Skip to content

Le origini, le attività e la contabilità dei Banchi Pubblici Napoletani

Dalla fede di deposito alla fede di credito

L'uso di titoli rappresentativi dei depositi e trasferibili con semplice girata era già diffuso a Napoli ai tempi dei banchieri privati, ma la fede di credito come titolo negoziabile e girabile, surrogato della moneta, fu (come già specificato) invenzione dei Banchi Pubblici Napoletani a partite dalla seconda metà del secolo XVI.
Inizialmente le fedi di credito erano dette fedi di deposito e solo i Banchi Pubblici avevano la facoltà o il privilegio di tenere banco e di emettere le fedi in cambio delle somme depositate nelle loro casse.

Nel 1580 si era diffusa tra i banchi pubblici una cattiva abitudine, cioè, quella di rilasciare, ai depositanti che volevano prelevare il loro denaro o fare un pagamento presso un altro Banco, una bancale, "polizza", pagabile da un altro Banco, il quale a sua volta rilasciava una polizza pagabile da altro Banco e così via, ciò suscitava le lamentele dei clienti e negozianti.

Per risolvere questo problema la prammatica del 29 ottobre 1580 istituì che qualora le bancali fossero spiccate su un banco diverso da quello dove c'era il deposito dovevano essere pagate da quest'ultimo, senza possibilità di rinvio ad altri Banchi, o meglio come esprimeva il documento, il pagamento non poteva essere girato ad altro Banco.
Quindi la girata, ovvero la cessione di un titolo di credito tramite una firma apposta sul retro del titolo dal girante a favore di un altro soggetto detto giratario, non poteva essere fatta e non era un requisito della bancale, fede o polizza anche se era già praticata come attestano le numerose polizze del Monte della Pietà del 1573.
Nel caso dei luoghi pii solo quando diventarono Banchi Pubblici poterono emettere fedi di credito con tutte le caratteristiche proprie di questi titoli.
Alla fondazione il luogo pio aveva una cassa di deposito, indispensabile per la sua attività istituzionale.
La cassa di deposito, cominciò col tempo, a soddisfare anche le esigenze dei terzi e si ebbero così le fedi di deposito giudiziario, le fedi di deposito semplice e le fedi di deposito vincolato.
In realtà le fedi di deposito giudiziario esistevano già prima che l'ordine regio del 1590 prescrisse che il deposito giudiziario avesse luogo nelle casse del Monte delle Pietà o degli Incurabili, infatti, è una fede di deposito giudiziario, la bancale del Monte della Pietà del 23 dicembre 1569, il secondo dei documenti più antichi di cui oggi si dispone.
In essa si dice che Pietrantonio Jasio deposita 60 ducati, da liberarsi a Federico Tomacielli, a saldo di 120 ducati, per quattro annate di censo che il Tomacielli, in contraddittorio con tale Giovanna d'Ajerbo, pretende su un fondo sito in Pozzuoli di proprietà del depositante.
Dopo poco è nata la fede di deposito semplice, la quale attesta il mero deposito di denaro, quasi certamente per una più sicura custodia, da restituirsi a richiesta del depositante.
Questo è quanto si ricava da una fede emessa dal Monte della Pietà del 1572, attestante che alla data del 9 gennaio Portia Sanfelice deposita 1051 ducati e 2 grana.
Atti notarili di compravendite immobiliari, costruzioni di doti, acquisto di rendite ed altri atti che contenevano vincoli ad una certa data o il verificarsi di alcune condizioni per il compimento del pagamento, disponevano il deposito delle somme pattuite nelle casse dei luoghi pii con fedi di deposito vincolato.
Infatti in una fede del Monte della Pietà del 26 Novembre 1573, indicava che Andrea de Carluccio depositava 305 ducati, un tari e 13 grana, da pagarsi a Geronimo de Palo, allorquando a mezzo di notaio gli avrà retrovenduto una rendita annua di 30 ducati.
Successivamente, il 21 luglio 1573, il Monte della Pietà rilasciava la prima fede di credito (divenuta poi madrefede), di cui si abbia conoscenza.
Il contenuto del documento indicava: " Noi protettori dei Sacro Monte facciamo fede tenere creditore lo magnifico Baldassarre Benadelli, di 214 ducati di cui 199 girati dal banco Mari e Grimaldi e 15 in contanti.

Con la facoltà (non espressamente dichiarata) di poter effettuare su essa fede prelevamenti e versamenti parziali fino all'estinzione delle somme depositate, ossia del credito, che ha luogo il 3 settembre 1574".
Un documento particolare dell'anno successivo (4 settembre 1574) rilasciato dal Monte della Pietà, era rappresentato da una fede di credito attestante l'avvenuto deposito da parte di Francesco de Ancora di 30 ducati, da pagarsi interamente al nominativo indicato "in piedi alla presente" (ovvero alla fede), con la restituzione della bancale.
Il 24 settembre 1574, seguì l'ordine del de Ancora di pagare la fede alla Casa Santa dell'Annunziata.
Il Monte aveva rilasciato un titolo che riconosceva l'avvenuto deposito da parte dell'intestatario, il quale aveva stabilito, la modalità di restituzione dello stesso ad un beneficiario da designare, ma non aveva rilasciato un titolo all'ordine, ovvero trasferibile tramite girata.
Solo quando il Monte ebbe la qualifica di Banco Pubblico, ebbe il permesso di rilasciare, in cambio delle somme depositate dai suoi clienti, la fede di credito, intesa come titolo all'ordine, cioê trasmissibile tramite girata.
Le fedi di deposito, sia semplici sia condizionate, continuarono ad essere emesse, anche dopo la diffusione delle fedi di credito.
Il rapporto giuridico che si poneva in essere in tutti i casi suddetti, era quello di un deposito irregolare.
Il Monte e successivamente il Banco, custodivano le somme depositate fino all'esito della controversia, o nel caso del deposito semplice, fino alla richiesta del depositante, o fino al verificarsi della condizione nel caso del deposito vincolato, o a disposizione del depositante e dei giratari nel caso della fede di credito, ma il Monte e successivamente il Banco, non erano tenuti a riconsegnare la specie del numerario ricevuto in deposito, bensì l'equivalente.

Nella sua ultima formulazione la fede di credito divenne un titolo di credito del tutto peculiare: poteva essere vincolato o condizionato, assorbendo così i requisiti delle fedi di deposito giudiziario e condizionate, e in più fungeva da mezzo di pagamento, essendo un titolo all'ordine.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le origini, le attività e la contabilità dei Banchi Pubblici Napoletani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Cherillo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Stefano Coronella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 199

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banchi pubblici
banco di napoli
banchi pubblici napoletani
fedi di credito
fedi di deposito
istituzioni pie
monti della pietà

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi