Skip to content

Bergamo: saggio di geografia urbana

Bergamo nel 1700

Bergamo è simmetricamente distante dai confini lombardi, proprio a metà strada tra i fiumi Brembo e Serio, che scendono dalle Alpi e sfociano nello stesso fiume, l'Adda. Per la sua posizione tra la pianura e le montagne, fin dal passato ha avuto un ruolo importante nell'economia e nelle comunicazioni della Regione, ancora più importante è stata la sua funzione di “ponte” tra Venezia, il grande porto aperto all'Oriente, e Milano, nodo di traffici con il centro Europa. Questo incontro tra le due grandi città lo troviamo sintetizzato nella storia e nella cultura di Bergamo, ed è questo che la rende veramente unica. La città è situata sulle propaggini collinari delle Alpi Orobie, allo sbocco della val Seriana e della val Brembana. L'autostrada A4 la collega a Milano e a Brescia, mentre la S. S. 42 conduce al lago d'Iseo e quella 342 a Como. Gli insediamenti più antichi costituiscono la parte alta della città, cinta dalle mura erette dalla repubblica veneziana nel 1561, all'interno delle quali si snodano le caratteristiche vie strette e tortuose. La parte bassa della città, distinta dal nucleo più antico, presenta differenti caratteristiche urbanistiche. La zona centrale, attuata nel primo trentennio del 900 dal Piacentini, sorge sull'area della demolita Fiera di S. Alessandro: la periferia si estende lungo le principali vie di comunicazione, soprattutto a Nord, ad Ovest e ad Est, verso Seriate , mentre a Sud è stata delimitata dalla Ferrovia, che, nell'800, quando lo sviluppo industriale era agli inizi, faceva da contorno all'abitato. La superficie comunale occupa attualmente 38,7 Kmq, mentre gli abitanti sono circa 120.000. L'altitudine è di m.249 s.l.m. Dista da Milano 50 Km, da Venezia 200 Km. Lo sviluppo degli ultimi 40 anni ha portato la città capoluogo al centro di una conurbazione di oltre 350.000 abitanti, ripartiti in 34 comuni, ( Albano S. Alessandro, Almè, Alzano Lombardo, Azzano San Paolo, Brusaporto, Dalmine, Curno, Costa di Mezzate, Comun Nuovo, Zanica, Orio al Serio, Gorle, Grassobio, Nembro, Mozzo, Lallio, Levate, Paladina, Pedrengo, Villa di Serio, Villa d' Almè, Verdello, Valbrembo, Torre Boldone, Treviolo, Stezzano, Sorrisole, Scancorosciate, Seriate, Ranica, Presezzo, Ponte San Pietro, Ponteranica, Osio Sopra) , mentre gli altri 210 comuni sono distanti dalla città capoluogo ed hanno pochi abitanti. Il settore industriale rappresenta il 53 per cento delle attività; al suo interno, il comparto maggiore è l'edilizia ( 15 per cento ), seguito dalla meccanica, dal tessile, dall'abbigliamento e dal chimico .plastico. Il settore terziario raccoglie il 44 per cento dell'economia provinciale, mentre le attività agricole non superano il 3 per cento. Nell'area metropolitana cresce la presenza del terziario che occupa il 70 per cento delle attività tra pubblico impiego, distribuzione e servizi. Ogni giorno circa 12.000 persone si spostano dall'area metropolitana di Bergamo per recarsi a quella di Milano per lavoro. Le origini della città sono antiche e risalgono ai tempi dei Celti. Fu conquistata dai Romani nel 197 a.C. e ne divenne Municipio nel 49 a.C. Nel quinto secolo d.C., dopo essere stata sede vescovile, fu distrutta da Alarico e da Attila, ma rifiorì subito dopo sotto i Longobardi, che la ebbero in loro possesso dal 575 al 776, quando divenne contea Franca. Agli inizi del 1100 divenne Comune e si oppose a Federico Barbarossa nel 1166 partecipando attivamente alla Prima Lega Lombarda. Dopo i disordini interni, dovuti alla rivalità tra la famiglia Colleoni (Guelfa) e i Suardi (Ghibellini) e ai contrasti con le fazioni popolari, Bergamo divenne una Signoria, dapprima governata da Giovanni di Boemia e poi dai Visconti, il cui dominio durò fino al 1428, quando Filippo Maria Visconti la cedette a Venezia. La maggiore autonomia amministrativa ottenuta sotto Venezia permise alla città di Bergamo di rifiorire nei commerci e nelle industrie, finchè nel 1797, in seguito alla conquista di Napoleone, entrò a far parte della repubblica Cisalpina, insieme a tutta la Lombardia.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Bergamo: saggio di geografia urbana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Francolino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere classiche
  Relatore: Sergio Guglielmino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi