Skip to content

L'analisi della qualità nel Project Management

La definizione e le fasi del Project Management

Con il termine Project Management si intende una combinazione di uomini, risorse e fattori organizzativi riuniti temporaneamente per raggiungere obiettivi unici, definiti, con vincolo di tempo, costi, qualità e risorse limitate.
Il ciclo di vita di un progetto è composto da quattro fasi, ognuna delle quali richiede specifiche capacità del project manager e di chi collabora con lui.

Le fasi di un ciclo di vita di un progetto sono:
1. definire il progetto;
2. pianificare il progetto;
3. implementare quanto programmato;
4. completare e valutare il progetto.

Nella prima fase del progetto si stabiliscono quali sono i risultati che si vogliono raggiungere, elaborando una visione generale per quanto riguarda la realizzazione, le risorse, i costi e i tempi necessari. Ovviamente l’acquisizione di nuove informazioni più dettagliate permette di revisionare e modificare il quadro iniziale. In questa fase ci si limita a definire in termini generali il progetto.
Mediante la fase di pianificazione vengono stabiliti gli obiettivi che si vogliono perseguire, le azioni necessarie per il conseguimento e le risorse per realizzare il piano d’azione.
In questa fase è richiesta una maggiore attenzione per evitare risultati negativi. Una pianificazione inadeguata di un progetto, nella gestione del piano d’azione, può causare difficoltà nell’allocazione delle risorse e nel coordinamento dei membri del team: in molti casi questo può provocare il fallimento del progetto.
Una volta formato il team occorre analizzare il progetto e decretare quali sono gli obiettivi fondamentali che devono essere raggiunti per considerarne la riuscita e gli obiettivi che non sono essenziali, ma contribuiscono anch’essi al buon esito.
Prima di dare avvio al processo, occorre verificare se la pianificazione strategica scelta può funzionare, se è coerente con il progetto stesso e con gli obiettivi che si intendono perseguire. Solamente l’attuazione di strategie innovative rispetto alle modalità tradizionali di funzionamento del mercato sono in grado di generare crescita e redditività, poiché forniscono risposte complete ai bisogni del cliente. Le sorti di un’impresa sono legate alla sua capacità di concentrarsi sulla propria posizione strategica, cercare di migliorarla e, nel contempo, cogliere nuove tipologie di bisogni e nuovi modi di produzione, consegna e vendita dei beni o dei servizi.

Nel caso in cui il progetto ha l’obiettivo di immettere un nuovo prodotto sul mercato allora si andrà ad effettuare un’analisi dettagliata del mercato stesso, chiedendo proprio ai clienti quali sono le esigenze che il prodotto deve soddisfare, facendo un confronto con i prodotti simili già presenti e valorizzando le differenze del nuovo prodotto rispetto a quelli già esistenti.
Inoltre, è possibile, verificare la fattibilità del progetto anche operando con un test pilota in un’area limitata di mercato. Infine attraverso l’evoluzione della tecnologia è possibile utilizzare modelli di simulazione su computer che permettono di individuare i possibili problemi prima che il progetto sia operativo.
I risultati ottenuti da questi studi permettono di verificare se la missione aziendale potrà essere realizzata, passando in questo caso all’attuazione pratica, oppure, qualora i risultati ottenuti non siano soddisfacenti, si passerà all’utilizzo di tali informazioni per riformulare il progetto.
Occorre esaminare attentamente quali sono le esigenze del cliente e definirle, processo che può risultare problematico.
E’ necessario studiare attentamente le priorità, il ruolo che il cliente riveste in una data situazione ed il mercato in cui l’organizzazione aziendale opera. Attraverso le priorità del cliente è possibile effettuare un’indagine sul consumatore per avere maggiori informazioni e capire come variano le sue esigenze in base alla situazione in cui si trova.
Infine avere una corretta conoscenza del mercato è un requisito essenziale per l’organizzazione, al fine di adottare specifiche strategie.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'analisi della qualità nel Project Management

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Bonadduce
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Teramo
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Economia bancaria
  Relatore: Christian Corsi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi