Skip to content

Studio, realizzazione e caratterizzazione di un'antenna ad elica per collegamenti wi-fi

Strumentazione utilizzata: camera anecoica

Voluta fortemente da G. Latmiral, venne installata nel 1973 presso l'istituto Universitario Navale (oggigiorno chiamata Università Parthenope) la prima camera anecoica elettromagnetica nelle Università Italiane. Si tratta di una realizzazione importante, non tanto per le dimensioni (3m x 3m x 9m), ma perché segna un primato e perché è allo stato dell'arte di simili realizzazioni. Essa è tuttora operante, e tuttora con prestazioni di primo livello. Al momento del collaudo, il commento lapidario di Latmiral fu: "ora non si possono più "truccare" i risultati sperimentali".
La camera anecoica è un ambiente normalizzato di prova avente le seguenti caratteristiche:
- Schermatura verso l’esterno in modo tale che le emissioni dovute alla sorgente/apparecchiatura in prova non siano influenzati dal rumore elettromagnetico di fondo, variabile localmente; inoltre è possibile eliminare i disturbi dovuti alle onde emesse per trasmissioni radiofoniche, radiotelevisive,telefonia mobile, ecc…
- Pareti assorbenti sulle pareti interne, in modo da eliminare le componenti riflesse ed avere uniformità nella modalità di rilievo.
Quanto più le superfici sono assorbenti, tanto meno influente sarà il contributo dell’energia riflessa all’interno. Le camere anecoiche sono formate quindi da una struttura (metallica) isolante all’esterno e da pareti assorbenti all’interno. Per evitare la riflessione delle onde elettromagnetiche su facciate, pavimento, e copertura della camera, si foderano le pareti all’interno con dei materiali porosi a forma di cunei, da dimensionare in funzione dell’assorbimento desiderato. I cunei o lunghe piramidi vengono realizzati in diversi materiali. La scelta del materiale poroso assorbente dipende dal tipo di applicazione, dall’assorbimento, dalla resistenza al fuoco, etc. Lo scopo della particolare forma a cuneo è quello di aumentare la superficie assorbente. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Studio, realizzazione e caratterizzazione di un'antenna ad elica per collegamenti wi-fi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Ricciardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria dell'informazione
  Relatore: Vittorio Giorgio Vaccaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antenna ad elica
collegamenti wi-fi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi