Skip to content

Il Caso Fiat: un'analisi comparata

Il Progetto Marchionne

Nell’incontro di fine anno del 2008 con il management descrisse Sergio Marchionne spiegò che bisognava affrontare di petto una crisi che metteva a repentaglio l’assetto mondiale dell’auto e la sopravvivenza dei singoli gruppi industriali soprattutto quelli di piccole dimensioni, e affermò che era il momento per Fiat di decidere le sue sorti: continuare ad essere un protagonista mondiale dell’auto o venire risucchiata dalla prossima crisi.
In quel periodo anche Chrysler doveva affrontare la possibilità di un fallimento e tra le vie d’uscita c’era quella di scommettere su Fiat. La decisione finale fu proprio quella di scommettere sulla casa automobilistica italiana, con il benestare dell’amministrazione Obama, secondo la quale Sergio Marchionne parlava e pensava come un americano e aveva idee molto chiare sul risanamento dell’azienda.
Marchionne veniva visto come un manager con pieni poteri decisionali, il primo dopo la morte dell’avvocato Gianni Agnelli nel 2004, con le capacità e la volontà di dare una svolta e portare un risanamento dell’azienda, grazie anche all’introduzione di un nuovo modello di governance.
Dal 2004 al lancio della fiat 500 nel 2007, la sua gestione aveva avuto come obiettivo principale quello di contenere i costi, rivedere le responsabilità dei manager meno efficienti ed alleggerire anche il coordinamento del gruppo.
Oltre al riassetto finanziario del gruppo Marchionne diede una svolta decisiva alla conclusione del braccio di ferro con la General Motors per lo scioglimento dell’alleanza.
La caratteristica che ha riscosso più consensi in Marchionne è il suo stile manageriale sobrio, efficiente, spesso differente dall’impostazione tipica dei manager italiani, proprio perché focalizzato in primis ad affrontare i problemi di business.
sindacali: la sua cultura socialdemocratica lo rendeva molto attento al rispetto dei ruoli tra lavoratori e sindacati.
I rapporti tra Marchionne e l’Italia, però, iniziarono ad incrinarsi nel 2008 e ci fu una rottura definitiva con la crisi dell’auto nel 2009 e nel 2010, nonostante l’accordo di Fiat con una Chrysler messa alle corde dalla crisi, avesse contribuito a dare nuovo smalto alle sue doti manageriali.
Il 15 febbraio 2011 nell’audizione alla Camera dei Deputati, Marchionne spiegò che Fiat non aveva salvato Chrysler con un’azione fine a se stessa, ma non aveva avuto di fatto altra scelta che creare questa alleanza perché le due case automobilistiche da sole non era in grado di farcela contro gli altri colossi automobilistici nel mondo.
Marchionne tentò anche l’acquisizione di Opel, ma gli andò male perché, benché General Motors fosse anch’essa in un momento di crisi, non aveva nessuna intenzione di rinunciare al suo mercato europeo. In aggiunta Marchionne non aveva valutato l’avversione dei tedeschi a fare alleanze con gli italiani.
Così l’obiettivo si spostò verso un risanamento di Chrysler, con l’introduzione di nuovi modelli (la 200 e la 500 versione americana) e il risanamento dei conti della casa automobilistica.
Il 2010 è l'anno delle difficili vertenze, di Pomigliano e Mirafiori: l’idillio tra il manager e i sindacati è ormai incrinato
Ad aprile viene annunciato lo spin-off tra settore auto ed le altre attività industriali: Fiat raggiunge un accordo con Cisl, Uil e Ugl su Pomigliano che incide sui turni, dà una stretta al controllo sulle assenze dei dipendenti, ma che promette anche nuovi investimenti con la produzione della nuova Panda nello stabilimento. La Fiom, però, non firma. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Caso Fiat: un'analisi comparata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Armentano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Vera Palea
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fiat
caso fiat
marchionne
world class manufacturing

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi