Skip to content

Tecniche di modellazione 3D a partire da dati rilevati con Laser Scanner terrestre e Fotogrammetria digitale; il caso del Castello dell'Imperatore a Prato

Storia del laser scanner

La tecnica del laser scanning rappresenta un nuovo ed efficiente metodo per la digitalizzazione e la modellazione di oggetti e di porzioni di territorio aventi qualsiasi forma e dimensione. Questo metodo di rilievo nasce nel 1933 grazie al sovietico Balaicov che brevettò il primo distanziometro ad onde ed il connazionale Lebedev che ne costruì il primo prototipo nel 1938. A partire dagli anni '70 furono messi in commercio, a prezzi accessibili anche alla piccola utenza, i primi distanziometri ad onde. E' logico pensare che la possibilità di misurare distanze con facilità ha portato ad una rivoluzione delle metodologie di rilievo e di trattamento dei dati, che ha permesso di svincolarsi dai classici sistemi di rilievo. La parola LASER è l'acronimo per "Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation", e viene definita come l'amplificazione della luce mediante il fenomeno dell'emissione stimolata di radiazione. La novità sta nel fatto di trasformare la natura dell'energia, in modo da passare da una forma di energia elettrica, ad un fascio monocromatico coerente di radiazioni elettromagnetiche di elevata intensità. Il 1° scienziato che ha studiato e approfondito l'emissione del raggio laser è stato A. Einstein nel 1917; l'ipotesi da lui sostenuta era che l'emissione di un raggio di luce ad alta intensità energetica da un atomo potesse essere stimolata da un raggio di luce incidente ad una certa frequenza. Successivamente, l'invenzione vera e propria del laser è legata a una battaglia legale durata oltre 20 anni fra il fisico americano Charles Townes e il suo studente Gordon Gould. Dopo aver fallito nella realizzazione di un radar a microonde durante la seconda guerra mondiale, Townes voleva utilizzare le microonde per studiare la struttura delle molecole; per fare questo aveva bisogno di onde elettromagnetiche con una lunghezza d'onda piccolissima ed inoltre, la radiazione utilizzata per osservarle doveva essere monocromatica e facilmente controllabile. Non sapendo come ottenere una simile radiazione, Townes e il suo studente Gordon Gould si basarono sui lavori e sugli studi di Albert Einstein del 1917 su un effetto chiamato "emissione stimolata di radiazione", per cui è possibile indurre un atomo a emettere radiazione "illuminandolo" con una radiazione dello stesso tipo. Dal punto di vista di Townes e Gould, questo significava utilizzare delle molecole come sorgente di radiazione; vi erano diversi problemi tecnici da superare, ma nel 1953, utilizzando un gas di ammoniaca i due riuscirono a far funzionare un dispositivo che battezzarono "Maser". Intanto, da un'altra parte della superficie terrestre, il fisico sovietico Nicolay Basov e il fisico australiano, Aleksandr Prokhorov stavano ottenendo risultati simili; a quell'epoca nessuno aveva ancora previsto che il laser avrebbe trovato applicazioni in settori anche molto lontani dalla spettroscopia molecolare: Townes e un suo collega della Columbia University, Arthur Schawlow, cercarono di ottenere lo stesso effetto con radiazione di lunghezza d'onda ancora più piccola, come la luce infrarossa o visibile. Grazie all'idea di Schawlow di sistemare degli specchi agli estremi della cavità, nel 1958 i due scienziati americani brevettarono questa invenzione. La parola "Laser" deriva dallo studente Gordon Gould che fu il primo a utilizzare la parola Laser e a depositare presso un notaio uno schema che illustrava il nuovo dispositivo. Molte battaglie legali si sono succedute nel tempo e l'inventore del laser, dal punto di vista legale fu Gordon Gould, ma la comunità scientifica tende ad attribuirne l'elaborazione teorica a Townes, Basov e Prokhorov, ai quali nel 1967 venne assegnato il Premio Nobel per la fisica. Come tutte le vicende storiche, tutto si complica nel proseguire del tempo: infatti il primo dispositivo veramente utilizzabile fu sviluppato da Theodore Maiman, che nel 1960 brevettò il laser a rubino: è questa l'invenzione più importante, che ha trovato innumerevoli applicazioni del laser.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Tecniche di modellazione 3D a partire da dati rilevati con Laser Scanner terrestre e Fotogrammetria digitale; il caso del Castello dell'Imperatore a Prato

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Lantini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze e Tecnologie
  Corso: Scienze geo-cartografiche, estimative ed edilizie
  Relatore: Maria Clara Ghia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 190

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

laser scanner
fotogrammetria digitale
bim
revit
topografia
geomatica
castello dell'imperatore
modellazione 3d
clouworx
cyclone

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi