Skip to content

Taranto Oggi. Una Ricerca Empirica per un Progetto D'Intervento

Il questionario: la lunga strada per l’elaborazione. Una ipotesi non facile

Dopo aver analizzato in linea teorica il tema dell'industria, della cultura, del mare e dell'istruzione, e aver tracciato un breve quadro di riferimento, nasce l'esigenza di sviluppare una ricerca nella città di Taranto il cui obiettivo finale è di "avere un termometro" dell'attuale situazione valoriale e socio-culturale attraverso il parere degli stessi cittadini.

Ai fini della ricerca è stato elaborato un questionario da somministrare ad un campione di 200 persone del territorio tarantino, frutto di un'accurata analisi che tiene in considerazione problematiche strettamente legate alla città ionica. Il questionario è strutturato in due parti: la prima consiste nel proporre una serie di domande a risposta multipla agli intervistati le cui tematiche si riferiscono all'ambiente, al mare, all'industria, al lavoro, alla politica e alle prospettive di crescita per i giovani e per la città; la seconda elenca quindici valori in cui si chiede all'intervistato di indicarne cinque a cui non potrebbe rinunciare.

Nella prima parte si fa rifermento a tematiche cruciali per il territorio tarantino, problemi che nel corso degli ultimi dieci anni hanno assunto una importanza via via sempre maggiore: la situazione ambientale divenuta di primario interesse grazie alle sensibilizzazioni ambientaliste, movimenti studenteschi, e un continuo tam tam sul web che ha prodotto una straordinaria sensibilizzazione verso una tematica delicata come l'ambiente; il mare, che nell'ultimo biennio ê stato interpretato come una potenziale minaccia per il territorio a causa della distruzione di tonnellate di cozze contenenti un'inquietante dose di diossina, un prezzo salatissimo che la mitilicoltura e la pesca tarantina hanno pagato, e continuano a pagare, causa l'emergenza inquinamento in Mar piccolo, dovuto a scelte azzardate in nome del progresso; l'industria, a cui inevitabilmente si accostano i nomi dell'Ilva (ex Italsider) e dell'Arsenale, tanto che a Taranto potrebbero quasi essere considerati come sinonimi, un'industria che nel corso dei decenni ha fortemente caratterizzato le ambizioni e le aspirazioni dei giovani cittadini e dell'intera popolazione tarantina, dove il posto di lavoro statale e di una retribuzione mensile hanno mortificato le possibilità di accrescimento formativo e culturale; la politica, il cui termine a Taranto viene spesso inteso come "dissesto", la politica che non riesce a formare e dare vita ad una solida classe politica tarantina, capace di farsi carico delle problematiche socio-economiche della città e riuscire a coinvolgere attivamente i cittadini, la politica che nel corso degli anni è stata artefice di scelte poco razionali per il territorio tarantino.

La seconda parte ha l'obiettivo di individuare quali valori potenzialmente possono essere considerati come linee guida da parte dei cittadini tarantini, dando loro la possibilità di indicarne cinque tra i quindici elencati. Questa seconda parte è di fondamentale importanza in quanto i dati raccolti saranno confrontati nella parte conclusiva con i dati su scala nazionale forniti dall'indagine Censis e i risultati della ricerca del 1990 della sociologa P. Resta. Si tratta si delineare un nuovo profilo della società tarantina a poco più di 20 anni dall'indagine della studiosa tarantina.
Secondo la Resta non è possibile interrogare i soggetti direttamente sul tipo, sulla qualità e sulla quantità dei propri valori, cioè a dire sui sentimenti più intimi e sacri di ciascuno, specie poi in una città come Taranto, in cui alla domanda "quali sono i suoi valori?" si ottengono risposte stereotipate, come il decorso, l'onestà, il rispetto ecc. Io ho voluto azzardare questa strada, far parlare le persone e i bambini dei propri valori.

Nella precedente indagine furono esclusi dalla ricerca i territori di Statte, Talsano e Lama che, seppure comuni di Taranto, sembrano avere sempre goduto di autonomia culturale rispetto al capoluogo (Resta, 1990, p.20), al contrario io ho voluto includere la circoscrizione di Talsano-S.Vito-Lama per capire come le diverse tematiche affrontane nella ricerca sono percepite nelle zone più lontane dal nucleo urbano. Il comune di Statte è stato scartato anche nella mia ricerca in relazione al fatto che nel 1993 diveniva comune autonomo, anche se avrebbe avuto una certa rilevanza estende il discordo industriale sul territorio stattese.

Il problema della formazione viene affrontano nella mia ricerca entrando nelle scuole elementari, parlare con le maestre e i bambini, somministrare i questionari di ricerca al fine di avanzare delle proposte educative centrate su Taranto, mentre, nella ricerca del 1990 il problema della formazione fu affrontato con uno sguardo obliquo, in quanto maggiormente centrata sul mondo del lavoro. Nei paragrafi successivi si esamineranno in maniera dettagliata tutte le singole fasi della ricerca, dal momento del campionamento alla somministrazione dei questionari definitivi, analizzando l'esito di ogni domanda con l'aiuto di un supporto grafico, sia per la prima parte del questionario sia per la seconda, agevolando la lettura delle risultanze finali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Taranto Oggi. Una Ricerca Empirica per un Progetto D'Intervento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mattia Pace
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Cosimo Laneve
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi