Skip to content

Il carcere delle donne, le donne in carcere. Trattamento e problematiche.

La criminalità al femminile: la storia minore delle donne

Come già anticipato, quando criminologi e sociologi hanno approntato studi sulla devianza si sono soffermati sulle caratteristiche dei reati sia in relazione al dato quantitativo, tipologico e sociale, sia in riferimento alla personalità degli autori del reato e alle connessioni tra essa
e il contesto sociale e familiare di provenienza, la cittadinanza, l'istruzione, l'occupazione, l'età.
Completamente tralasciata è stata invece l'appartenenza sessuale dell'autore del reato, che non ha mai costituito un criterio specifico fondante tali studi, neanche da parte delle ricercatrici, e, anche se preso in considerazione, ha ricevuto minore attenzione rispetto ad altri fattori, quantomeno a livello statistico, essendo il numero dei reati commessi dalle donne sensibilmente inferiore rispetto a quello degli uomini.
La scarsità di indagini intorno alla donna delinquente è stata testimonianza di una persistente difficoltà culturale ad accettare che la donna possa consapevolmente decidere di uscire dal perimetro delle regole, per cui, come vedremo meglio nel prossimo paragrafo, la donna deviante, cioè colei che contravveniva alle regole che la società maschile si era data, non ha mai assunto il ruolo di portatrice consapevole di ribellione ovvero di disagio sociale, bensì, tenuta conto la sua inferiorità biologica e psichica, o come una "posseduta" (ad esempio le streghe) oppure come una malata di mente (ad esempio l'isterismo).
Secondo altri autori, invece, è stata "la sfera domestico-familiare e assistenziale" a rappresentare "uno spazio "forte" di controllo della trasgressione femminile", "controllo che presumibilmente assorbe all'interno della sfera familiare e assistenziale alcune forme di trasgressione e ne proietta altre nella categoria residuale del penale".
Altri ancora hanno preannunciato un inevitabile aumento della criminalità femminile quale conseguenza dell'emancipazione delle donne: pronostico smentito dal fatto che la percentuale delle donne detenute è rimasta invariata, come visto, sul 5%.
Ma ancor più interessante ci sembra l'osservazione di Elena Marinucci, secondo la quale, di fronte alla forte differenza tra il tasso di criminalità maschile e quello femminile, "a nessuno mai è venuto in mente di riconoscere alle donne qualità positive, su cui fondare il loro buon diritto ad una maggiore presenza nella società, nell'interesse della società stessa. Si è preferito non attribuire alle donne alcun merito per questa minore propensione al crimine e, come sempre, si è fatto ricorso a fantasticherie fondate sulla "natura¬ femminile".
Ma ancora più provocatoria è l'osservazione di Maria Laura Fadda: "la domanda perché le donne delinquono meno degli uomini, è mal posta e risente di un'ottica androcentrica; forse la domanda potrebbe essere rovesciata, perché gli uomini infrangono in tale misura le regole che loro stessi si sono dati?"; andrebbe approfondita "la caratteristica per cui le donne commettono raramente reati, anche come un segno della diversità femminile non tanto in rapporto agli uomini, ma in rapporto alla norma e al suo valore, percepito come cogente".

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il carcere delle donne, le donne in carcere. Trattamento e problematiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Maradei
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carlo Fiorio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

donne
carcere
detenute
recupero
custodia attenuata
maternità
criminalità femminile
detenzione femminile
detenute madri
reiserimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi