Skip to content

Lo sport come servizio pubblico locale: le forme di gestione

Gli impianti sportivi comunali

Prima di entrare nel merito degli impianti sportivi è importante soffermarci sulla classificazione dei Beni Pubblici cioè i beni che appartengono allo Stato o ad enti pubblici e che costituiscono gli strumenti attraverso i quali la P.A. realizza le finalità assegnatele dall'ordinamento.
Si dividono in Beni Demaniali e Beni Patrimoniali.

. BENI DEMANIALI
Si dividono in beni del demanio necessario e beni del demanio accidentale

. Demanio necessario: Sono tutti quei beni necessari ai compiti riservati allo Stato e agli Enti territoriali (Regioni, Province e Comuni) e che non possono mai appartenere a un privato. Vi fanno parte: il demanio marittimo, costituito dalle spiagge, dal lido del mare, dai porti (esclusi quelli di interesse nazionale che appartengono invece allo Stato); il demanio idrico: acque, fiumi, canali; il demanio militare : fari, caserme, piazzeforti, fortificazioni.

. Demanio accidentale: Sono quei beni che potrebbero appartenere anche ai privati ma che per la loro funzione di interesse pubblico rivestono il carattere della demanialità o che appartengono direttamente agli enti territoriali: strade, autostrade, acquedotti, immobili di interesse artistico e storico, musei, ecc…
I beni del demanio pubblico sono inalienabili, cioè non possono essere trasferiti ai privati; pertanto non sono soggetti ad usucapione né ad esproprio.

. BENI PATRIMONIALI

I beni patrimoniali, generalmente, non posseggono il carattere della inalienabilità e si dividono in indisponibili e disponibili. In ogni caso non possono essere sottratti alla loro destinazione, "se non nei modi stabiliti dalle leggi che li riguardano".

. Indisponibili: Sono quei beni elencati nell'art. 826 del codice civile: foreste, miniere, cave, le cose di interesse storico, archeologico, e artistico, da chiunque e in qualunque modo ritrovate nel sottosuolo, i beni costituenti la dotazione della Presidenza della Repubblica, le caserme, gli armamenti, gli aeromobili militari e le navi da guerra. Inoltre fanno parte del patrimonio dello Stato o rispettivamente della Regione, della Provincia o del Comune, secondo la loro appartenenza, gli edifici destinati a sede degli uffici pubblici, con i loro arredi, e gli altri beni destinati a un pubblico servizio.

. Disponibili: Sono quei beni posseduti dagli enti pubblici, a titolo privatistico: per es. un immobile dato in affitto a terzi dietro il pagamento di un canone o di un affitto (le case popolari o i caseggiati attorno a un faro). Essi sono sottoposti alle norme del codice civile e vengono trattati come se appartenessero a comuni cittadini.

La decisione dei magistrati sono costanti ed omogenee nel definire l'impianto sportivo comunale come rientrante tra i beni facenti parte del patrimonio indisponibile.
Sulla questione si è pronunciata la Cassazione in una controversia che aveva come parti il Parma Associazione Calcio S.P.A., il comune di Parma e alcuni privati.
Il Comune di Parma quale proprietario dello stadio comunale aveva stipulato con il Parma A.C. un contratto per l'utilizzo dello stadio con un canone annuo.
Poiché era sorta la necessità di ampliare la capienza dello stadio, si accordo di estendere la durata del contratto di locazione dell'impianto sportivo e provvedendo all'approvazione dei nuovi lavori edilizi.
Il tribunale amministrativo stabilì che erano state violate le norme e le regole riguardanti le pubbliche gare e le previsioni del piano regolatore comunale.
In pratica era necessaria l'indizione di una pubblica gara e non di una trattativa privata come era stata fatta.
La decisione della Corte di Cassazione ha ribadito il rapporto che deve intercorre tra il Comune e la società di calcio, non può essere ricondotto ad un contratto di locazione privato, ma deve qualificarsi nell'ambito della concessione amministrativa.
Fondamento di tale decisione è stato l'accertamento della natura patrimoniale indisponibile del bene dato in gestione e utilizzato dal privato.
La corte individua negli impianti sportivi beni destinati a pubblico servizio, in quanto l'amministrazione, costruendoli e adoperandoli per l'attività sportiva intende soddisfare l'interesse proprio e dell'intera collettività alle discipline sportive.
Affinché un bene non appartenente al demanio necessario possa rivestire il carattere pubblico proprio dei beni patrimoniali indisponibili perché destinati ad un pubblico servizio devono sussistere due requisiti che sono relativi, il primo: alla manifestazione di volontà dell'ente titolare del diritto reale pubblico che deve darsi attuazione con l'emanare un atto amministrativo in cui si evinca in modo chiaro la determinazione di tale soggetto di destinare quel determinato bene ad un pubblico servizio; il secondo: al fatto che quel bene sia attualmente destinato al pubblico servizio
La sentenza quindi conferma gli orientamenti della magistratura nella qualificazione del bene impianto sportivo o stadio comunale.
Inoltre, viene confermata una valenza pubblica dello sport e viene collegata l'attività sportiva medesima a finalità di interesse pubblico che si possono ricondurre in modo diretto e primario al Comune. Questo ente diviene destinatario di tutti gli effetti che si ricollegano alla gestione del bene impianto sportivo e di conseguenza alla individuazione di coloro che possono avere interesse ad un utilizzo del medesimo e di tutti gli accessori riconducibili.
La giurisdizione in tema di rapporti tra privati e enti pubblici per quanto attiene alla concessione di impianti sportivi o di appalti di servizi appartiene alla magistratura amministrativa (tribunali amministrativi regionali).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lo sport come servizio pubblico locale: le forme di gestione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Buschi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'amministrazione
  Relatore: Gabriele Bottino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi