di percepire le reali dimensioni del fenomeno. Le problematiche che maggiormente interessano la materia, cominciando da quella che sembra essere senza ombra di dubbio la più rilevante, è la prefigurazione stessa di un sistema di tutele fortemente sperequato ed eterogeneo, che alimenta processi di disgregazione e di divisione degli interessi. Si è già rilevato, infatti, che nell'attuale contesto socio-economico emergono due distinti conflitti di interessi: un primo conflitto che pone di fronte disoccupati "garantiti" e disoccupati "non garantiti"; un secondo, invece, che contrappone in specie le stesse tipologie di disoccupati "garantiti", ammessi a fruire, a parità di condizioni di tutele differenziate in relazione alla categoria o al settore produttivo di appartenenza. Viene in tal modo a mancare qualsiasi forma di solidarietà nei confronti dei soggetti più deboli, con buona pace degli ideali fondamentali di "solidarietà" e "uguaglianza" che devono viceversa imprescindibilmente informare qualsiasi intervento di welfare state. A manifestarsi, in definitiva, è proprio un'esigenza di razionalizzazione del sistema in termini di equità sociale, non ravvisandosi più ragioni giustificative in ordine alle diversità di trattamento tra lavoratori che fruiscono di standard protezionistici più o meno elevati e lavoratori che, al contrario, non godono di alcuna forma di tutela contro il rischio-disoccupazione. Esigenza, questa, tanto più forte al cospetto del dettato costituzionale, che garantisce una tutela indistinta della "disoccupazione involontaria", senza alcuna discriminazione di sorta (art. 38, 2° co., Cost.).
Altro grande problema che non convince è l'approccio al problema della disoccupazione in forma non organica, basato su una sempre più frammentata diversificazione di regimi e di trattamenti particolaristici. Essendo in specie evidente come la segmentazione delle tutele, che già di per sé contribuisce ad aggravare la governabilità del sistema, comporti inevitabilmente anche un'irrazionale "classificazione" dei disoccupati, sia in ragione della tipologia di trattamento (privilegiato o meno) cui gli stessi hanno accesso, sia in ragione della possibilità, riconosciuta solo ad alcuni di loro, di fruire di "precedenze" nel mercato delle assunzioni.
L'esperienza, infatti, ha dimostrato che la prefigurazione di un sistema di sussidi in favore dei lavoratori disoccupati incide, in termini di welfare, anche sui cosiddetti costi "indiretti", modificando i comportamenti economici dei disoccupati nella ricerca attiva di un'occupazione e, sul piano macroeconomico, l'andamento dell'offerta aggregata di lavoro.
La mera corresponsione di trattamenti economici di disoccupazione, infatti, se non accompagnata da vincoli di collaborazione o da forme di incentivazione alla ricerca di un impiego, tende a provocare malfunzionamenti nel sistema: in ragione non solo dell'incidenza che tali trattamenti hanno sul bilancio statale, così gravato (e aggravato) di oneri economici che si sarebbero potuti evitare con una pronta ricollocazione professionale dei lavoratori disoccupati, ma anche perché induce i percettori delle prestazioni, attratti dalla possibilità di cumulare il beneficio previdenziale con un'eventuale retribuzione non dichiarata, a lavorare "in nero". Il che, naturalmente, genera anomalie nell'andamento dell'offerta di lavoro e, più in generale, distorsioni a livello di welfare.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La riforma degli ammortizzatori sociali. Sguardo comparato all'Unione Europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Cuomo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Anna Maria Battisti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 154

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

riforma mercato del lavoro
condizionalita
monti fornero
ammortizzatori sociali unione europea
fondi bilaterali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi